Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [20/07/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Shamans of digital era II edizione - festival dedicato alle commistioni tra musica elettronica di ricerca e arti audiovisive contemporanee in chiave performativa (EVENTO 2019-07-20)    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     La Gazza Ladra di Catia Capobianchi     Una pera in bottiglia di Dario Anelli     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo     La vita degli altri di Diana Facile     Speranza di Antonio Carnuccio    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
23 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La Biblioteca dei sogni
di Giuliano Giachino (2014)


Prefazione


Prefazione
A cura di Marco R. Capelli


Ora, se mi chiedessero così, senza preavviso: “Chi è Giuliano Giachino?”, la prima risposta che mi verrebbe in mente sarebbe: un gentiluomo. Un gentiluomo della scrittura (e non solo), un gentiluomo di altri tempi; di quelli che – in gioventù, prima di ritirarsi in una loro personale Isla Escondida – sono stati un po' pirati e, come tali, conoscono bene i rovesci della fortuna. E li sopportano con pazienza, senza perdere dignità, senza scomporsi più di tanto. Senza interrogarsi troppo sul “perché”.

La scrittura di Giachino è appunto questo: la scrittura di un gentiluomo. Colta, raffinata, meticolosa senza perdere freschezza, malinconica senza autocommiserazione e sempre coerente con se stessa. Anche laddove le trame (di assoluta originalità) ci portano nel regno della fantascienza più classica – e penso a racconti come Lo Scudo di Anghor, grandioso affresco di esogeologia degno di un Asimov al meglio della forma – o in quello sfumato e nebbioso delle leggende popolari di cui Giachino è appassionato cultore (un titolo: Enrosadira).
In realtà, è molto difficile classificare questa antologia, sorta di compendio che raccoglie diverse decadi di attività. Così come è difficile – e forse non necessario - classificare Giuliano Giachino come scrittore.
Certo, predilige il racconto, ma lo utilizza come una leva per aprire porte su mondi che si scorgono – oltre la soglia - vasti ed articolati, vivi e brulicanti come un dipinto fiammingo, inquietanti e colmi di riferimenti e citazioni che a loro volta rimandano ad altre suggestioni.
Eppure, tutto questo non appesantisce la narrazione, che resta vivace ed appassionante, sia perché l'elemento fantastico si mantiene preponderante e tradisce un piacere profondo per l'affabulazione e l'invenzione, sia perché citazioni e riferimenti non costituiscono una struttura superimposta, posticcia, ma sono espressione di conoscenze acquisite, lungamente meditate e pienamente assimilate. Conoscenze che riemergono con naturalezza e coerenza all'interno del processo narrativo, intrecciandosi alla trama secondo un meccanismo ben lubrificato e contribuendo a creare la necessaria suspension of disbelief, a rinsaldare il patto implicito fra lettore ed autore indispensabile per la riuscita di qualsiasi narrazione fantastica. Credo che la formazione scientifica dell'autore giochi un ruolo fondamentale nel mediare il processo creativo mantenendolo entro binari di lucida coerenza e, avendone tempo, si potrebbe aprire una lunga dissertazione su quanto la letteratura fantastica sia in debito – da Doyle a Crichton – nei confronti dei medici-scrittori.

Tutto, nella narrativa di Giachino, fluisce con naturalezza; pure, ogni storia ne richiama implicitamente infinite altre non raccontate (non qui, non ora). Per dirla con le parole del maestro (che avrebbe certamente apprezzato il breve racconto fantastico Onorarono, a lui dedicato):

Mis noches están llenas de Virgilio; haber sabido y haber olvidado el latín es una posesión, porque el olvido es una de las formas de la memoria, su vago sótano, la otra cara secreta de la moneda (*).

Troverete, ovviamente, molta fantascienza in questa antologia. Né potrebbe essere altrimenti, perché la fantascienza è la grande passione di Giachino, il suo core-business, come testimoniano la lunga ed assidua presenza all'interno della World Science Fiction Italia e il suo impegno trentennale nel mondo del Fandom. Ed anche perché solo la fantascienza, tra i generi canonici, poteva consentirgli la libertà d'azione e di pensiero necessaria ad esprimere il suo talento di scrittore. Quella di Giachino, però, è una fantascienza matura, complessa ed assolutamente originale; certamente non priva di elementi sociologici e di spunti di riflessione, eppure caratterizzata da un tale amore per l'avventura e per l'invenzione da permettere una godibilità immediata e più livelli di lettura.
Nelle pagine che seguono, oltre al già citato Lo scudo di Anghor, leggerete quindi racconti come: Vampiro, testo complesso ed amaro che potrebbe essere uscito dalla penna di un Paul Anderson liberato dall'obbligo del lieto fine; Virus d'ipnoguida, a metà fra il cyberpunk e la distopia; il wagneriano Carosello senza suoni o l'originalissimo e indefinibile Alieno canta per me.

Però c'è anche dell'altro, molto altro: memorie (Edoardo Martelli), riflessioni (Vetro appannato), bizzarri pseudosaggi linguistici (Agognate, Un insolito linguaggio), dolorosi ricordi (Torino, 4 Maggio 1949, La storia che Angelo non scrisse mai), interviste decisamente impossibili e riferimenti musicali (Omaggio a Béla Bartók).

E poi ci sono i sogni, molti sogni. Tanti da riempire una intera Biblioteca.
Se vi pare poco...

* Le mie notti sono piene di Virgilio; / aver saputo e scordato il latino / è possederlo, perché l’oblio / è una delle forme della memoria, cantina dai contorni indefiniti, / faccia nascosta della moneta. / Un lector (Jorge Luis Borges 1969)



VISITE: 87

© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.