Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    [27/07/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    VERSI IN VOLO scadenza 2021-07-30    3^ edizione 2021 scadenza 2021-07-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito    Poesie     Lontananza di Jacob Von bergstein     Cielo. di Antonio Parente     Angeli di Manny Mahmoud     Il prossimo della lista di Amedeo Bruni     L’ombra di me di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
10 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
49 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Parigi in acqua di Eugène Briffault
traduzione a cura di Massimo Cardellini
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 17617
Media 80.08 %

Traduzioni

Con piacere vi presento uno degli innnumerevoli lavori di genere umoristico di cui l'800 francese è emormemente ricco. Oltre ad opere letterarie di questo genere, la letteratura di lingua francese contempla anche e soprattutto l'accostamento di testi validi sotto il profilo letterario anche di grandi illustratori che con la loro bravura diedero uno spessore considerevole ad opere già di per sé meritevoli. Per la Francia stessa si tratat di opere di facile reperibilità e spesso esse vengono ristampate da grandi editori o da editori specializzati nel recupero di testi rari e riproposti in edizioni anastatiche. Per l'Italia, invece di opere mai tradotte e quindi del tutto sconosciute. Speriamo con questo primo lavoro di iniziare una lunga serie di recupero di questi grandi testi di satira dei costumi o delle istituzioni. (Massimo Cardellini)

I Sicambri, i viali ed i marciapiedi, il bambino della Senna, le sue abitudini, i porti, la Rapée e il GrosCaillou, lavori e piaceri.  Il pesce della Senna, il sultano ed i due dervisci, la sabbia, le polemiche.  Progressi, usanze e fisionomia, le due squadriglie, un mulino a colori, i battelli di lavandaie, galline d'acqua.  I PESCATORI ALLA LENZA. Fisiologia. Aneddoti: il matrimonio alla lenza o l'uomo paziente, i due intrepidi, immobilità, pescatori celebri, la frittura di Lepeintre il giovane, i bracconieri di fiume.  IL CANOTTIERE. Monografia. Le sue usanze, i suoi viaggi, le sue disgrazie, l'Opera a Asnières, cantieri, il lago di Enghien. I BOHEMIEN DELLA SENNA. Piccole fabbriche. Drammi, L'Obitorio, virtù. FASTI DEI SICAMBRI. Il marsuino, i fuochi di artificio, festa veneziana, il vascello di cartone, l'Arcivescovo, battelli funebri. Luglio 1830 8 maggio, i funerali di Napoleone. Il Louvre, SaintCloud, SaintDenis, Neuilly e la flotta dorata.
Giulio Cesare e Rabelais hanno dato agli abitanti delle rive della Senna il nome di Sicambri. Se è vero che il Parigino è nato marinaio, come il Francese è nato astuto, è difficile trovare una parola più giusta di questa espressione di Sicambri, per ritrarre con un sol tratto questo figlio della Senna, una delle più pittoresche varietà di figlio di Parigi.

Parigi è attraversata quasi parallelamente da due grandi linee, quella dei viali e quella dei marciapiedi. I viali, nei loro differenti intervalli disposti a scaglioni dal piede della colonna della Bastiglia fino alla base della Madeleine, riproducono con fedeltà vivente i tratti della fisionomia parigina, soprattutto da quando il movimento li ha posti tra le due civiltà, quella che abbandona il sud e quella che avanza verso il Nord. I marciapiedi offrono lo stesso aspetto, con più calma e meno turbamento; ma hanno un vantaggio che è loro peculiare, è la vista del fiume in cui essi si specchiano; è questo spettacolo così pieno di viva originalità e questa sequenza di immagini mobili che l'acqua trasporta e conduce sotto i loro sguardi. Quando al di là di Bercy si esplora e percorre il doppio litorale parigino oltre a Chaillot si è stupiti dalla varietà di quadri che presentano gli uomini e le cose con un vigore di colori sempre nuovi; nulla è più incantevole e più animato.

