Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [21/08/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     La grande e inanerrabile riunione gastronomica di Piero Gurgo salice     La donna dimenticata di Mara Sansonetti     L'abulico di Bruno Corino     La campanella di Pasquale Francia     L'Alhambra di Marco Pinnavaia    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La mia Landau ed altre storie
di Giuseppe Butera (2008)


Prefazione


Fare lo scrittore, e cercare di farlo seriamente, anche divertendosi (le due cose non sono incompatibili, a nostro modesto parere), mentre nella vita si pratica un altro lavoro, è oggi la situazione più comune. Se poi l’”altro lavoro” è impegnativo e molto serio a sua volta, e non è connesso in alcun modo con la letteratura, la scrittura diventa una specie di evasione, ma ancora di più, di alterità, di vita differente, come se due nature si intersecassero, a volte dialogando (o forse altercando) tra loro.
Pensando a questo libro di racconti di Giuseppe Butera “La Landau azzurra ed altri racconti”, si nota che le alterità sono più di una: c’è quella tra la professione medica (che si affaccia qua e là) e la vita di scrittore, ma c’è una doppia natura più specifica, tra le origini siciliane dello scrittore, e l’approdo nel Brasile amazzonico. Professionalmente e personalmente, è facile immaginare che un passaggio del genere possa essere pieno di difficoltà, ma anche di attrattiva e di sfide con se stessi.
Letterariamente, richiede di ricostruire giorno per giorno la propria lingua natale dal confronto e spesso da una felice contaminazione con la lingua del paese ospite. E per un siciliano, questo può significare molto: molti scrittori siciliani, a cominciare da Verga, fino ai più recenti Bonaviri, e, perché no, Camilleri, hanno dovuto creare quasi ex novo una lingua che fosse in grado di aderire alle cose. I risultati sono stati spesso affascinanti e specialmente molto pregnanti: e la triplice combinazione portoghese/italiano/siciliano dei racconti di Butera non lo è meno. Alcuni termini che troverete qua e là, specie nei racconti di Giovanna, come “ammaccabàsole”, “avvossia”, sono indicativi di questa ricerca linguistica, e dimostrano il lungo lavoro di scrittura dei racconti. Invece, nei racconti della Landau si trovano termini di lingue indie che (sorpresa!) sembrano anch’essi agrigentini, sicché forse i due estremi si toccano.
L’interesse non si ferma al punto di vista linguistico, però: la caratterizzazione dei personaggi è estremamente interessante: si può facilmente identificare che i racconti della serie della Landau sono d’ambiente brasiliano (inteso nel senso più vasto: la commistione culturale è presente quasi ad ogni pagina), e la trovata di legare i racconti attraverso l’immagine della Landau azzurra (celebre coupé della Ford australiana) conferisce una coerenza ed un’unità interna siginificativa alla raccolta. Anche nei racconti della Landau ci sono riferimenti culturali “alti”, anche se sarebbe un peccato dire di più, perché sono parte integrante della trama di alcuni dei racconti, come in “Pamina e Tamino” ed aun certo punto spunta pure una cattleya, il fiore caro a Swann, il personaggio di Proust, ma in questo caso si tratta del fiore vero (di origine brasiliana) e non di quello dipinto su un vestito femminile, come nella “Recherche” proustiana. Si gira per l’Amazzonia, ma è come fare un periplo del mondo intero, tra ragazze madri (sarà proprio così), generali, capi tribù e...centauri agrigentini. I racconti di Giovanna sono invece decisamente d’ambiente siciliano, anzi agrigentino: Giovanna è una di quelle popolane di pura intelligenza, magari poca cultura ‘’seria’’, ma imbattibile buon senso, e conseguentemente piena di successo (inteso come vuole lei, ovviamente: ognuno ha quel che desidera) nella sua vita. E, naturalmente, parlando di Agrigento, si incontra, almeno sotto forma di “gioco” coi titoli dei suoi drammi, il grande Pirandello (ma Giovanna altrove storpia, o forse rende più veri, anche i titoli dei brani swing del dopoguerra), cui è dedicato un altro breve scritto presente nella raccolta (e si vede chiaramente che Butera è, per quanto contenuto ed ironico come sempre, in fondo orgoglioso del suo illustre concittadino). In breve, Giovanna incontra la storia del secolo, sotto forma musicale, o drammaturgica, o sotto forma di passione per i motori.

In entrambe le serie di racconti, così come negli altri racconti e brevi scritti che seguono, Butera dà prova di umorismo, e di onestà letteraria, nel non prendersi mai eccessivamente sul serio: anche in questo l’origine siculo/brasiliana lo porta ad un piacevole ed a volte tenero disincanto. Questo non vuol dire che non voglia dare rilievo ai suoi caratteri, ma che non vuole prestar loro retoricamente un carattere falso, invece mostrandoli con un linguaggio ed in un contesto il più possibile vicino al vero. Non è però un’operazione alla Camilleri, nel senso che Butera mantiene un po’ di distacco amatoriale, nel senso migliore del termine, pur in una qualità di scrittura molto accurata ed “alta”, e compie una ricerca prima di tutto in se stesso e nel suo mondo. Ed è anche questo che assicura il divertimento, ed a volte la comicità, che deriva spesso dalla situazione amabilmente ed abilmente descritta.

Carlo Santulli



VISITE: 97

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.