Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    [30/03/2020] 9 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un libro in vetrina scadenza 2020-03-30    “Angiè” scadenza 2020-03-30    Letture nel Borgo scadenza 2020-03-30    Clara Sereni scadenza 2020-03-30    Clara Sereni scadenza 2020-03-30    Andrea Torresano scadenza 2020-03-31     Premio Internazionale di poesia e racconti brevi SAn Gerardo Maiella scadenza 2020-03-31    Cipressino d'Oro scadenza 2020-03-31    Roccagloriosa scadenza 2020-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
33 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Morena Fanti Intervista
SALVO ZAPPULLA


Chi è Salvo Zappulla?

Salvo Zappulla, giornalista e scrittore, risiede a Sortino (SR). Ha pubblicato varie opere di narrativa e fiabe per bambini con piccole case editrici siciliane. Edizioni in ristampa dei romanzi di Zappulla sono state corredate da schede didattiche e adottate, come narrativa, nelle scuole medie. E' il presidente dell'associazione culturale Pentelite che organizza la Mostra-Mercato dell'editoria siciliana a Sortino. Presidente del Concorso Letterario Nazionale "Città di Sortino", Cura annualmente la rivista Pentelite. Collabora alla pagina culturale del quotidiano "La Sicilia", alla rivista "I siracusani", al quindicinale "La voce dell'Isola" e a diversi siti letterari. Nel 2006 si è classificato 2° con un testo teatrale inedito al premio Massimo Troisi. Attualmente è in corso di stampa con la casa editrice "Il pozzo di Giacobbe" la fiaba "Lo sciopero dei pesci", illustrazioni di Carla Manea.

salvozappulla1@virgilio.it

Quando il Poeta è Sommo, il viaggio all'inferno è assicurato
un colloquio con Salvo Zappulla

di Morena Fanti

Anche stavolta la scrittura di Salvo Zappulla non delude e si dimostra come sempre affilata e tagliente, una lama pronta ad affondare nei nostri sogni.
"In viaggio con Dante all'Inferno" (edizioni Fermento, euro 12,00) è quel viaggio che molti hanno sognato ma non hanno mai osato intraprendere: un viaggio tra personaggi fasulli e corrotti che molte volte abbiamo desiderato mandare, appunto, all'inferno.
Per noi l'ha fatto Zappulla, con la sua vena ironica sempre pronta a scovare il lato giusto in cui immergere la penna.
Un libro molto divertente, questo ultimo lavoro di Zappulla, scritto con garbata ironia e verve incandescente, una sorta di denuncia pungente, anche se mascherata dal velo della satira, delle cose che non vanno nel nostro Paese.
Molto curato anche nei dialoghi, il romanzo presenta alcune chicche, come il brano dell'incontro tra il Sommo e una sedicente Francesca da Polenta, avvenuto in discoteca. Dice Dante: "Francesca, raccontagli la storia del tuo grande amore, l'attrazione fatale per tuo cognato..."
E Francesca: "A quale dei miei tre cognati ti riferisci? Sai molte cose, nonnetto. Cosa sei, uno sbirro in pensione?".
Anche la storia è surreale: Dante si reca dal nostro scrittore durante la notte e lo precetta trascinandolo in un viaggio tra i gironi dell'inferno perché, asserisce il Poeta, è necessario riscrivere il poema e adeguarlo ai tempi nostri: si sa, il modo di peccare è molto cambiato nei secoli e le condanne vanno adeguate! Così, il nostro eroe si trova, suo malgrado, a partire per un viaggio infernale, tra dannati colpevoli di efferati delitti e di truffe ai danni dei poveri cittadini italiani. Situazioni esilaranti si avvicendano senza un attimo di tregua, tra volti noti di personaggi contemporanei condannati alle pene più astruse. Quel signore perennemente collerico che ha il vezzo di sbraitare in televisione e di sistemarsi nervosamente i capelli con la mano, ci sembra di riconoscerlo; così come quell'altro che è finito all'inferno a vendere i gelati con una motoape sgangherata. Forse da qualche parte ci sarà pure collocato un cavaliere, e qualcuno con la faccia da mortadella. Insomma, stavolta Salvo Zappulla l'ha combinata davvero grossa.
Il rapporto tra Zappulla e il Sommo Poeta è altalenante tra affetto e punzecchiature. Dante è un grande e come tale mal sopporta le altrui debolezze e Zappulla è un allievo spesso indisciplinato e irriverente come lo ritroviamo nei suoi romanzi.

· E irriverente lo sei stato davvero, in questo tuo romanzo, Salvo. Nei gironi danteschi hai messo davvero tutti: dai politici ai faccendieri, passando per i Pontefici. Quanto ti sei divertito a scrivere questo romanzo? E quanto è importante per te scrivere coniugando passione e divertimento?

· R. Sì, per me è importante scrivere coniugando passione e divertimento. Mi annoierei a prendere me stesso e la scrittura troppo sul serio. Forse non sarei mai capace di scrivere un romanzo storico che mi costringerebbe a documentarmi, a spulciare nelle biblioteche ecc. ecc. Troppo faticoso. All'inferno ho messo tutti quelli che sono capitati a tiro della mia fantasia ma senza voler fare moralismo spicciolo. Certo, finire all'inferno non piace a nessuno, spero che qualcuno non se la prenda e accetti di stare al gioco, soprattutto qualche personaggio politico che in questo momento va per la maggiore.

· Il tema dell'Inferno dantesco è uno dei più riletti nei secoli e tale rimarrà forse. Secondo te, qual è il motivo del fascino che l'inferno esercita su di noi? Perché, ad esempio, non si scrive quasi mai del Paradiso e perché a nessuno verrebbe in mente di fare un viaggio là?

R. L'inferno ha sempre suscitato sulla nostra immaginazione un certo fascino perverso. In passato i preti ne hanno fatto uno strumento di potere speculando sull'ignoranza della massa. "Se non ti comporti bene, ti spedisco a bruciare tra le fiamme dell'inferno!". Una minaccia che aveva un effetto devastate sulla povera gente. Il paradiso in fondo è visto come un luogo piuttosto noioso: soavità, musica celestiale e tanto rilassamento. Dici che a nessuno viene in mente di fare un viaggio là?... sai che mi stai facendo venire un'idea... che ne diresti se andassi a scomodare il Padreterno per sapere cosa ne pensa di questa situazione scellerata? Sì, mi sembra proprio una buona idea.

· Il rapporto tra Dante e lo scrittore, definito perfino scrittorucolo dal Grande Maestro, è molto contrastato e sfocia spesso in diverbi pungenti tra i due. Mi ricorda certi rapporti tra impiegato e capufficio che abbiamo visto spesso in vecchi film e commedie. Forse la tua è una scrittura molto "visiva", quasi cinematografica. Che ne pensi?

R. Ottimo suggerimento. Potremmo consigliare a Benigni di ricavarci un film; lui che è un grande estimatore del Sommo e che prende spesso di mira i politici, sarebbe perfetto nel ruolo di Dante, anche il nasone è quasi identico. Roberto, se ci sei batti un colpo! In quanto al rapporto con il Sommo, ci tengo a sottolineare che, nonostante qualche battuta irriverente da parte mia, viene sempre trattato con affetto e stima. E' un dialogo all'insegna del rispetto, come si conviene tra grandi. (Oddio! Questa mi è scappata...)

· Il tuo libro, o meglio la tua scrittura, mescola spesso cose e persone fino a formare un cocktail effervescente, anche se spesso poi il riso è amaro, come nell'omonimo film. Stai cercando di farci riflettere, usando l'arma piacevole della risata?

R. Io penso che ogni libro deve sempre contenere elementi di riflessione, altrimenti rimane fine a se stesso. A volte l'arma della satira è la più efficace per fare emergere certe incongruenze, talune disfunzioni della natura umana, nascoste dentro le pieghe dell'anima e mascherate da una patina di apparenti buone intenzioni.

· "Quest'inferno, rivisitato, non lo capivo proprio: sembrava la copia di quello terrestre", dice il tuo alter-ego nel romanzo. Questa frase mi sembra molto emblematica del tuo pensiero. Cosa pensi del disagio che c'è in Italia in questo periodo, in tanti, troppi, settori?

R. Mi porti a fare un'analisi molto complessa, difficile da esaurire in un'intervista. Sicuramente stiamo attraversando un periodo difficilissimo, si chiede ai cittadini di stringere la cinghia e intanto quelli che detengono il potere non fanno nulla per dare il buon esempio. Le critiche che ultimamente hanno investito Mastella non sono state una bella cosa. Quella faccenda dell'elicottero è stata sintomatica, probabilmente nulla da eccepire dal punto di vista prettamente legale, nessuna legge è stata violata ma ci si aspetterebbe ben altro rigore da chi è chiamato a ricoprire cariche di così alto prestigio. E altri esempi ancora si potrebbero citare. Quell'altro colto in fragrante a sniffare cocaina e darsi alle orge. E cosa suggerisce il suo collega per rimediare? Di aumentare lo stipendio ai parlamentari, così avrebbero la possibilità di portarsi le mogli a Roma e stare lontano dalle tentazioni. Al ridicolo non c'è mai fine. Sai che non riesco a ricordare se ho messo il nostro Ministro di Grazia e Giustizia all'inferno? Speriamo di non averlo dimenticato, potrebbe restarci male e sentirsi escluso. E poi, al giorno d'oggi, una bolgia non si nega a nessuno. Fa bene Grillo a scendere nelle piazze a scuotere le coscienze

· Quindi, come dice il Sommo Poeta nel tuo romanzo, non ci dobbiamo meravigliare della loro morte, ma della nostra vita?

R. Ci dovremmo meravigliare di non saper cogliere l'essenza della vita, di non aver ancora saputo comprendere che siamo solo una meteora nell'Universo e ci mettiamo il vestito buono, la cravatta più sgargiante per apparire importanti, inseguiamo per anni un posto di commendatore, ci rodiamo il fegato dall'invidia per il vicino che è un po' meno disgraziato di noi, senza renderci conto che da qualche parte è già partita una tegola in direzione della nostra testa.

· Ora che sei finalmente tornato tra noi, dopo questo viaggio infernale, che programmi hai? Cosa ti piacerebbe davvero scrivere?

R. Mi piacerebbe andarmene qualche annetto in un'isola tropicale a godermi i diritti di questo romanzo. Già, ma se poi non lo compra nessuno? Dovrò ricominciare a scriverne un altro. Non si può mai stare tranquilli in questo mondo.

Per gentile concessione di Morena Fanti
e Salvo Zappulla

 

inserito 30/12/07
VISITE: 3323



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.