Le usanze di fiume, sulle rive della Senna, sono rilevanti, come le usanze di mare sono vivaci sulla riva bretone; il figlio della Senna è uomo di fiume come l'altro è marinaio. Vi sono sicuramente fiumi più maestosi e più magnifici del nostro; ma non ve ne sono che hanno un carattere locale più fortemente improntato di quello della Senna. Il Tamigi, questa figlia maggiore del mare, appartiene al mondo intero, la Senna è parigina.
Le abitudini dei Sicambri hanno un colore che li distingue da tutto il resto della gente acquatica; non si confondono affatto con la turba dei marinai d'acqua dolce. Hanno avuto i loro pittori ed i loro poeti; si è cantato il loro spirito sempre così pronto; si è fatto del loro dinamismo un tipo amato e ricercato; la loro stessa lingua forma un vocabolario a parte.

La popolazione dei porti di Parigi non ha perso tutte le tradizioni che avevano portato così in alto la sua fama di allegria e di autenticità che la canzone ed il teatro hanno tanto celebrato; ha ceduto al progresso quel che non poteva contendergli; ma non si è lasciata trascinare dal torrente; la si ritrova ancora in piedi sugli argini del fiume, la sua ricchezze ed i suoi amori.

L'alta Senna, il cui quartier generale era alla Rapée, a monte, sulla riva destra all'ingresso del fiume a Parigi, si faceva notare per una rozzezza originale che era il tratto principale del suo carattere. La bassa Senna, di cui il GrosCaillou, a valle, sulla riva sinistra, era il centro, si vantava di maggior raffinatezza; ma le sue forme erano meno accentuate e meno pronunciate di quelle dei rivieraschi superiori: una delicatezza e delle raffinatezze sconosciute più in alto erano passate per lì.
Alla Rapée viveva il marinaio puro sangue con la sua comare lavandaia, entrambi, danzando e bevendo all'Ecu, in cui il bel mondo veniva a esercitare il loro comportamento, il loro linguaggio e le loro maniere, per farne i diletti dei suoi salotti e del suo carnevale.

Tutta la settimana, per questi uomini di fatica, trascorre nel più duro dei lavori. La conduzione dei convogli, in cui eccelle ancora; quei grandi battelli carichi di vini, frutta, legna, pietre, di tutti i prodotti del suolo borgognone; questi enormi convogli di carbone che galleggiano come i relitti di una nave bruciata, occupano in cento modi una popolazione numerosa ed attiva, sempre allegra, gioiosa, e, sotto la sua brutalità apparente, che nasconde la bontà e la più autentica bonomia. Il flusso dei convogli di legno ed il lavaggio dei tronchi, ai quali si fa un bagno preliminare, ha sempre richiesto un grande numero di braccia; questa occupazione si svolge immersi nel fiume.

La nazione dei pescatori è anch'essa numerosa; è rimasta pura ed intatta; possiede una immobilità contro la quale si schiantano le rivoluzioni. Il pescatore della Senna è dotato di una intelligenza e di una pazienza senza eguali; il pesce non potrebbe sfuggire alle sue astuzie che lo insidiano notte e giorno. Durante il lavoro il pescatore della Senna è serio, austero, muto come il pesce; vediamo il suo battello scivolare sulla superficie dell'acqua senza agitarla; così come il pescatore della Muette de Portici, getta le sue reti in silenzio. Nulla stanca la sua perseveranza; se la pesca non rende, aspetta giorni migliori; tutto gli va bene, il pesciolino più minuto non è disprezzato; il più piccolo ghiozzo non trova forse posto in una frittura? Più tardi, la carpa, l'anguilla, il persico, la tinca, il barbo ed il barbiglio e molti altri doni del cielo ricompenseranno i suoi sforzi.

Paris dans l'eau, (Parigi in acqua)1844.

Autore: Eugène Briffault
Traduzione a cura di Massimo Cardellini



Recensioni ed articoli relativi a Eugène Briffault

(1) Parigi in acqua di Eugène Briffault trad.di Massimo Cardellini - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Massimo Cardellini

(1) Parigi in acqua di Eugène Briffault trad.di Massimo Cardellini - TRADUZIONE

Testi di Massimo Cardellini pubblicati su Progetto Babele

(1) Parigi in acqua di Eugène Briffault trad.di Massimo Cardellini - TRADUZIONE


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2008-04-11
VISITE: 32564


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali