Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    [09/04/2020] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fuori dal cassetto scadenza 2020-04-15    XII Concorso Internazionale di Poesia Città di Acqui Terme scadenza 2020-04-18    Trofeo RiLL, il miglior racconto fantastico scadenza 2020-04-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Un falang in Laos alla ricerca del drago del Mekong di Marco Marengo     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
45 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
21 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Faustina Tori intervista
Marino Alberto Balducci


Studioso d’ermeneutica, del rapporto tra filosofia, arte e letteratura, dal 1987 Marino Alberto Balducci ha collaborato come docente con l’Università di Firenze, l’University of Connecticut- Usa, Harvard e altre università internazionali. Tra i suoi volumi più recenti ricordiamo “Rinascimento e anima :Petrarca, Boccaccio, Ariosto, Tasso: spirito e materia oltre i confini del messaggio dantesco”. Ha composto raccolte di poesie quali Rapsodie Indiane, Il mare di latte.

 

Intervista al professor Marino Alberto Balducci, fondatore della Carla Rossi Academy International Institute of Italian Studies a Monsummano Terme, autore della versione in prosa moderna poetico-interpretativa della Divina Commedia, di cui ha completato la prima cantica (Inferno).

D. Com’è nato questo progetto?
R. Il progetto di una riscrittura della Divina Commedia in chiave moderna è nato nel 1993 ed è legato alla trasformazione della casa materna in un centro di studi letterari focalizzato sulla ricerca ermeneutica dantesca con l’obiettivo principale di attualizzare la Divina Commedia. Prima sono stati svolti studi accurati su vari argomenti: Dante e il mito classico, Il sinfonismo della Divina Commedia, lo studio specifico di canti di Paolo e Francesca e di quello d’Ulisse. Dopo questa serie di studi preparatori abbiamo iniziato a tradurre in prosa poetica moderna alcuni canti del Purgatorio e del Paradiso .

D. Quanto tempo ha impiegato a riscrivere tutto l’Inferno?
R. Dal 2006 al 2008 è stato riscritto tutto l’Inferno, che sta per essere pubblicato, con il coinvolgimento anche del pittore e illustratore Marco Rindori che ha elaborato ben 152 tavole che impreziosiscono il volume.

D. Un lavoro impegnativo non solo per l’autore ma anche per l’incisore?
R. Indubbiamente, oltre alle immagini raccolte nel volume devo ricordare le circa cinquecento tavole
a colori, a tecnica mista - grafite, lapis, penna biro, tempera, acquerello, sanguigna, foglia d'oro e d'argento, aerografo- che sta realizzando per tutta l’opera. Le tavole sono ispirate a varie sezioni dell'Opera dantesca ed è inoltre già in corso la realizzazione di una serie di incisioni ad acquaforte prese da queste tavole e realizzate in tiratura limitatissima, pensando ad una futura edizione extra lusso.

D. Ritorniamo al suo lavoro, quali sono le caratteristiche della sua versione moderna di Dante?
R. Sempre rispettando l’originale dantesco, mi sono immedesimato in lui, compiendo in prima persona l’esperienza del suo viaggio, trasfondendovi dentro le emozioni che può provare una persona del nostro secolo.

D. La prego di chiarire meglio il suo procedimento?
R. Ho viaggiato come se fossi Dante attraverso l’umanità alternando momenti di poesia alla versione in prosa con riflessioni filosofiche su i nodi centrali del poema.

D. A chi si rivolge?
R. A qualsiasi ipotetico lettore a cui comunico i miei sentimenti, infatti, la versione è in prima persona. Io, modestamente, immagino d’essere Dante che ha vissuto una tale esperienza, la traslazione è solo per la parte sentimentale. Il linguaggio rispecchia il contesto storico culturale e originale.

D. Qual è l’attualità di Dante?
R. Dante riesce a dar voce ad ogni tipo d’uomo, penetrando nei meandri oscuri della coscienza dove si annidano e coesistono insieme la parte angelica e quella demoniaca, l’infinitamente basso e alto.

D. Quali sono i temi più scottanti del ‘300 che fanno parte del dibattito contemporaneo ?
R. Sono moltissimi. Ne elenco solo alcuni ad esempio la meritocrazia. Il concetto di Dante di nobiltà è di merito non di sangue. Non si nasce nobili ma la nobiltà è quella dell’animo. Il tema politico, la prospettiva complessiva del Poema rispecchia quella del III libro del De Monarchia: la Chiesa deve essere povera e deve occuparsi dell’aspetto spirituale e non di quello politico. Dante si muove sempre sull’esempio di San Francesco non certamente volendo provocare uno scisma o uno scontro. Dante è il poeta dell’amore come concetto liberatorio e non come scontro.

D. Che cosa può dire del rapporto Dante cultura araba e quindi il problema dell’Islam ?
R. Certamente Dante ha un grande rispetto culturale dell’ingegno e della cultura araba, basti pensare all’influenza del mistico Ibn Arabi nel Paradiso, ma confronta la fede islamica con quella cristiana e non ammette altra religione dopo il cristianesimo che è amore, carità e integrazione di tutto. In sintesi Dante tenta di ricondurre all’unità la frammentazione, la divisione, gli scontri del suo secolo. Ed è solo grazie all’amore divino che tutto ciò può essere realizzato a cui si arriva solo con un viaggio di purificazione.

D. Che cosa ha fatto per far conoscere al pubblico questa opera che è di grande impatto soprattutto emozionale?
R. Dal 2008 abbiamo iniziato un progetto in collaborazione con l’assessorato alla cultura che, per ora parte da Montecatini Terme ma che si estenderà sia in Italia che in altri paesi europei. Ogni canto viene teatralizzato ossia è accompagnato da danze mimiche che rendono ancora più efficace la mia versione a cura dell’Axe ballet con la coreografia di Antonella Tronci, accompagnate da musiche elettroniche. Le musiche cambiano di volta in volta e sono studiate in sintonia con il canto che è letto e sono create da Andrea Pozzi e Daniele Cagnotto e sottolineate dalle proiezioni digitali di Arianna Bechini.
Le voci recitanti appartengono all’Associazione teatrale Progetto Idra, diretta da Marco Arrigoni e sullo sfondo sono proiettate le immagini delle illustrazioni di Marco Rindori.

D . E’ contento del successo ricevuto?
R. Molto, la risposta del pubblico mi incoraggia e conferma la validità di questo immane lavoro.

Allora non ci resta che augurarle buon lavoro nell’attesa della pubblicazione del primo volume che è già stato stampato anche se solo in versione economica.

Per gentile concessione di Faustina Tori e Marino Alberto Balducci

inserito 05/06/09
VISITE: 6224



© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.