Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    [18/10/2021] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI D’INVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

GABRIELE D'ANNUNZIO
(1863-1938)


di R.M.L.Bartolucci

Alzando gli occhi verso l'architrave, vi avreste potuto notare questa scritta: "Io ho quel che ho donato". Parole d'atmosfera francescana, un'atmosfera confermata dall'apparizio-ne di un giovane frate, che, facendo un leggero inchino, vi avrebbe accolto all'interno. Avreste allora attraversato il parco e sareste stati introdotti in un edificio su cui si poteva scorgere la scritta: "priorìa" . Una volta varcatane la soglia, però, vi sareste trovati davanti a uno spettacolo che di francescano non aveva proprio niente: arazzi, tappeti, statue, incensieri, ninnoli di giada, cuoi intarsiati, naiadi d'oro dall'abbigliamento discinto, e via di seguito, come se ci si trovasse in una lussuosa, fantasmagorica fiera del paganesimo. Avreste ben presto scoperto che il proprietario di quella strana dimora era nientemeno che il grande Gabriele D'Annunzio, il quale, poiché stava vivendo una crisi mistica, aveva fatto travestire da frate il suo cameriere e faceva chiamare con epiteto francescano "sirocchie" le sue domestiche. In realtà questo grande scrittore, famoso per la straordinaria musicalità dei suoi versi e per la sua incredibile abilità nell'uso della parola, era fatto così: aveva bisogno di circondarsi sempre di una "scenografia" corrispondente allo stato d'animo che viveva in ogni particolare momento della sua esistenza, non importa se con manifestazioni esteriori esagerate o di cattivo gusto. Chi avesse voluto giudicarlo, si sarebbe trovato in una terribile difficoltà, e lui stesso sembrava ostinarsi a non far capire fin dove arrivava la sua voglia di recitare e dove invece cominciava a manifestarsi il suo senso artistico. Per i suoi detrattori era solo un esibizionista, un ciarlatano privo di qualsiasi moralità; tutti gli altri invece, subivano il suo irresistibile fascino e ne rimanevano soggiogati, lo vedevano come un uomo eccezionale ed "inimitabile" che avrebbe potuto permettersi qualsiasi cosa. Del resto, anche lui stesso pensava così di sé, altrimenti non avrebbe potuto sentirsi tanto vicino al genio del grande Michelangelo da parlare di lui chiamandolo semplicemente "il Parente". Questi suoi atteggiamenti, che rivelavano il suo profondo sentirsi pieno di sé, probabilmente erano stati causati da una troppo rapida conquista del successo, senza tutti quegli sforzi e quei sacrifici che hanno caratterizzato la vita di molti altri grandi artisti. La sua famiglia di origine era agiata e apparteneva all'alta borghesia di Pescara. Suo padre, orgoglioso della sua spiccata intelligenza e della sua precocità, gli fece frequentare il più prestigioso collegio di quei tempi, il "Cicognini" di Prato, dove studiavano i figli dei52 nobili. Fu proprio lì che il grande poeta scrisse la sua prima raccolta di versi, intitolata "Primo vere", che lesse alla famiglia durante le vacanze estive del 1878. Il padre ne fu così entusiasta da pagargli le spese di pubblicazione, e in realtà anche il consenso della critica letteraria, all'apparire del volume, fu unanime. Concluso il liceo, due anni dopo, ormai divenuto famoso, volle andare a Roma per iniziare la carriera letteraria. Era sempre elegantissimo, spigliato e pieno di fantasia, e non gli fu difficile fare colpo nei salotti dell'epoca, riuscendo ad introdursi negli ambienti più raffinati, dove fece anche una vera e propria strage di cuori femminili, nonostante non fosse esattamente un Apollo. A vent'anni, innamoratosi della giovanissima Maria Hardouin, duchessa di Gallese, fuggì con lei e la sposò. Ma il matrimonio, evidentemente, non gli si addiceva, e ben presto le sue avventure galanti ricominciarono a pieno ritmo. Addirittura la vita di D'Annunzio potrebbe essere raccontata suddividendola in periodi diversi secondo le donne che ebbe al suo fianco. Ma la sua preferita, quella che esercitò un'influenza determinante sulla sua opera di scrittore e di poeta, fu senz'altro la "divina" Eleonora Duse, la più grande attrice dell'epoca. Egli le rimase accanto dal 1896 al 1904 (un vero record per lui!) e durante tutto questo tempo abitò a Firenze nella lussuosa villa "La Capponcina", per descrivere la quale l'aggettivo "principesca" sarebbe solo un eufemismo. La sua situazione irregolare e i suoi sperperi enormi gli procurarono critiche spietate. Ciò però non gli impedì di scrivere proprio in questo periodo parecchie delle sue opere più belle, e in particolare molte di quelle "Laudi" che rappresentano l'espressione più alta della sua poesia. Le enormi ricchezze accumulate, comunque, non gli bastavano a coprire le ingenti spese per mantenere tutto lo sfarzo di una tale abitazione. A un certo punto dovette fuggire per scampare alla furia dei creditori e andò ad abitare in Francia, ad Arcachon, dove per quasi cinque anni visse modestamente. Fu qui che scrisse alcune opere direttamente in francese, dimostrando grande versatilità. Il suo francese mescolava con disinvoltura parole moderne con vocaboli arcaici, ma egli riusciva a fondere le parole così sapientemente e armonicamente, con squisita raffinatezza, che la sua affermazione anche in Francia fu clamorosa. La prima opera che scrisse in francese, il testo teatrale "Le martyre de Saint Sebastien", fu addirittura musicata dal più illustre compositore "d'avanguardia" dell'epoca, il grandissimo Claude Debussy. Intanto D'Annunzio continuava a scrivere anche in italiano e pubblicò proprio in quel periodo in Italia "Le faville del maglio", una raccolta di scritti vari in prosa che riconfermavano la sua abilità e gli spianarono la via del ritorno in patria. L'occasione per la rimpatriata si ebbe con l'invito a pronunciare l'orazione di commemorazione dell'impresa dei Mille il 5 maggio 1915. La Prima Guerra Mondiale divampava e in Italia la maggior parte dell'opinione pubblica era favorevole all'intervento in guerra per strappare agli austriaci i territori ancora irredenti. D'Annunzio pronunziò dallo scoglio di Quarto un appassionato discorso interventista, e ottenne il "perdono" ufficiale per i suoi trascorsi. Subito dopo il poeta entrò direttamente in azione, partendo per il fronte e compiendo imprese leggendarie. Ma fece anche ciò nel completo disprezzo delle regole: infatti, pur essendosi arruolato come ufficiale di cavalleria, non tenendo in alcun conto gli ordini degli Alti Comandi, rivestì a suo piacere il ruolo di marinaio, fante e aviatore. Le sue imprese, tuttavia, furono tali che gli si perdonò tutto, tanto più se si considera che il Comando austriaco aveva messo una fortissima taglia sulla sua testa. Nel frattempo continuava a dedicarsi instancabilmente alla sua opera di scrittore con un successo travolgente, riuscendo sempre a rimanere sulla cresta dell'onda. Alla fine della guerra, però, era ormai stanco e provato: lo invase l'assurdo terrore di essere dimenticato, e cercò di costruirsi un'immortalità al di là della sua opera di poeta e scrittore. Per i suoi meriti lo Stato gli aveva concesso una lauta pensione e regalato una vecchia villa sul lago di Garda. Egli la ampliò e l'arredò lussuosamente con uno sfarzo malinconico, trasformandola in un mausoleo in onore di se stesso, a cui diede il nome di "Il Vittoriale degli Italiani". Lì condusse tristemente gli ultimi anni della sua esistenza, che ebbe termine l' 1 marzo 1938. Con lui morì un grande, inimitabile artista, insieme all'ultima delle sue ingannevoli illusioni: quella di sopravvivere alla sua stessa poesia grazie alla sua tanto spettacolosa quanto assurda dimora.

