Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [14/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Baudelaire: Les fleurs du mal
traduzione a cura di Fortuna Della Porta
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 20656
Media 79.99 %

Da: Les fleurs du mal
Charles Baudelaire


XLIX
Il veleno

Il vino sa ricoprire il più sordido bossolo
D’un fasto miracoloso
E fa sorgere più d’un portico favoloso
Nell’oro del suo vapore rosso
Quasi un sole a cadere in un cielo brumoso

L’oppio dilata ciò che non ha steccati
Allunga l’infinito-abbondanza
dilata il tempo, scava inebrianza
E di piaceri neri e scurati
Riempie l’anima oltre ogni sua portanza

Tutto ciò non vale il veleno che spilla
Dai tuoi occhi, dai tuoi occhi verdemare
Laghi in cui la mia anima trema e indietro riappare
I miei sogni vi accorrono spillati
Per dissetarsi a quelle forre amare.

Tutto ciò non vale il terribile arcano
Della tua saliva che morde,
che sprofonda nell’oblio la mia anima non discorde
e, la vertigine capriolando,
l’arrotola estinta alle corde della morte


LI
Il gatto

Nel mio cervello rimena
Come nel suo appartamento
Un bel gatto, forte, dolce e suadente.
Quando miagola lo si sente appena

Tanto il suo timbro è tenero e discreto;
che pur la sua voce si placa o si sprofonda
essa è sempre consistente e fonda.
È questo il suo fascino e il suo segreto.

Questa voce che perle gitta e filtra,
nel fondo mio più caliginante,
mi riempie come un verso tracimante
e mi esalta come un filtro.

Addormenta i più crudeli vermi
E contiene tutte le estasi;
per dire le frasi più estese
non ha bisogno di termini.

No, non c’è un archetto che addenti
Sul mio cuore, perfetto strumento,
e faccia più regalmente
cantare la sua corda più toccante,

della tua voce, gatto misterioso,
gatto serafico, strano gatto
in cui tutto, come in un angelo, fatto
tanto sottile e armonioso

II
Della sua pelliccia bionda e bruna
emana un profumo sì dolce, che una
sera ne fui impregnato per averlo
accarezzato una volta, non più di una.

È lo spirito familiare del clivo;
giudica, presidia, inala
ogni cosa nella sua cabala;
che sia fata che sia divo?

Quando i miei occhi, da questo gatto che amo
tirati come da un amante,
si ritraggono dolcemente,
e io che in me stesso ricamo

vedo scosso
il fuoco delle sue pupille pallide,
chiari fanali, opali calide
che mi contemplano fisse.


LXXXI
Alchimia del dolore

Qualcuno ti illumina col suo ardore,
un altro in te mette sua doglia, Natura
Quello che dice all’uno: Sepoltura!
Dice all’altro: Vita e splendore!

Ermete, sconosciuto che mi assisti
Che sempre mi hai intimorito,
tu mi rendi uguale a Mida,
il più triste degli alchimisti;

Per te io cambio l’oro in ferro
E il paradiso in inferno;
Nel sudario dei nembi

un diletto cadavere afferro,
E i celesti erbosi lembi
Assemblo di grandi tombe.


XII
La vita interiore

Da tempo abitato gli ampli portici
Che il sole marino tingeva di mille ceri
E i grandi pilastri diritti e fieri
Rendevano, la sera, ad antri basaltici.

Onde, nel rovesciare immagini sideree,
fondevano con arte solenne e mistica
gli onnipotenti accordi della ricca musica
ai colori del tramonto riflesso dalle mie iridi.

È là che ho vissuto in voluttà calme
In mezzo all’azzurro, i marosi, gli splendori
E schiavi nudi, impregnati di afrori,

che mi alleviavano la fronte con le palme
all’ unico affanno tesi d’approfondire
l’amaro segreto che mi teneva a languire

L
Cielo brumoso

Vorrei dire il tuo sguardo d’un vapore cagliato
Il tuo occhio indecifrabile (è blu grigio o di prato?)
Alternativamente tenero crudele sognatore
riflette l’indolenza del cielo e il pallore.

Ricordi i giorni bianchi tiepidi e velati
Che sciolgono in pianto i cuori stregati
quando in ignoto sgomento carpiti
I nervi accesi beffano gli spiriti assopiti.

Somigli talvolta agli orizzonti radiosi
Che rischiarano i soli dei tempi nebbiosi...
Come splendi paesaggio bagnato
infiammato dai raggi spioventi da un cielo turbato!

O donna affascinante, arie amate!
Adorerò la tua neve e le vostre brinate
e saprò anche trarre dall’ irriducibile agghiaccio
piaceri più aguzzi del ferro e del ghiaccio?

Autore: audelaire: Les fleurs du mal
Traduzione a cura di Fortuna Della Porta



Recensioni ed articoli relativi a audelaire: Les fleurs du mal

(1) Baudelaire: Les fleurs du mal trad.di Fortuna Della Porta - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Fortuna Della Porta

(1) La sonnolenza delle cose di Fortuna Della Porta - RECENSIONE
(2) Io confesso di Fortuna Della Porta - RECENSIONE

Testi di Fortuna Della Porta pubblicati su Progetto Babele

(1) Zoé Valdés e la poetica della nostalgia di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(2) Jelinek,Elfriede di Fortuna Della Porta - BIOGRAFIA
(3) Sorso di notte potabile di Flaminia Cruciani - RECENSIONE
(4) La nuova poesia modernista italiana di Giorgio Linguaglossa - RECENSIONE
(5) Nascosta e lo Specchio di Maria Carla Trapani - RECENSIONE
(6) Zoé Valdés e la poetica della nostalgia di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(7) Saba: appunti per un percorso di lettura a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(8) Rileggendo Moby Dick - L'attualità della Balena Bianca a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
(9) La dimensione del tempo di Fortuna Della Porta - RACCONTO
(10) Buio di mezzanotte di Fortuna Della Porta - RACCONTO
(11) Mosca più balena di Valeria Parrella - RECENSIONE
(12) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE
(13) Lettera da Francoforte di Edith Bruck - RECENSIONE
(14) Nuvole di Norma D'Alessio - RECENSIONE
(15) Edith Bruck Lettera da Francoforte a cura di Fortuna Della Porta - ARTICOLO
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2005-07-10
VISITE: 52557


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.