Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [19/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
32 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Premio Unibook ANNO PRIMO
di A.A.V.V. (2010)


Prefazione


Si potrebbe pensare che organizzare un concorso letterario non sia, in fondo, una cosa complicata. L'osservazione è certo legittima, se proveniente da qualcuno che non lo ha mai fatto.
Questo perché, in genere, le cose (tutte) se viste da fuori hanno la spiacevole tendenza a sembrare molto facili.
Chiedo, quindi, ai cortesi lettori di questa prefazione... Non sarete tanti, immagino. Di solito le prefazioni si saltano, per leggerle, eventualmente, dopo aver terminato il libro. E' assolutamente legittimo (anche Pennac ne converrebbe) e, chissà, forse è anche meglio. Chiedo ai lettori – dicevo - di fare un piccolo sforzo e di fidarsi della mia parola, laddove dico che la fatica necessaria alla preparazione di questa piccola antologia mi sembra, a volte, assolutamente sproporzionata al centinaio di pagine che ne è risultato. Per fortuna mi basta leggere qualche riga a caso, qua e là, perché mi si stampi sul viso un sorriso di soddisfazione che, per quanto faccia, non riesco a nascondere. Per inciso, leggere qualche riga a caso è, senza ombra di dubbio, il modo migliore per valutare la qualità di un libro sconosciuto, si tratta di un metodo affatto scientifico ed ampiamente collaudato che tutti i frequentatori di bancarelle e polverosi repositori di volumi di seconda mano conoscono benissimo; da Onetti ai pochi, fortunati visitatori del cimitero dei libri perduti che si trova, come tutti sanno, da qualche parte nel Barrio Gotico di Barcellona. Non che mi stia lamentando, ci mancherebbe altro. Incontrare, sia pur virtualmente, i dieci autori presenti in questa antologia, è stato un piacere cui non avrei rinunciato per niente al mondo; diciamo che questa premessa è il mio modo, un po' perverso, per scusarmi ancora una volta con loro per averli costretti ad attendere tanto prima di poter vedere, accuratamente impaginato e mirabilmente rilegato, il frutto del loro genio.
Mi rendo conto, a questo punto, di aver forse dato per scontate alcune cose che, chissà, il lettore casuale o chi trovasse questo libro, per dire, nella sala d'attesa di un dentista, potrebbe ignorare. Molto brevemente, quindi, ricordiamo che: questa antologia contiene i dieci racconti finalisti del primo Premio Letterario UNIBOOK, organizzato da Progetto Babele Rivista Letteraria in collaborazione con Unibook.com e terminato nel mese di Settembre 2009. Unibook è, ma questo è ovviamente noto, uno dei più importanti gruppi operanti sul WEB nell'ambito del Print on Demand (a livello europeo); più modestamente, Progetto Babele è una rivista letteraria sospesa fra cartaceo e digitale che ho avuto il piacere di fondare nel 2002 e che, da allora, nel bene e nel male, indegnamente conduco.
Un po' in ritardo (per via di svariati problemi organizzativi) e sospettosamente vicino al termine dell'edizione 2010, oggi, 20 Agosto, consegno infine alle stampe l'antologia che avete tra le mani. Prova (quasi) vivente che a volte val la pena attendere. (Uhm... questo mi pare di averlo già scritto, e più di una volta. Sarà perché non riesco – mai – a rispettare una deadline?) In realtà, i problemi organizzativi cui è dovuto il ritardo di cui sopra sono legati, non tanto alle mie limitate capacità (che sono, comunque, limitate), quanto al successo inatteso – non si dice sempre così, per falsa modestia? - del concorso. Oltre cinquecento i racconti “validi” - cioè conformi al bando – ricevuti, almeno un centinaio quelli degni di menzione, cinquanta o più quelli veramente “buoni”. Da qui la necessità di lavorare, dolorosamente, di cesello per ridurli a dieci, come previsto dalle postille inflessibili e microscopiche del regolamento. Nell'impossibilità di ottenere dalla giuria un risultato unanime, ci siamo spesso affidati alla brutale praticità delle medie aritmetiche, ovviamente (e colposamente) forzando un giudizio complesso nella crudele asetticità di un numero percentuale.
Non sto dicendo che abbiamo “sbagliato”, ovviamente. La competenza e la professionalità dei giurati, che ringrazio ancora una volta per la pazienza e l'impegno, è fuori discussione: i dieci racconti che trovate qui di seguito sono – molto probabilmente e tenendo conto della soggettività di una simile affermazione – i migliori tra quelli che ci sono stati inviati dai lettori della rivista e dai frequentatori del sito di Unibook, e tuttavia... sarebbe stato forse necessario pubblicarne venti (o più) per rendere giustizia a tutti quegli autori la cui abilità, originalità, fantasia avrebbero meritato ben più di una semplice citazione da parte della giuria.
Sia quel che sia, questa è la natura di ogni competizione ed ai lettori spetta il compito di giudicare le scelte dei giurati, così come questi hanno implacabilmente giudicato i racconti pervenuti in redazione.
Nelle pagine che seguono troverete, dunque, il racconto vincitore dell'edizione 2009 del Premio Letterario Unibook. Si tratta di: Mi mancano i plugin, poetica ed arrabbiata riflessione sull'alienazione legata al mondo del lavoro, scritta dal bravo (e giovane) Emanuele Serra, del quale abbiamo voluto premiare tanto l'originalità stilistica quanto la profondità dei contenuti. Come prevedeva il bando del premio, Emanuele ha vinto, oltre al diritto ad essere inserito in questo volume, la pubblicazione di una antologia personale che dal racconto vincitore prende il titolo e che può essere acquistata direttamente sul sito di UNIBOOK (www.unibook.com) oppure tramite Progetto Babele Rivista Letteraria (www.progettobabele.it). A costo di sembrare parziale (non che me ne importi...), mi permetto di suggerirvi di procurarvene una copia, magari chiedendo all'autore, con un po' di sfacciataggine, di autografarvela. Non si mai. In ogni caso, non credo che ne rimarrete delusi.
Per quanto riguarda gli altri nove finalisti, non ci è parso opportuno compilare “classifiche” che non avrebbero avuto un riscontro oggettivo, incontrerete quindi nove autori per altrettanti racconti di alto livello, che ciascuno potrà classificare a seconda del proprio gusto personale. Apre l'antologia Renata di Sano, con Due scrittrici, interessante riflessione sulla scrittura vista “dall'altro lato del libro”, ovvero con gli occhi disillusi e forse miopi della correttrice di bozze di una casa editrice, incaricata di riscrivere all'infinito la medesima, cortese, lettera di rifiuto. Questo, almeno, fino al giorno in cui... Segue Al tvajol ed Furmajin di Roberto Vaccari, intelligente cronaca a rebours del suicidio dell'editore modenese di origini ebraiche Formiggini; disperata, e muta protesta contro l'introduzione delle leggi razziali volute dal governo fascista. Racconto cui sono particolarmente affezionato e del quale sono un po' invidioso, perché si tratta di un evento ingiustamente dimenticato che, da anni, avrei voluto raccontare io stesso. Ma sono contento di essermi trattenuto, perché Vaccari lo ha certamente fatto meglio di come avrei potuto farlo io. Se Il cuore di un unicorno, di Carmine Caputo, è un brillante (e ben riuscito) esempio di quel particolare genere di narrativa che trasforma lo sport in metafora di vita, Il passato immobile di Sara Passerini potrebbe essere definito (se le definizioni fossero ammesse), una breve, inusuale storia d'amore, la cui protagonista reinventa sé stessa attraverso la trama labile e mutevole dei ricordi. Oppure, citando Sara Passerini che cita Kundera, potremmo semplicemente dire: “Pensate che il passato, solo perché è già stato, sia compiuto ed immutabile?”. Anche Mai dire revival di Patricia Wolf (robusto racconto, che riprende in pieno lo stile consolidato e carismatico della sua autrice) è una specie di storia d'amore a due voci, dove il passato gioca un ruolo da protagonista; anche se, date le premesse, il finale ci porta abbastanza lontano. Tutt'altro registro narrativo per Il talismano bastardo di Françoise Vital, un racconto molto particolare, come particolare (e importante) è il tema che affronta, ma quello che lo caratterizza è la forza e la potenza delle immagini che trasmette al lettore attraverso l'uso sapiente della parola, in un calibrato crescendo di tensione che culmina nel crudo grido finale. Preambolo di un tappettappatore di Francesco Massinelli è – lo si intuisce già dal titolo, vero? – un racconto decisamente inusuale. Certo, l'invenzione semantica gioca un ruolo fondamentale, così come l'uso sperimentale del linguaggio, c'è tuttavia molto di più da scoprire, così come nel breve, intenso, lirico: Quelli che vanno ma che, poi, tornano di Grazia D'Altilia o in Tratto da una storia vera di Marco Bottoni, ironica (ma neanche troppo) riflessione sulla pazzia quotidiana, racconto che conclude questo volume. Dunque, cosa state aspettando? E' ora di voltare pagina e di cominciare a leggere!

Marco R. Capelli
Benalmadena, Malaga

Ringrazio di cuore Marco Rizzini, responsabile di Unibook Italia e Unibook Spagna, senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile.



VISITE: 77

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.