Rossella Maria Luisa Bartolucci
rbart@ciaoweb.it

 

DA LEGGERE (sul sito):

>>Il piacere, genesi di un romanzo di M.R.Capelli

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) A cuore scalzo - La vita negata di Antonia Pozzi a cura di Anna Maria Bonfiglio - ARTICOLO
(1) B.A. di Carlo Santulli - RACCONTO
(20) Da D'Annunzio a Pirandello di Mario Puccini - RECENSIONE
(1) Da D'annunzio a Pirandello di Mario Puccini - Storia di un libro ritrovato di Carlo Santulli - ARTICOLO
(1) Davanti all'immagine di Vittorio Sgarbi - RECENSIONE
(1) Delectatio morosa, ovvero gli spiriti letterari di Pitigrilli a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(1) Due articoli su Pasolini (1922-1975)
"Il Ferrobedò" oggi: Monteverde senza Pasolini (2) a cura di Carlo Santulli
- ARTICOLO
(1) D’Annunzio, Gabriele di Rossella Maria Luisa Bartolucci - BIOGRAFIA
(8) Gabriele D'Annunzio (notarella sul lessico) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(2) Gaetano Ravizza: il poeta randagio a cura di Pierpaolo Pracca e Francesca Lagomarsini - ARTICOLO
(2) Gramsci, il teatro come “allegoria” della fabbrica dei “produttori”[1] a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(1) I primi protagonisti della fantascienza italiana post-bellica a cura di Ugo Malaguti - ARTICOLO
(1) Il caso di Italo Svevo ovvero l'artista può anche essere un bottegaio? a cura di Maurizio Canauz - ARTICOLO
(1) Il complesso di Panizza di Carlo Santulli - RACCONTO
(1) Il livello tematico simbolico ne La lupa di Giovanni Verga a cura di Luigia Forgione - ARTICOLO
(2) L'oracolo di Franco Leoni: dal verismo all'horror a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(1) La letteratura pecorile a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO
(1) La lettura in Italia ed in Inghilterra: qualche nota per un confronto a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(21) La lezione di Pannunzio a cura di Giovanni Venezia - ARTICOLO
(1) La prima e ultima volta che partecipai a un raduno di scrittori litweb di Mauro Moscone - RACCONTO
(2) L’Ambasciatrice di Giuseppe Antonio Martino - RACCONTO
(2) Pascoli prosatore (Studi di lingua e letteratura italiana) a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO
(1) Pitigrilli e Amalia a cura di Silvano Volk - ARTICOLO
(4) Saba: appunti per un percorso di lettura a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(1) Sogni incrociati di Giuseppe Costantino Budetta - RACCONTO
(10) Tematiche della poesia di Saffo e ripresa della sua figura nella poesia tra '800 e '900 a cura di Sabrina Abeni - ARTICOLO
(1) Universitario di Attilio Scatamacchia - RACCONTO
(6) Yukio Mishima: il martirio e l'estasi a cura di Fausto Zanchin - ARTICOLO
(1) analisi della conversazione in chat;L' di Alessandra Di Gregorio - RECENSIONE
(1) distanza da compiere;La di Danilo Mandolini - RECENSIONE
(6) fuoco;Il di Gabriele D'Annunzio - RECENSIONE
(1) la lupa di Roma di Giovanni Buzi - RACCONTO


DA LEGGERE:

Il piacere
Garzanti 2004
455 pg. euro 8,50

>>Compra questo libro su IBS <<

Diari di guerra 1914-1918
Mondadori 2002
545 pg. euro 10

>>Compra questo libro su IBS <<

VISITE: 13928


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali