Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [11/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La ragazza silenziosa di Erich Kästner
traduzione a cura di Tania Ianni
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13351
Media 79.96 %

Era molto giovane, molto inesperta e molto avida di sapere. Lui era altrettanto avido di sapere, non inesperto però e di quasi venti anni più grande. Nonostante ciò avrebbe potuto imparare da lei qualcosa; perché lei era, seppure una ragazza , una donna, ed egli, seppure un uomo, un bambino. Ma loro non giunsero a queste evidenti riflessioni. Oppure evitavano, di pensarci.
Nei giorni, in cui lei lo andava a trovare segretamente, affinché lui disegnasse continuamente il suo bel viso, per rintracciare l’incanto dei suoi tratti, diceva occasionalmente: “Potete tranquillamente parlare mentre lavoro. Non voglio certo fotografarvi. Parlate tranquillamente, bambina”
“Non sono una bambina”, rispondeva allora lei con calma “ e così lui iniziò a parlare al posto di lei, mentre il suo sguardo curioso vagava di qua e di là tra il viso ed il blocco. Lei taceva, lo guardava immobile e diceva solo qualche volta “Aah “ oppure “Sì si “ o “Così così”.

“Leggete talvolta romanzi d’amore?” chiese lui un giorno. E poiché lei, come al solito,taceva ,lui continuò: “Lasciateli stare.” Non si può impararne nulla, bimba mia”.
“Non sono una bambina”, disse lei con calma.
“Da nessuna parte”, disse lui “si finge in modo così informe, da nessuna parte la realtà e la verità vengono nascoste così freddamente come nei romanzi d’amore. Se uno scrittore vuole descrivere, come si uccide o si taglia in piccoli pezzi qualcun altro, o come si impicca, o si ‘incendia una città, o si maltratta un animale, alla sua esattezza non sono posti limiti. Nessuno avrebbe l’idea, di prendersela con lui per la sua accuratezza. Nessuna autorità tenterebbe, di vietargliela. Alcuni romanzi sono veri manuali per banditi e omicidi esordienti. Se però un poeta osa descrivere le cose dell’amore, che però di certo significa la più grande, se non l’unica felicità per noi uomini, ciò è tanto buono quanto inutile. Farebbe meglio, ad uccidersi, prima che lo facciano altri. Può svelare ciò che è più orribile. Il bello, di indicare anche soltanto con le parole , gli è vietato. Tentarlo perciò sarebbe peccato mortale. I fondamenti dello Stato, della Chiesa e della società vacillerebbero altrimenti. E gli edifici, che vi sono stati eretti sopra, dovrebbero crollare come castelli di carta. I guardiani delle convenzioni tremano giorno e notte dinanzi alla forza elementare della felicità e dell’amore.”
Lo guardò fissamente e mormorò:”Aah”.

“In fondo”, disse lui un’altra volta” è totalmente impossibile per due persone , che si amano o credono di amarsi, avvicinarsi davvero l’un l’altro. Probabilmente Lei dubiterà di
questa affermazione, bambina mia”.
“Non sono una bambina”, replicò lei dolcemente.
“Un poeta francese dei nostri giorni”, continuò lui “ ha tentato di illustrare in una giustamente più oscura allegoria l’impossibilità di incontrare del tutto l’un l’altro. Ognuno dei due amanti, lui pensa, sia come cucito dentro un grosso sacco di tela, così egli non possa vedere nulla e muoversi appena. In questa dolorosa disposizione d’animo starebbero ora l’un contro l’altro, avvertirebbero la vicinanza dell’altro che rende felice, sentirebbero lo slancio dell’inclinazione confinante col doloroso, vedrebbero l’oscurità, lino che tocchi goffamente al lino, maldestro e insufficiente, e nessuno dei due saprebbe proprio, chi allora e come in verità sia l’altro. Il paragone non suona molto poetico, ma temo, che sia giusto. Vale a dire , che già Adamo ed Eva avrebbero raccolto e mangiato la mela dell’Albero della Conoscenza. Considero ciò una notizia falsa. Ci si è solo dimenticati, di smentirla. Pende ancora in alto sull’albero, la mela misteriosa, ed è eternamente irraggiungibile per gli uomini.”.
Lei lo osservava fisso e disse leggermente “Così,così”.
“Ci si abbandona solo troppo facilmente- ciò che si sa da molto, dimenticando -la opinione” disse lui un bel pomeriggio “ che in questo paese il disprezzo ufficiale sia antico come il mondo. Però come ci si comporta allora davvero? L’amore è stato sempre e sarà ovunque forse nascosto, come fosse un peccato e una vergogna? Come se appartenesse al carcere e si facesse giustamente, a tacerne, come di un parente, che obbliga a rubare i cucchiai d’argento? Non fu sempre così, ciò lo sa ogni bambino”.
“Non sono una bambina”, rispose lei calma.
“Non è stato sempre così”, ripeté lui “ Pensi agli antichi Greci, che rendevano omaggio alla bellezza fisica adorandola nei templi. E’ stato e non è dappertutto così. Pensi soltanto
ai libri indiani dell’amore. E non si dimentichi la naturale schietta capacità del Giapponese,
che ha delle cose ed dei processi, che si mettono a tacere nell’Occidente odierno in modo addirittura infantile, o vengono ridacchiati disgustosamente. Ma come, chiedo, si può parlare allora francamente della parte spirituale, divina dell’amore, se si disprezza,
l’amore terreno, lo si mette al bando e ce se ne vergogna? Così non solo una parte di esso, ma anche l’intero diventa una bugia.”
Lei lo guardò fisso e disse: “Sì, sì”.

Così e similmente parlò lui, mentre continuava a disegnarla . E così e similmente lei taceva. Fino a quando giunse quel pomeriggio, in cui lui, tenendo la testa obliquamente, esaminò l’ultimo disegno e disse: “ Meglio non posso, bambina mia.”
Lei rimase in silenzio.
“Sarebbe sconsiderato”, continuò lui “ chiederLe in seguito le Sue visite. Il disegno, commisurato al mio talento, non è male.Volete vedere il foglio, bambina mia?”.
Rimase in piedi in silenzio e entrò dietro di lui.
Lui si schiarì la voce. Poi chiese: “Posso regalarglielo -bambina mia?”.
“No”, disse lei “lo appendiamo lì sopra il sofà”.
Lui si voltò verso di lei meravigliato. Lei sorrise un po’, osservò riflessiva da una finestra all’altra e pensò: “Dovevamo procurarci nuove tende. Se- ti va bene.”
Lui la osservò fisso e mormorò, prendendo la sua mano: “ Oh, io bambino”.

Autore: Erich Kästner
Traduzione a cura di Tania Ianni



Recensioni ed articoli relativi a Erich Kästner

(1) La ragazza silenziosa di Erich Kästner trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Tania Ianni

Nessun record trovato

Testi di Tania Ianni pubblicati su Progetto Babele

(1) Deledda,Grazia(1871-1936) a cura di Tania Ianni - BIOGRAFIA
(2) Il cavaliere doppio di Théophile Gautier trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(3) Il piano di Dorothy Canfield trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(4) Un ventaglio di autunno di Sui Sin Far (1865-1914) trad.di Tania Ianni - TRADUZIONE
(5) L'amore non basta mai di Jennifer Vandever - RECENSIONE
(6) un giorno perfetto di Melania G. Mazzucco - RECENSIONE
(7) E' una lunga storia di Günter Grass - RECENSIONE
(8) Piccolo viaggio nell'anima tedesca di Vanna Vannuccini Francesca Predazzi - RECENSIONE
(9) Il mistero di Sandokan a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(10) Il ciclo dei "PIRATI DELLA MALESIA" di Emilio Salgari a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(11) Romy Schneider a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(12) La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell - RECENSIONE
(13) Narrativa per ragazzi: dal testo al cartone animato a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(14) Il libro nella era della tecnologia e di Internet: lo e-book a cura di Tania Ianni - ARTICOLO
(15) Rilke, Rainer Maria(1875-1926) a cura di Tania Ianni - BIOGRAFIA
>>Continua (click here)


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-10-03
VISITE: 28808


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.