Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [26/09/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    "Appuntamento in nero" scadenza 2021-09-30    Domani non puo\' aspettare scadenza 2021-09-30    ZONAEBOOK scadenza 2021-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Elfriede Jelinek
(1946-)


Elfriede Jelinek nasce il 20 ottobre 1946 a Mürzzuschlag, in Austria, precisamente in Stiria, da padre ceco, ma di famiglia ebraica, e madre austriaca. Da giovane studiò la musica, divenendo un'organista diplomata al conservatorio, mentre studiava anche teatro e storia dell'arte presso l'Università di Vienna. La sua carriera letteraria cominciò con le poesie raccolte in Lisas Schatten nel 1967, successivamente anche dal contatto col movimento studentesco si volge verso tematiche di maggiore critica sociale. Dopo periodi trascorsi a Berlino ed a Roma, dopo il matrimonio ha vissuto tra Vienna e Monaco.
Le tematiche trattate nei suoi romanzi sono la sessualità femminile, l'abuso che se ne fa e la guerra dei sessi e di relazione. Più recentemente si è volta ad una critica sociale a vasto spettro, interessandosi anche all'apologia del fascismo contenuta in certo modo di intendere lo sport. Nel 2004 è stata il primo austriaco ad essere onorata con il premio Nobel per la letteratura. La motivazione del premio è "per il suo fluire musicale di voci e controcanti in romanzi e drammi che rivelano con straordinaria abilità linguistica l'assurdità delle convenzioni sociali ed il loro potere di soggiogamento". La sua scrittura riprende una lunga tradizione culturale austriaca di sofisticata critica sociale, i cui precursori possono essere considerati Johann Nepomuk Nestroy, Karl Kraus, Ödön von Horváth, Elias Canetti e Thomas Bernhard.
Opere disponibili in italiano: "La pianista" (Die Klavierspielerin) presso Einaudi, "La voglia" (Lust) e "Le amanti" (Die Liebhaberinnen) presso Frassinelli, "Sport. Una pièce-Fa niente. Una piccola trilogia della morte" presso Ubulibri.
Da "La pianista", incentrato sul morboso rapporto tra madre e figlia in una livida Vienna post-moderna, è stato tratto l'omonimo film di successo diretto dal regista austriaco Michael Haneke con Isabelle Huppert ad interpretare la pianista repressa.
Elfried Jelinek ha anche al suo attivo traduzioni da Thomas Pynchon, Georges Feydeau, Eugène Labiche, Christopher Marlowe, ha scritto sceneggiature cinematografiche ed anche un libretto d'opera. Dispone di un sito web (CLICCA QUI), in cui è attiva la discussione su scottanti tematiche sociali. (F.D.P.)

La pianista di Elfriede Jelinek
A cura di Fortuna della Porta

Quando l'anno scorso è stato annunciato il Nobel all'austriaca Elfriede Jelinek, lei stessa e il suo Paese non hanno creduto alle proprie orecchie. La scrittrice, informata del premio, ha confessato con modestia di non essere pronta e di non sentirsi all'altezza del riconoscimento, molti suoi conterranei ugualmente stupefatti erano mossi però da ragioni meno lodevoli e si sentirono quasi offesi da uno sberleffo, tanto che in Austria si è verificato il medesimo scontro che incontrammo in Italia quanto fu laureato Dario Fo.
La motivazione recitava che la J. era stata prescelta per il fluire musicale di voci e controvoci dei suoi romanzi e drammi che con straordinario gusto stilistico rivelano l'assurdità degli stereotipi della società contemporanea e il loro potere soggiogante e davvero in questa breve frase è racchiuso il senso completo di tutta l'opera.
Fuori da mode e cenacoli culturali, osservatrice corrosiva degli sconci del potere e della trappola mortale del perbenismo sociale, illustratrice disincantata dell'intimo erotico, anzi considerata sbrigativamente scrittrice pornografica, si comprende il motivo per cui non sia amata da tutti.
Da sempre femminista, iscritta al partito comunista, dal 1974 al 1991, non ha mancato di oggettivare la sua polemica con la destra di Haider, che una volta l'ha dichiarata persona non grata, e l'incomprensione con una parte dell'opinione pubblica si è fatta tanto aspra che la scrittrice ci riporta di insulti per strada al punto da sentirsi obbligata a cambiare la propria residenza da Vienna a Monaco di Baviera, per ritornare indietro, in modo discreto, dopo qualche tempo.
Schiva e sorprendentemente fragile nei suoi rapporti con la realtà, al punto da rifiutarsi al ritiro del premio perché sofferente di agorafobia, la J. non ha mai cercato la consacrazione del potere che di solito, nella società occidentale, si svolge alla luce della ribalta, anzi ha sempre rifuggito le platee mediatiche e la consacrazione delle istituzioni.
A prescindere dal contenuto delle opere già questi comportamenti non consentirebbero di stilare una lunga lista di estimatori, anzi la individuano con sicurezza come persona scomoda. Anche la sfera ecclesiastica ha espresso giudizi molto pesanti su di lei, ribadendo il proprio dissenso dalla scrittrice oscena, propugnatrice del nichilismo, in un duro articolo apparso sull' Osservatore romano.
Invece vale la pena incontrare una voce originale che nel suo raccontare non ti permette di dare nulla per scontato, perfetta conoscitrice di forze sociali e psichiche, di cui spietata esamina la violenza e le interferenze reciproche. Mai banale, ha una energia, che si esprime attraverso la padronanza di uno stile denso e a tratti sarcastico, che talvolta dà un'emozione claustrofobica. Si incontra la stessa atmosfera cupa e opprimente dei romanzi di Kafka, che adombra lei stessa come maestro, ma per superarlo nell'abbandono del personaggio fuori da qualsiasi pietà.
Sembra che la J. abbia sollevato un velo e l'Austria, la terra da operetta dei verdi prati e cavalli bianchi, mostri attraverso la sua parola il volto spietato, ignorante ed avido con toni spesso dissacranti e provocatori. Con la stessa lucidità ha scovato tutte le distorsioni che albergano nella condotta umana. Ne I figli dei morti, del 1995, descrive in una terrificante allegoria i suoi concittadini come zompi e vampiri, ma neanche nelle altre opere, tra le quali ricordiamo Le amanti, Gli esclusi, La voglia, Nuvole, monologo ispirato dalla caduta del muro di Berlino, ha mai risparmiato le sue frecciate alla borghesia austriaca.
La folla che subisce da vittima e carnefice il proprio interagire soprattutto col potere, all'interno della propria famiglia, vive situazioni sado-masochiste altrettanto feroci e devastanti. Esiste quasi un doppio tra le regole che codificano le società e schiacciano gli individui nel loro complesso e quello che accade nelle relazioni duali e tutto questo non appartiene alla vicenda storica, ma spetta a tutte le epoche. La J. l'ha analizzata nel suo tempo, ma la patologia dei rapporti che producono sottomissione e dominio appartiene alla parte oscura dell'uomo in ogni momento. In qualche modo siamo prigionieri di un'eredità genetica.
Il valore universale della penna della scrittrice è proprio nella capacità di aver osservato le leggi del funzionamento individuale e sociale con uno sguardo particolarmente acuto. Alcuni accentuano la lettura psicanalitica della sua opera, ma il punto di vista dell'A. è molto più complesso e sfugge a qualsiasi catalogazione che non sia aperta.
La pianista, che giudico uno degli scritti più riusciti, ci propone appunto un personaggio che non ha saputo sfuggire agli ingranaggi perversi e quindi appartiene alla categoria di quelli che secondo il parere della stessa J. vengono sputati fuori dalla vita oppure si buttano fuori da soli.
Per sua testimonianza il romanzo, da cui è stato tratto un film molto puntuale, premiato a Cannes, ha una ispirazione autobiografica. La musica che percorre tutta la narrazione ha fatto parte della sua vita, indotta a studiare violoncello, viola e pianoforte. La relazione difficoltosa con la madre e molti altri indizi, come la morte in manicomio del padre, ci confermano che l'intera impalcatura del romanzo è attraversata da esiti personali.
Oltre alla musica e alla lacerante quotidiana battaglia con la madre, altro connotato onnipresente è il sesso. Anche in quest'opera il sesso non implica completezza o abbandono o matrimonio, mai serve ad arricchire la propria vita. I lacci che imprigionano la protagonista non la rendono tanto libera da avvicinarsi al mistero della carne se non attraverso il buco della serratura di un quartiere di periferia a spiare scambi a pagamento o locali porno dove avventori lubrici e sbronzi gettano umidi pezzi di carta che lei raccoglie per poi andarsi a tagliuzzare con una lametta nel bagno di casa propria.
Gli spunti, le considerazioni, i livelli dell'approfondimento sono tanto numerosi che è difficile andare oltre. Al lettore il piacere di scegliere la propria misura.

© Fortuna Della Porta
fortunadellaporta@virgilio.it

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) Jelinek,Elfriede di Fortuna Della Porta - BIOGRAFIA
(1) La pianista di Elfride Jelinek di Fortuna Della Porta - ARTICOLO



VISITE: 8722


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali