Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [13/06/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCIENZA FANTASTICA scadenza 2021-06-15    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami     Growl di Paola Emma Labate (diana Jett)    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
43 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

RECENSIONE
FIGHT CLUB

USA 1999


Recensione di Emiliano Bertocchi

Fight Club
Titolo originale: Fight Club

Nazione: Usa
Anno: 1999
Genere: Thriller
Regia: David Fi ncher
Original story:
Chuck Palanhiuk
Cast: Brad Pitt, Edward Norton

Fight Club è un film molto complesso e ambiguo e si basa sul sorprendente libro di Chuck Palanhiuk. Lo scrittore si inventa un nuovo modo di scrivere, fatto di ripetizioni, di tagli, di nomi esoterici legati alla medicina, di nozioni utili se si vogliono fabbricare esplosivi. Chuck ha un talento letterario unico. Scava dentro la nostra società (consumistica) e si insinua in quei luoghi bui e molte volte nasconti, quegli antri oscuri in cui si ripiegano le incongruenze del mondo in cui viviamo. Chuck ci fa entrare in questi luoghi: gli incontri tra malati terminali, il lavoro delle compagnie automobilistiche durante gli incidenti, la costruzione di esplosivi. Il protagonista del libro si ritrova invischiato in una vita che non sente più propria. Schiavo del lavoro, degli oggetti, delle cose che ha intorno e di cui non ha bisogno.
"Le cose che possiedi alla fine ti possiedono" dice Tyler Durden. Ed è vero. Quella del protagonista è una rivoluzione. Di tipo anarchico e masochista.
La violenza dei fight club è un' implosione-esplosione della propria rabbia. Implosione perchè all' inizio il protagonista picchia sè stesso, esplosione perchè nei combattimenti la rabbia repressa si tramuta in una nuova forza generatrice. Nel libro vengono toccati i più disparati argomenti, che però sono illuminati tutti da una nuova luce, da un nuovo punto di vista. Il merito di David Fincher è stato quello di riuscire a tradurre in un linguaggio cinematografico non banale l' originale impatto narrativo di Chuck e a trasformare in invenzioni visive molte di quelle letterarie.
Fincher si sofferma sugli oggetti, li studia, ci scava dentro, molte volte non li riconosciamo finchè la macchina da presa non si stacca da loro e li riporta al normale rapporto che hanno con la realtà. Molto interessanti sono le riprese dell' immondizia come se fosse un sistema planetario o anche la spiegazione del cambio della pellicola in cui Tyler infila fotogrammi del suo pene.
L' ambiguità del film e del libro si creano soprattutto nel messagio e nel tema del doppio. Alla fine non è ben chiaro cosa il film ci voglia comunicare. La rivoluzione partita da Tyler si trasforma in una sorta di lotta reazionara che riguarda soprattutto le altre persone che seguono i suoi ordini. Come scimmie spaziali. Come automi che non hanno più una loro libertà. Forse la libertà va cercata all' interno di una costrizione. Questo è un tema che lo scrittore tratta in un altro suo libro Survivor. Il tema del doppio invece si risolve forse in maniera troppo banale. Visivamente. Mentre in realtà nella sua sostanza rimane molto interessante. Soprattutto perchè viene descritta la schizzofrenia di una persona. O anche la proiezione dei propri sogni, delle proprie frustazioni e della rabbia repressa per una vita di merda. Anche nel libro il finale, che è leggermente diverso da quello del film, rimane aperto. Ma credo che il mesaggio vada cercato nell' insieme delle cose. Nella miriade di informazioni, nuove angolazioni, aperture di senso che il libro offre.
La regia di David Fincher lavora in maniera ottima nella prima parte del film andando però perdendosi nella seconda, soprattutto da quando viene svelata la vera natura di Tyler Durden. Comunque sia l' immagine finale con i plazzi che crollano è da brividi, soprattutto se pensiamo a quanto è successo alle Twin Towers.
Quello di Fight Club è un tentativo di rivolta, spirtuale prima di tutto e poi anche materiale. E' anarchico perchè si fa portavoce di una distruzione per il ristabilimento di un nuovo ordine. E' masochista perchè parte dalla conoscenza del dolore come conoscenza di sè dtessi. E' un lungo viaggio verso il fondo, unico modo per capire realmente chi siamo.
Gli attori sono tutti molto bravi soprattutto Helena Bonham Carter e Edward Norton che caratterizzano perfettamente i loro personaggi. Comunque un consiglio, se vi è piaciuto il film leggetevi assolutamente il libro.
Scoprirete un grande autore.
E ricordatevi che mettersi le penne nel culo non farà di voi una gallina.

Emiliano Bertocchi

VISITE: 13248

Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali