Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    [09/04/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fuori dal cassetto scadenza 2020-04-15    XII Concorso Internazionale di Poesia Città di Acqui Terme scadenza 2020-04-18    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2020-04-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Un falang in Laos alla ricerca del drago del Mekong di Marco Marengo     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
45 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Intervista a Fernando Alba:
DAR CORPO ALLE NOTE


Dar corpo alle note

Voglio fare il cantante? No! Meglio, voglio diventare un produttore discografico. Desiderio insolito? Forse, ma senza produttori discografici non esisterebbero neppure i dischi, quindi le due attività sono strettamente collegate fra loro più di quanto si possa immaginare. Molti cantanti sono anche produttori, a questo punto è meglio cedere la parola ad uno di loro, Fernando Alba, produttore discografico e direttore Artistico della Maqueta Records, etichetta discografica indipendente di Roma che oltre a produrre musica, si occupa d'organizzazione eventi, booking e management.

In genere il sogno di tutti è diventare cantanti, tu invece hai scelto di fare il produttore, perché?

Diventare produttore, non è stata una scelta, ma una conseguenza. Sono nato in Sicilia, a Caltagirone provincia di Catania e quando ho iniziato ad occuparmi di musica nel 1993 le tecnologie per permettere registrazioni musicali di discreto livello erano scarsamente diffuse ed era difficile riuscire a realizzare un discreto provino. La voglia di mettere su nastro le mie canzoni mi ha portato istintivamente a cercare soluzioni per realizzare le registrazioni e ci sono voluti tre anni per raccogliere in una musicassetta dimostrativa 18 canzoni. Trovare un produttore e realizzare un disco, non è semplice al giorno d'oggi ed era un'impresa ancora più difficile 15 anni fa, l'unica soluzione per far uscire allo scoperto le mie canzoni era l'autoproduzione. Così ho iniziato ad integrare la mia essenza artistica con delle conoscenze tecnico/informatiche/musicali, manageriali, dirigenziali ecc e solo dopo 10 anni, grazie ad una folle costanza, allo studio, all'infinita pazienza, all'ingresso di fedelissimi sostenitori e collaboratori lungo il cammino, si sono venuti a creare i presupposti, per far nascere la Maqueta e realizzare i primi progetti. Oggi che corre l'anno 2007, mi ritrovato ad essere direttore artistico di un'etichetta discografica che vive, che investe e collabora con artisti di tutta Italia e non solo, per portare contributo alla musica e all'arte che nasce nel nostro paese.

Puoi spiegare ai colleghi in che cosa consiste il lavoro di un produttore discografico?

Il produttore discografico è colui che organizza, gestisce e si assume i rischi della produzione. Un produttore indipendente dopo aver realizzato un progetto lo propone ad aziende del settore che lo possono acquistare o prendere in edizione. Un'etichetta discografica è un'azienda che lavora nella produzione di dischi ed il produttore e il finanziatore del progetto. Ci sono due diverse vesti di produttore, può essere sia artistico che esecutivo ed in funzione dell'entità del progetto i compiti possono essere coperti dalla stessa persona. La musica oggi è talmente vasta che tutto è relativo, il produttore indipendente cerca di fare tendenza, uscire dagli standard, scoprire nuovi talenti, investire tempo e denaro. Personalmente mi muovo con certi criteri, faccio una selezione di ciò che produco cercando di offrire qualità e seguendo il progetto dall'inizio alla fine, sia dal punto di vista economico che artistico. Ma un produttore oltre a seguire la finalizzazione dell'opera ha anche occhi sugli altri processi legati a un disco o un'artista, ovvero l'organizzazione eventi, la pubblicità, l'ufficio stampa, public relations, promotion e tantissime altre cosine anche più rognose come, disbrigo pratiche S.I.A.E., accordi con editori, sponsor e collaborazioni varie. È importante che un produttore abbia attorno a se validi collaboratori.

Che genere di musica tratti e quali sono i requisiti che gli aspiranti cantanti e musicisti devono avere per passare la tua selezione?

Mi arrivano quasi tutti i giorni a me e alla sede Maqueta cd demo e curriculum di persone in cerca di produzione o collaborazione. Il mio lavoro è anche ascoltarli, leggere i curriculum degli artisti, rispondere alle e-mail, cercando sempre di non demoralizzare ma stimolare gli artisti a migliorarsi e non mollare se veramente ciò che vogliono è fare musica. Prima di essere un produttore sono un artista, so cosa si prova. La speranza è sempre molto alta, ma non bisogna mai farsi inutili o facili illusioni. Personalmente non mi piace dividere la musica per genere, ma per espressione. Mi piace l'artista essenziale ed innovativo, soprattutto comunicativo e sicuro del suo prodotto, capace di esprimere al meglio la sua forma d'arte, che poi lo faccia con il Rock, il Pop, l'Hip/Hop, la dance ecc… non è rilevante, io pongo lo stesso interesse e la stessa attenzione per tutte le opere nella presa visione.

Saltiamo dall'altra parte della staccionata: oltre a fare il produttore sei anche un cantautore. che musica fai?

Sono un cantautore, in passato prevalentemente rockettaro, ancora oggi riesce a venire fuori il sapore metallico nei lavori che faccio, ma non mi lego attorno ad uno stile ben definito, cerco semplicemente di arrivare all'ascoltatore nella sua totale profondità. Scelgo la forma ermetica o spudorata in funzione dell'argomento trattato nella canzone, solitamente se parlo di me sono un po' ermetico e la musica è molto ritmata, se c'è da essere diretti uso sonorità un po' più sostenute o dal sapore rock. Sono molto meticoloso nella ricerca delle armonie e i testi, il contorno e gli arrangiamenti nascono di conseguenza, il tutto nella massima attenzione e gusto.

Sicuramente fai dei concerti, ma hai detto che organizzi anche eventi, c'è ne uno in particolare che simboleggia la Maqueta?

Il palco è uno scenario che ha sempre il suo fascino, la voglia d'essere presente in manifestazioni sempre più importanti mi ha portato ad organizzare eventi e nello stesso tempo sfruttare l'occasione per presentare le mie canzoni e gli artisti che girano attorno a me e lavorano nella Maqueta. Il più significativo evento è il Maquesta Day. Quest'anno è stato organizzato a maggio e si è tenuto a Stazione Birra, storico locale della musica Rock della capitale e tappa gradita da molti artisti internazionali che passano per Roma. In questa serata viene presentata l'ultima produzione discografica, ad esempio quest'anno abbiamo è stato il turno del singolo dell'artista londinese Barbara Gunn, dal titolo Hey Girl. Per l'occasione all'evento prendono parte altri artisti e band di tutta Italia, quest'anno abbiamo avuto il piacere di condividere la scena con le cantautrici Diana Tejera e Barbara Eramo, il cantautore The Niro, la Band Ciauda, i Risorsa Fittizia e c'ero anch'io con la mia Big Band. Nella stessa serata sono stati consegnati due riconoscimenti artistici ovvero il "MAQUETA AWARDS 2007 BY ITALY" a Renato Garretto e l'"ARTIST OF THE YEAR 2007" a Diana Tejera. Abbiamo fatto anche altri eventi in questo 2007 come il Maqueta Tribute, il Maqueta Sabina Valley, il Maqueta Reggae & Ska con la partecipazione dei Radici nel Cemento, diciamo che in questa direzione siamo molto attivi.

Progetti futuri?

I progetti futuri sono sempre tanti, a giugno abbiamo sfornato il nuovo disco dei Dionisia, una band Funky/Rap che suona nel circuito indipendente del Rap Italiano, contenente 3 brani e stiamo programmando le riprese del video del loro singolo Musica Pirata, ma ci saranno anche dei nuovi eventi e nuovi dischi.


Per concludere dai qualche consiglio buono a chi vuole lavorare nel settore musicale o vorrebbe collaborare con te.

Ci sono tante figure professionali che girano intorno alla discografia che vanno dai tecnici addetti alla preproduzione, alla produzione, o alle figure professionali dell'ambito manageriale oppure l'ufficio stampa, promozione, ecc.. Se qualcuno volesse collaborare con la Maqueta, può inviare una mail ad info@maqueta.it oppure visitare il sito www.maqueta.it se vuole avere un'idea di chi siamo e cosa facciamo. Il mio consiglio buono è quello di non dimenticare che la musica è passione, se siamo fortunati e costanti ci si può riuscire a sostenere economicamente e trarre qualche piccola soddisfazione, sicuramente non subito. "Certi guadagni" esistono solo a "certi livelli" e prima di poterci arrivare bisogna spendere energie, soldi, sacrifici e cercare di farsi strada dimostrando e confermando il proprio valore. Giro il mio personale in bocca al lupo a tutti i lettori e vi invito a visitare il nostro sito e mandarci una e vi ringrazio

Grazie a te, Fernando.

per gentile concessione di
Andrea Coco e Fernando Alba

 

inserito 05/08/07
VISITE: 7291



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.