Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    [09/04/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fuori dal cassetto scadenza 2020-04-15    XII Concorso Internazionale di Poesia Città di Acqui Terme scadenza 2020-04-18    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2020-04-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Un falang in Laos alla ricerca del drago del Mekong di Marco Marengo     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
45 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Intervista a:
MARCO MARCHI


Un viaggio chiamato Non si può mai sapere

Un libro è come un viaggio, e uno scrittore è un eterno viandante che non arriva mai a una meta.
Sempre alla ricerca di qualcosa: del suo stile, dell’ispirazione, della storia giusta.
Arriveranno uragani, tempeste di neve ma anche giornate di sole che scalderanno il corpo e l’anima.
E profumi e colori e paesaggi che ispireranno il viaggiatore per nuovi intrecci, nuovi libri. Ma lui non si fermerà mai, perché uno scrittore cerca sempre qualcosa di cui parlare.
Il viandante di oggi si chiama Marco Marchi, e uno dei suoi viaggi l’ha intitolato 'Non si può mai sapere' (Firenze Libri).


In cosa la tua vena letteraria trova la propria foce?

Dipende dal periodo in cui mi trovo. Se siamo in estate, l'ispirazione mi arriva da lunghe passeggiate per i boschi, quando vado ad Asiago nei week-end. Oppure dalla musica, se siamo in inverno. Il mio primo libro, 'Non Si Può Mai Sapere' è nato leggendo Kafka e Pirandello e ascoltando la musica di Fabrizio de Andrè.

Quando scrivi sei un fiume in piena che travolge e sconvolge o piuttosto l'ombra di un albero secolare che tace e sottace?
Di solito quando mi arriva l'ispirazione è come un fiume in piena, devo subito cercare un foglio di carta su cui scrivere quello che la mia mente cerca di suggerirmi.

Un libro è più una fotografia o un dipinto?
Un libro, a mio avviso, assomiglia di più a un dipinto.
Vista la cura che io ho messo nelle mie opere se devo fare un paragone tra il primo libro e il secondo, ora in stampa, devo dire che il primo è stato un graffito su un muro di periferia, mentre il secondo è più simile a un affresco in stile seicentesco.

Si comunica di più con una parola o con una pausa?
La parola conserva senza dubbio il suo fascino inalterato, tuttavia credo che pure un gesto abbia la sua importanza. La pausa credo sia sintomo di riflessione e che preceda la parola, ma non che la sostituisca.

Scrivere per te è una passione, un innamoramento o un amore?
Per me l'atto di scrivere è tutte e tre le cose insieme. Passione prima di tutto, altrimenti sarebbe solo un gesto monotono. Poi un amore, corteggiato giorno dopo giorno, con pazienza e gioia. In fondo, anche se i miei scritti sono velati da pessimismo, resto sempre un sentimentale.

Se un libro è un percorso, il tuo "Non si può mai sapere" dove pensi possa portare il lettore?
Nelle mie intenzioni il libro dovrebbe condurre il lettore attraverso il terreno delle sorprese della vita, lungo il dubbio, nelle illusioni o disillusioni, nella ricerca giorno per giorno della stabilità e della verità.

La scrittura e la lettura, secondo te, fanno l'amore o la guerra?
La scrittura e la lettura, a mio avviso, fanno l'amore anche più volte al giorno. La lettura è la base della scrittura, un buon scrittore è per prima cosa un buon lettore. Chi non ha letto libri, non riuscirà a scrivere nulla di valido o di interessante e, nel peggiore dei casi, non saprà nemmeno scrivere.

Se nello spazio di un segnalibro dovessi spiegare il tuo libro, cosa diresti?
Il libro racconta il percorso dell'uomo nei secoli e vuole dimostrare che in ogni epoca l'uomo aveva i suoi dubbi, le sue riflessioni, le sue sconfitte, era vittima di intrighi come di vittorie, per dire che l'evoluzione umana non è mai finita.

per gentile concessione di Elisabetta Bilei
e Marco Marchi

 

inserito 19/05/07
VISITE: 3838



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.