Pagina Precedente

Poesie Scelte

Pagina Successiva


XX ( CLIV )

Al buon signor Prevert

 

E Vincent si taglia l’orecchio

e fa male.

Poi lo porta a quella giovane

puttana.

E la guarda, e pensa:

" Amore, amore mio… "

Ed altre sciocchezze

piu’ o meno cosi.

Anche lei lo guarda

e non sa che dire.

 

Le fa pena, e’ vero.

Ma poi pensa:

" Che sfigato…"

E questo, scusate,

questo non e’ amore.

 

Sognarti e’ un sospiro

tra il nulla ed il niente,

meglio comunque che stare qui

a scrivere sciocchezze in margine

ad un povero libro.

 

Nel bordello vicino al Rodano
L’uomo arriva come un Re Magio
Col suo assurdo regalo
Ha lo sguardo dolce e azzurro
Il vero sguardo lucido del pazzo
Di quelli che alla vita danno tutto
Di quelli che non sono gelosi…

J. Prevert "Complainte de Vincent"

 


Pagina Precedente

Poesie Scelte

Pagina Successiva


VISITE: 3