© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Il gruppo di Progetto Babele su Facebook
SCARICA GRATUITAMENTE LA RIVISTA IN FORMATO PDF ACQUISTA UNA COPIA STAMPATA DELLA RIVISTA SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Contatta il WebMaster help&faq
 
 
PB NEWS:    [06/10/2017] Il 12 Ottobre 2017 chiude i battenti la storica NETEDITOR    [19/07/2017] Lacrime d’Inchiostro    [24/03/2017] L'editore più povero del mondo parla sul blog "La Casa di Carta"    [25/04/2015] Audio Antologia della Letteratura Italiana Vol. I e Vol. II    [22/01/2018] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    ULTIMI INSERIMENTI SUL SITO AL 22/01/2018    Recensioni     Memorie di un ragazzo di borgata di Mario Rosati     Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio     Andata e ritorno di Elena Ciurli     L´anno prossimo a Gerusalemme di Andrè Kaminski    Il ritorno di Nibiru di Massimo Fratini    Il parere di PB     Sesso, droga e rococò - Storia del falsetto dai castrati all di Massimo Di Vincenzo     C è un tempo per gioire, c è un tempo per patire di Manrico A.G. Mansueti     Papà mi presti i soldi che devo lavorare? di Alessia Bottone    Le rose di Eusebia di Claudio Secci    La lama nera di Dario De Judicibus    Articoli e saggi     L´horror psicologico di Michele Pastrello     ANTONIO ALTOMONTE «emblematico ricostruttore di perdute dimensioni».     Il mondo poetico del calabrese Rocco Nassi     FRANCESCO PERRI (Careri 1885 – Pavia 1975): il primo scrittore antifascista della letteratura italiana e il primo cantore dell’emigrazione meridionale     La donna indiana tra letteratura e realtà. Anita Desai e Kamala Markandaya.    Racconti     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice     Lettera ad una cucciola di Cinzia Baldini    AUDIOLIBRI     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro     L`ultimo di Giuseppe Foderaro letto da Luca Govoni    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Rodolfo Walsh (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Una vita nel mistero (ITALIA 2010) regia di Stefano Simone    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix     Tapes (2008) - Alanis Morissette    IL FORUM DI PB    Ultimo topic: Experimental Poke out inserito il 2018-01-18 (ultimo aggiornamento 2018-01-18)    Ultimo post: inserito da il 2018-01-18 sul topic Experimental Poke out    
 
 
Email
PSWD
CONSIGLI DI LETTURA
Arretrati e copie stampate
PB International
PB Interactive
IN PRIMO PIANO


OnlineUtenti connessi: 10
Utenti collegati in chat 0

Dal 01/01/2003
questo sito ha generato
97.194.435
esposizioni

 
     

L´horror psicologico di Michele Pastrello
a cura di Gordiano Lupi
Pubblicato su Non Applicabile



VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 183
Media 81.2 %

Articoli

Michele Pastrello (www.michelepastrello.it) è un giovane autore veneto che ha girato tre corti di buon interesse, molto promettenti per la sua futura carriera. Resta il problema di sempre - che vale sia per i bravi scrittori alle prime armi che per i validi registi - della diffusione e del modo per far conoscere opere che meriterebbero un pubblico.

Il primo corto che ho analizzato è Nella mia mente (2006), ottimo psyco thriller girato nel 2005, vincitore del Pesar Horror Film Fest 2006, ammesso al Puchon SudKoreano e altri festival importanti.

Il regista dice: “Era il mio primo film e molte cose non le rifarei, soprattutto i dialoghi iniziali, ma credo resti comunque impresso in qualche modo in chi ha la fortuna di guardarlo”.

Pastrello dimostra intelligenza e senso critico - doti fondamentali per chi vuole crescere - perché il maggior difetto della pellicola sono proprio i dialoghi iniziali tra i fidanzati durante un incontro amoroso in auto. Il titolo svela in parte il finale e lo sviluppo della trama e anche questo è un difetto, ma facilmente correggibile. I pregi della pellicola - girata in dvd con un budget di 800 euro per 4 giorni di riprese e 26 minuti di durata - sono di gran lunga superiori ai difetti. Ottima la fotografia notturna di Thomas Cicognani, ma contribuiscono alla suspense anche le musiche intense e suggestive di Pekka Ketonen. Bravi gli attori, soprattutto Angela Picin nel ruolo della ragazza tormentata che assume una maschera complessa, capace di passare dal terrore alla follia. Buona anche l’interpretazione di Tobia Cinetto nei panni del fidanzato, si ricorda il suo sguardo folle e allucinato visto dagli occhi della ragazza che spia dal buco della serratura. Marcella Braga interpreta la madre, non ha un ruolo decisivo nella vicenda, ma è limitato a poche sequenze iniziali.

Il film comincia con una citazione colta di Aksadov, passa dal bianco e nero al colore in rapida dissolvenza per indicare il tempo che scorre e mostra subito un tentativo di rapporto erotico in auto molto ben girato. Una fotografia scura, notturna e inquietante, fa da prologo all’apparizione di un killer che indossa guanti neri e cappellaccio, chiaro omaggio a Mario Bava e Dario Argento. Tralasciamo la pesantezza del dialogo tra la ragazza e il fidanzato, concentriamoci sulla bella atmosfera da horror erotico, resa da una notte di pioggia e da un killer surreale che appare e scompare. La parte migliore della pellicola è girata dentro le mura della casa, perché fotografa bene un crescendo di terrore nella mente della ragazza, invasa dalla sua follia e da pensieri di morte. Sono molti gli effetti speciali che contribuiscono a creare il meccanismo della suspense: una televisione che si accende da sola, un orologio rotto, il sangue da una ferita, la scena del bagno con la ragazza angosciata che chiama sua madre, le porte che cigolano, la musica che cresce di intensità, il terrore dipinto negli occhi della protagonista che si fa sempre più forte, il respiro affannoso, fino alla scoperta di un cadavere. Mi fermo qui con la trama per non svelare il finale e altri retroscena, ma sottolineo che il regista dispone di un grande senso del ritmo ed è un ottimo creatore di suspense e di terrore. Sono buoni i flashback durante i quali la ragazza ricorda il passato, così come si ricordano le sue trasfigurazioni fisiche. Michele Pastrello si cimenta in un’intelligente e originale variazione sul tema della schizofrenia e dello sdoppiamento della personalità.

Nuvole - episodio 1075 è del 2007, il regista non lo ama molto, lo definisce “un lavoro di transizione”, anche se a me non è dispiaciuto. Si tratta di un horror insolito perché racchiude il tema del’amore lesbico e alcuni elementi tipici della soap opera. Da segnalare interessanti momenti erotici che sono in linea con l’horror e il thriller italiano degli anni Settanta, la sufficiente interpretazione delle due attrici e una bella parte onirica a tematica zombi che il regista riprenderà - sviluppandola meglio - nel successivo 35. Pure in questo corto la musica gioca un ruolo importante, soprattutto la dolce musica di Natale che precede un omicidio e che pare un omaggio a Dario Argento. Il tema che il regista mette in primo piano è quello di amore e morte, che deriva dalla tragedia greca e pervade di sé la letteratura universale, ma anche questa volta il registro è originale. Molto bella la scena sul mare, soprattutto la fotografia da soap opera con un gabbiano che vola nel primo sole del mattino tra i pensieri e i ricordi dell’assassina. Buona la tecnica con cui il film è girato.

32 è la vera novità di Michele Pastrello, ancora inedito, ma visionato da alcuni critici cinematografici, girato in dvd con un budget di 400 euro, per 3 giorni di produzione e 26 minuti di durata. Il regista dice: “Per questo lavoro mi sono ispirato a Le colline hanno gli occhi di Wes Craven, come opera horror. Si tratta di un action thriller politico, nel senso che è un tentativo, attraverso il genere, di raccontare un disagio. Nello specifico la brutalizzazione dell’ambiente e soprattutto del paesaggio in Veneto: in questo caso il passante autostradale di Mestre”. Tutto vero, ma non mi soffermerò più di tanto su questo punto, tra l’altro ben analizzato dal collega Danilo Arona in una recensione uscita su Carmilla. Pastrello cita il cinema thriller politico statunitense degli anni Settanta, ma soprattutto il rape e revenge, al punto che si notano assonanze con L’ultima casa a sinistra di Wes Craven, Arancia meccanica, La casa sperduta nel parco di Ruggero Deodato e tanto cinema di sexesploitation (Non violentate Jennifer, Autostop rosso sangue, L’ultimo treno della notte …) che l’autore dimostra di conoscere. La fotografia di Mirco Sgarzi - che descrive un paesaggio campestre veneto deturpato dai lavori di costruzione di un immenso raccordo autostradale - è davvero curata e degna di un lungometraggio d’autore. Bravissima (e dico poco) l’esordiente Eleonora Bolla, che meriterebbe di essere presa in considerazione per ruoli cinematografici importanti. Il film è tutto incentrato sulla sua grande personalità di attrice, ben diretta da un regista ispirato. I dialoghi sono ridotti all’osso, il film è pura azione - come da scuola rape e revenge - fughe nei campi, aggressioni, rapporti strappati, violenze carnali, tentativi di omicidio, percosse, rimorsi, ricordi, flashback e parti oniriche. Ottimo l’uso del primissimo piano alla Mario Bava per immortalare occhi disperati, espressioni di angoscia, dolore, stupore e desiderio di vendetta.  Il film è rapido, coinvolgente, immune da pecche, ben recitato anche da Enrico Cazzaro nei panni del violentatore. Interessante la parte onirica (un ampliamento migliorato da Nuvole) durante la quale la ragazza violentata immagina la resurrezione come zombi del suo aggressore. Da antologia la sequenza onirica con lo zombi che compare improvvisamente alle spalle della vittima. Le sequenze erotiche che descrivono le percosse e la violenza carnale sono molto realistiche, così come sono ottime le immagini dei corpi distesi, le dissolvenze e la cupa doccia da horror, che non ha niente di sexy. La fotografia all’interno della casa è scura, accompagna una tensione sempre più palpabile e il rimorso della ragazza che cura le ferite e si fa catturare dall’angoscia. La musica cupa accompagna voci minacciose che si diffondono per la casa in un crescendo claustrofobico, ma in realtà sono nella mente della protagonista. Il film è lento ma non annoia, perché il regista ha il senso del ritmo e sa dilatare i tempi dell’azione senza risultare fastidioso. Non anticipo il finale, ma dico solo che tutto si risolve in una continua, disperata fuga per le campagne venete che immortala l’orrore negli occhi della protagonista.

32 è un ottimo lavoro che segna una nuova incursione nell’horror psicologico da parte di Michele Pastrello e un ulteriore capitolo dedicato all’analisi della figura femminile. Il giovane regista pare molto interessato al tema e non ha torto, perché - come ha già detto qualcuno - la complessità è femmina.

Ne consiglio la visione. Non ve ne pentirete.

© Gordiano Lupi




Recensioni ed articoli relativi a Gordiano Lupi

(1) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(2) Velina e calciatore, altro che scrittore! di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(3) Un’ombra anche tu come me di Giancarlo Narciso - RECENSIONE
(4) Questioni d'onore. Storie di Cosa Nostra di Antonino Genovese - RECENSIONE
(5) Cuba magica - Dialogo con un santero di Gordiano lupi - RECENSIONE
(6) Serial killer italiani di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(7) Versi tra le sbarre di AA.VV. a cura di William Navarrete - RECENSIONE
(8) Con le peggiori intenzioni di Alessandro Piperno - RECENSIONE
(9) Il distributore di volantini di Maurizio Cometto - RECENSIONE
(10) Nero tropicale di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(11) Serial Killer italiani di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(12) UN’ISOLA A PASSO DI SON -Viaggio nella musica cubana di Gordiano Lupi - RECENSIONE
(14) Malefica - 13 fiabe crudeli di Paolo Di Orazio - Ivo Scanner - Gordiano Lupi - Alda Teodorani ed altri - IL PARERE DI PB
(15) Il palazzo di Gordiano Lupi - IL PARERE DI PB

Testi di Gordiano Lupi pubblicati su Progetto Babele

(1) L´horror psicologico di Michele Pastrello a cura di Gordiano Lupi - ARTICOLO
(2) Amore incompatibile di Francesco Dell´Olio - RECENSIONE
(3) Andata e ritorno di Elena Ciurli - RECENSIONE
(4) È vero che il giorno sapeva di sporco di Mario Bonanno - RECENSIONE
(5) Sharaz-De Le mille e una notte di Sergio Toppi - RECENSIONE
(6) La versione di Gipo di Alberto Facchinetti - RECENSIONE
(7) Ciak, si spara di Nico Parente - RECENSIONE
(8) La Caduta di Sabrina Crivelli - RECENSIONE
(9) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(10) Anton Giulio Majano – Il regista dei due mondi di Mario Gerosa - RECENSIONE
(11) Alla ricerca dell'Isola Perduta di Stefano Giannotti - RECENSIONE
(12) Io non sono la Coop di Alessandro Angeli - RECENSIONE
(13) Leo Longanesi - Il borghese conservatore di Francesco Giubilei - RECENSIONE
(14) Il segno del telecomando - Dallo sceneggiato alla fiction di Biagio Proietti – Maurizio Giannotti - RECENSIONE
(15) Solo il tempo di morire di Paolo Roversi - RECENSIONE
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO ARTICOLI

>>Archivio vecchi articoli (fno al 21/05/2007)

 

 





-

dal 2017-07-14
VISITE: 522