Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [15/01/2021] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Storie Vagabonde scadenza 2021-01-24    LUCENERA scadenza 2021-01-24    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 06 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo      L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale    Racconti     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Secolo grottesco di Luca Baratta     Un giorno allo Stibbert di Luca Baratta     Profondità d’autunno di Gabriela Verban     Sette poemi di Mervyn Taylor, tradotti da Susana H. Case di Susana H. Case     Dresda 2006 di Luca Baratta    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
34 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
38 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

A la mystérieuse (1926) di Robert Desnos
traduzione a cura di Alessandra Cargnel
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 10240
Media 79.64 %

A la mystérieuse è una sezione di sette poesie di Corps et biens, opera pubblicata nel 1930 da Robert Desnos, uno dei più importanti e attivi membri del movimento surrealista francese degli anni '20. I temi principali delle sue poesie di questo periodo sono l'opposizione tra realtà e sogno, l'incertezza, la perdita del senso del tempo, l'amore impossibile per una donna che diventa quasi irreale. I sette componimenti di A la mystérieuse sono infatti per la cantante Yvonne George, della quale era perdutamente innamorato. Un amore a senso unico, poiché la donna non ricambiò mai il sentimento. (Alessandra Cargnel)

 

Oh sofferenze d’amore!

Oh, sofferenze d’amore!

Quanto mi siete necessarie e quanto mi siete care.

I miei occhi che si chiudono su lacrime immaginarie, le mie mani che si tendono senza sosta verso il vuoto.

Questa notte ho sognato paesaggi insensati e avventure pericolose tanto dal punto di vista della morte che dal punto di vista della vita, che è anche il punto di vista dell’amore.

Al risveglio voi c’eravate, oh sofferenze d’amore, muse del deserto, muse esigenti.

Il mio riso e la mia gioia si cristallizzano attorno a voi. È il vostro fard, è il vostro ombretto, è il vostro rossetto, è la vostra borsa di pelle di serpente, sono le vostre calze di seta…ed è anche quella piccola piega tra l’orecchio e la nuca, alla base del collo, sono i vostri pantaloni di seta e la vostra elegante camicia e la vostra pelliccia, la pancia rotonda, è il mio riso e le mie gioie, i vostri piedi e tutti i vostri gioielli.

In verità, quanto siete ben vestite e agghindate.

Oh, sofferenze d’amore, angeli esigenti, ecco che vi immagino come l’immagine stessa del mio amore ecco che vi confondo con esso…

Oh, sofferenze d’amore, che io creo e vesto, voi vi confondete con il mio amore di cui conosco solo gli abiti ma anche gli occhi, la voce, il viso, le mani, i capelli, i denti, gli occhi…

 

Tanto ti ho sognato

Tanto ti ho sognato che perdi la tua realtà.

È ancora tempo di desiderare questo corpo vivo e di baciare su queste labbra la voce nascente che mi è cara?

Tanto ti ho sognato che le mie braccia abituate a incrociarsi sul petto mentre cingono la tua ombra non si adatterebbero al contorno del tuo corpo, forse.

Tanto che davanti all’apparizione reale di ciò che mi terrorizza e mi domina da giorni e anni diventerei un’ombra probabilmente.

Oh, bilance sentimentali!

Tanto ti ho sognato che non è forse più tempo che io mi svegli. Dormo in piedi, il corpo esposto a tutte le apparenze della vita e dell’amore e tu, la sola che oggi conti per me, più difficilmente potrei toccare la tua fronte e le tue labbra che le prime labbra e la prima fronte che capitino.

Tanto ti ho sognato, tanto ho camminato, parlato, dormito col tuo fantasma che non mi resta più forse e tuttavia che essere fantasma tra i fantasmi e cento volte più ombra dell’ombra che passa e passerà allegramente sul quadrante solare della tua vita.

 

No l’amore non è morto

No l’amore non è morto in questo cuore e in questi occhi e su questa bocca che proclamava iniziati i suoi funerali.

Sentite, ne ho abbastanza del pittoresco e dei colori e del fascino.

Amo l’amore, la sua tenerezza e la sua crudeltà.

Il mio amore ha un solo nome, una sola forma.

Tutta passa. Labbra si attaccano a queste labbra.

Il mio amore ha un solo nome, una sola forma.

E se un giorno te ne ricorderai

Tu, forma e nome del mio amore,

un giorno sul mare tra l’America e l’Europa

nel momento in cui l’ultimo raggio di sole si riflette sulla superficie increspata dalle onde, oppure in una notte di tempesta sotto un albero in campagna o dentro una rapida automobile

in un mattino di primavera, boulevard Malherbes

in un giorno di pioggia

all’alba prima di coricarti

pensa, lo rodino al tuo fantasma familiare, che io fui l’unico ad amarti così, e che è un peccato che tu non l’abbia conosciuto

pensa che non bisogna rimpiangere le cose: Ronsard e Baudelaire prima di me hanno cantato i rimpianto di vecchie e morte che disprezzarono il più puro amore.

Tu quando sarai morta

Sarai bella e sempre desiderabile

Io sarò già morto, racchiuso tutto nel tuo corpo immortale, nella tua immagine stupefacente presente per sempre tra le meraviglie perpetue della vita e dell’eternità, ma se io vivo

La tua voce e il suo accento, il tuo sguardo e la sua luce

Il tuo odore e quello dei tuoi capelli e molte altre cose vivranno in me

In me che non sono Ronsard né Baudelaire

Io che sono Robert Desnos e che per averti conosciuta e amata

Valgo quanto loro

Io che sono Robert Desnos per amarti

E non voglio aggiungere alla reputazione alla mia memoria su questa spregevole terra.

Autore: Robert Desnos
Traduzione a cura di Alessandra Cargnel



Recensioni ed articoli relativi a Robert Desnos

(1) A la mystérieuse (1926) di Robert Desnos trad.di Alessandra Cargnel - TRADUZIONE

Recensioni ed articoli relativi a Alessandra Cargnel

Nessun record trovato

Testi di Alessandra Cargnel pubblicati su Progetto Babele

(1) I piedi di Grgur Ninski di Mihajlo Pantic trad.di Alessandra Cargnel - TRADUZIONE
(2) A la mystérieuse (1926) di Robert Desnos trad.di Alessandra Cargnel - TRADUZIONE


>>ARCHIVIO TRADUZION

>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2012-05-16
VISITE: 12509


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali