Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [01/08/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
56 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

NICCOLO' MACHIAVELLI
(1469-1527)


di R.M.L.Bartolucci

All'inizio del '500 in Italia esisteva un uomo di cui metteva paura anche soltanto pronunciare il nome. Egli aveva disseminato il proprio cammino di morti, aveva distrutto intere famiglie, aveva messo la discordia fra vecchi amici e alleati suscitando abilmente tra essi invidie e rancori. Molti sostenevano che lui fosse figlio del demonio. Si trattava di Cesare Borgia, soprannominato il "Duca Valentino". Grandissimi dunque furono lo stupore e l'indignazione della maggior parte degli uomini di quei tempi quando, appena qualche anno dopo, quest'individuo terribile fu commemorato con manifestazioni di stima e di apprezzamento. Infatti così scriveva di lui nella sua opera "Il Principe" il grande scrittore Niccolò Machiavelli: "Raccolte io, adunque, tutte le azioni del Duca, non saprei riprenderlo; anzi mi pare, come ho fatto, di preporlo imitabile a coloro che per fortuna o con l'arme d'altri sono ascesi all'imperio". Cesare Borgia ritenuto imitabile e preso ad esempio: queste parole suonavano assurde! Chi aveva scritto ciò doveva essere senza ombra di dubbio solo un pazzo o un immorale. Ma Niccolò Machiavelli non era né l'uno né l'altro: egli si era solo soffermato a prendere in esame gli avvenimenti da un punto di vista differente da quello usuale, e li aveva considerati con freddezza, lucidità e limpidezza, senza lasciarsi fuorviare da considerazioni diverse da quelle politiche. I contemporanei di Machiavelli gridarono allo scandalo soltanto perché non avevano compreso il vero significato del suo libro, che tra l'altro non conoscevano per intero poiché esso fu pubblicato per esteso solo dopo la morte dell'autore. Il "Principe", in realtà, in poco più di cento pagine scritte in uno splendido italiano cinquecentesco racchiudeva un nuovo concetto della storia e della politica, e non voleva certo essere un'esaltazione dei delitti e dei tradimenti. Secondo il suo autore, la storia non è composta di eventi che si succedono disordinatamente, ma è come un fiume in piena a cui però l'uomo con la sua libera volontà può "fare provvedimenti con ripari ed argini". Dunque sforzandosi si può raggiungere un fine. E quando si è Principi e quindi si ha tra le mani il destino di un Paese, "non bisogna fare niente che metta in pericolo il proprio potere: perché è il potere lo scopo a cui un principe deve mirare". E' del tutto inutile, secondo Machiavelli, porsi dei grandi ideali, anche nobilissimi, se non si ha modo di raggiungerli: prima bisogna fare tutto il possibile per conquistare il potere e mantenerlo. Così per Machiavelli Cesare Borgia era un esempio di coerenza per la sua carriera politica, poiché usando secondo i casi l'astuzia e la forza (cioè comportandosi "da volpe e da lione") aveva mirato dritto al suo scopo senza mai retrocedere. Perfino i delitti, normalmente da condannare secondo un punto di vista etico, in quest'ottica si trasformavano in azioni del tutto logiche che avevano un effetto perfettamente coincidente con le intenzioni dell'autore. Ma come poteva essere fisicamente un uomo così spregiudicato da pensare ciò? Il notissimo ritratto di Ser Niccolò Machiavelli (un busto di terracotta che si trova in Palazzo Vecchio a Firenze) ci svela un viso aguzzo, una bocca sottile che si atteggia a un tenue sorriso, un naso lungo e diritto, due occhi vivacissimi e sornioni, esprimenti un'insaziabile curiosità. In effetti all'epoca di Machiavelli le cose interessanti da vedere erano molte, e la sua sete di conoscere uomini e avvenimenti era ampiamente giustificata. Egli nacque a Firenze il 3 marzo 1469, nello stesso anno in cui Lorenzo de' Medidci, detto il Magnifico, aveva assunto il potere nella città. Era figlio di un nobile che non possedeva molti beni e che tra l'altro era esageratamente avaro anche con i figli, che teneva a stecchetto. Niccolò ricevette tuttavia una buona educazione, e potè aspettare l'età di trent'anni per scegliersi una carriera, nonostante fosse già sposato (e divenne padre di sei figli). Nel frattempo studiava gli autori antichi, prediligendo gli storici. Nel 1498, quando Lorenzo de'Medici era già morto da sei anni, fu nominato "Secondo Cancelliere" della Repubblica Fiorentina. Si fece presto onore, ottenendo incarichi sempre più prestigiosi: come ambasciatore ebbe contatti con le più rinomate corti d'Italia e dell'estero, venendo così a conoscere molte delle personalità politiche più importanti dei suoi tempi. Quando sostava in città, tra un viaggio e l'altro, scriveva in modo asciutto e scorrevole nella sua mirabile prosa le sue esperienze di ambasciatore e le sue osservazioni di storico attento. Conduceva una vita attiva e ricca d'emozioni, come aveva sempre sognato. Ma quando, caduta la Repubblica, nel 1512 i Medici vennero reintegrati al potere, la sua carriera si troncò di colpo. Egli si ritirò in una casa, detta l'Albergaccio, vicino a San Casciano, dove lo scrivere costituiva la sua unica consolazione. Proprio in questo periodo videro la luce le sue opere maggiori: "Il Principe", la "Mandragola", novelle e saggi. Scrisse anche molte lettere indirizzate a persone dalle quali sperava di ottenere un aiuto per avere qualche incarico nel governo di Firenze: esse documentano la solitudine in cui egli visse in quel periodo e la sua sofferenza nel sentirsi escluso dalla vita cittadina. Intanto cominciava ad avere bisogni economici per mantenere la famiglia. Dopo parecchi anni venne finalmente "perdonato" dai Medici e riuscì ad avere qualche incarico ufficiale. Ricominciò a viaggiare e ad annotare tutto ciò che le sue orecchie a sventola avevano ascoltato e i suoi occhietti curiosi avevano spiato. Ma nel 1526 Carlo V, il famoso re di Spagna, scese in Italia con le sue truppe: Machiavelli collaborò attivamente alla difesa di Firenze, ma, quando

arrivò la notizia del sacco di Roma, il popolo si rivoltò e scacciò i Medici. Con la loro caduta, lo scrittore venne definitivamente allontanato dal governo. Si ritirò dalla vita politica stanco, amareggiato e ormai ridotto sul lastrico: la sua salute, scossa dagli strapazzi e dalle preoccupazioni trascorse, peggiorò rapidamente ed egli morì in breve tempo il 22 giugno 1527.

Rossella Maria Luisa Bartolucci
rbart@ciaoweb.it

 

DA LEGGERE (sul sito):

>>Le opere di Niccolò Machiavelli
>>Hanno scritto di lui
>>La parola all'autore (Dell'arte della guerra)

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) 1527 I lanzichenecchi a Roma di Andrea Moneti - RECENSIONE
(1) Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(1) Beati gli umani di Luca Rulvoni - RACCONTO
(2) bisogno di Patria;Il di Barberis Walter - RECENSIONE
(1) città del tardo Rinascimento;La di Claudia Conforti - RECENSIONE
(1) Di carne, ossa e mattoni di Maria elisabetta Giarratana - RACCONTO
(1) Discussione fra una profia e due giovani appassionati bukoskiani. a cura di Angela Ravetta - ARTICOLO
(1) dottor Mouse e il settimo piano;Il di Antonino Genovese - RECENSIONE
(1) Fangulo di Francesco Caruso - RACCONTO
(3) Gramsci, il teatro come “allegoria” della fabbrica dei “produttori”[1] a cura di Bruno Corino - ARTICOLO
(1) I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri a cura di Giovanni Pellegrino - ARTICOLO
(1) Il mito del Nord-Est tra storia e letteratura a cura di Lara Scifoni - ARTICOLO
(1) Il nemico delle network di Gianluigi Scelsa - RACCONTO
(6) Il principe di Elio Zagami - RACCONTO
(12) Il signore degli inganni di Fabio Monteduro - RACCONTO
(1) Incontro semiserio con Conversazioni in Sicilia di Elio Vittorini a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO
(1) Ipocondria ambientale a cura di Alberto Volpi - ARTICOLO
(1) La donna di vapore di Carlos Ruiz Zafòn trad.di Alice Gerratana - TRADUZIONE
(1) La Saga del Regno dei Fanes nell'opera di Karl Felix Wolff a cura di Giuliano Giachino - ARTICOLO
(1) Machiavelli, Niccolò di R.M.L. Bartolucci - BIOGRAFIA
(2) Mani di Fata di Jacob Von bergstein - RACCONTO
(2) Pamina e Tamino di Giuseppe Butera - RACCONTO
(2) Prima colazione di Debora Gatelli - RACCONTO
(2) principe di hombourg;Il di Heinrich Von Kleist - RECENSIONE
(1) Romy Schneider a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(1) Uno sguardo su Livorno e la sua popolazione navigando nella storia tra realtà e fantasia. a cura di Paola Ceccotti - ARTICOLO
(1) Veranda di fine agosto di Sergio Sozi - RACCONTO
(1) Vincenzo Cardarelli e la lingua italiana nel 50° anniversario della morte a cura di Enzo Sardellaro - ARTICOLO


DA LEGGERE:

Il principe e dell'Arte della Guerra
Newton & Compton 2002
244 pg. 4 euro

>>Compra questo libro su IBS <<

la mandragola - Clizia
Rizzoli - SuperBUR Classici
144 pg. 4.99 euro

>>Compra questo libro su IBS <<

 

VISITE: 18570

 

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali