Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [17/10/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    Concorso per artisti emergenti scadenza 2019-10-30    Motori & Passioni scadenza 2019-10-31    Ve- Leggiamo scadenza 2019-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Giorgio Scerbanenco
(1911-1969)


Quando mi viene chiesto quali sono stati gli scrittori decisivi nella mia iniziazione alla scrittura, mi vengono subito in mente la brasiliana Clarice Lispector per i movimenti dell'interiorità, il russo Michail Bulgakov per l'immaginario onirico-fantastico e Giorgio Scerbanenco per la felicità del narrare.
Giorgio Scerbanenco (1911-1969) nasce a Kiev da madre italiana e padre ucraino. Trascorre gran parte della sua vita in Italia, esercitando vari mestieri fino a diventare direttore di "Novella" e di "Bella", incarico che ricopre per oltre vent'anni. Su "Annabella" tiene a lungo una fortunata rubrica di colloqui con le lettrici: "la posta di Adrian".
Il primo libro che ho letto di questo autore è stato "I ragazzi del massacro" (1968 ), poi sono passato agli altri due libri con protagonista Duca Lamberti : "Venere privata (1966) e Traditori di tutti (1969). Avevo così familiarizzato con questa curiosa figura di investigatore, apparentemente cinico in realtà fragile ed appassionato. Che il suo virile distacco da quanto lo circonda sia solo una maschera lo si capisce anche dal suo passato: si tratta infatti di un ex-medico radiato dall'ordine per aver praticato l'eutanasia ad una propria paziente ammalata di tumore. Da questi romanzi è fatale approdare agli eccezionali racconti di "Milano calibro 9". Da lì non mi sono più fermato. E' un autore di cui bisogna sempre avere una dose pronta. Uno Scerbanenco si beve come un amaro mosso, leggero, ma irresistibile. Si può andare a saccheggiare anche tra i suoi contributi al "rosa" e si scopre che non è mai stato banale, anche quando si avvaleva dei clichès collaudati. In alcuni racconti, soprattutto quelli più brevi, è evidente la fretta, la sciatteria in particolare delle conclusioni (non tutti gli scrittori hanno un rapporto felice con "l'ultima frase"), come se avesse urgenza di passare subito ad altro. Il recentemente scomparso Oreste del Buono l'aveva definito una sorprendente "macchina per fare storie" e la quantità qualche volta è sacrificata allo stile, mai alla qualità. Anche nei racconti più tirati via, a volte di una paginetta soltanto, si può trovare qualche gemma, qualche personaggio indimenticabile, qualche frammento di realtà viva. Il maggior merito di Scerbanenco resta, a mio avviso, quello di aver saputo rendere atmosfere, situazioni tipiche della transizione italiana verso il benessere. Se si vuole una macchina del tempo per andare a rivivere la vita quotidiana degli anni '60, scegliendo come scenario privilegiato una città-chiave quale Milano, non c'è nulla di meglio di Scerbanenco. Negli anni in cui il piacere di leggere veniva messo all'indice, in cui le neoavanguardie esercitavano il loro terrorismo culturale (ma poi abbiamo visto Umberto Eco, tra i fondatori del gruppo '63, convertirsi alla narrativa pura, più o meno post-moderna), Scerbanenco era tra i pochi, al riparo nella nicchia del "genere" e quindi "minore", a restituire alla narrativa la sua reale funzione, ossia quella di far conoscere mondi reali o no, acuire consapevolezze, stupire ed emozionare, in una parola coinvolgere.
Dopo anni di sordina oggi Scerbanenco è sempre più considerato un vero scrittore. Si moltiplicano le riedizioni delle sue opere e gli attuali giallisti italiani, in primis Carlo Lucarelli, lo riconoscono tra i maestri. In pratica lo si può ritenere il fondatore del giallo nostrano, in un'epoca in cui nessuno riusciva ad immaginarne uno ambientato sulle spiagge di Grado (La sabbia non ricorda, 1961) oppure tra la Toscana ed Orvieto (Ladro contro assassino, 1969). E' comunque Milano a restare lo scenario privilegiato, apparendo come la prima vera metropoli italiana, per cui anche un autore "cult" dell'attuale generazione di quarantenni, ossia Pier Vittorio Tondelli, poteva aggirarsi per i suoi quartieri con la sensazione di trovarsi "sul set di un racconto di Scerbanenco". Spesso è la narrativa a cogliere le valenze storiche e sociali di un luogo, a spremerne l'essenza, facendocelo apprezzare di più, anche quando la volgarità ed il malgoverno non parrebbero lasciare spiragli in questa direzione.
Nei racconti e romanzi di Scerbanenco emerge sicuramente un punto di vista "patriarcale" su persone ed eventi. E' una società che non esiste più, in cui le donne sono ancora "con la gonna" per parafrasare Vecchioni, pur non mancando straordinarie figure femminili, in cui gli omosessuali appaiono come alieni con tre teste (si veda in proposito la figura dell'omosessuale fotografo in "Venere privata"). Oggi la società italiana è, in questo senso, molto cambiata. Questo non toglie nulla a Scerbanenco, che non appare come un reazionario o un "fascista", come talvolta si è sospettato, ma semplicemente come un uomo formatosi prima del '68 e di tutto ciò che questo ha comportato, un uomo che non può non partecipare dei pregiudizi del suo tempo. E in questo può apparire ancora più autentico ed accattivante. Una macchina del tempo ancora più perfetta, se davvero ci sta a cuore il passato di tutti.

© Paolo Durando
dado.d@libero.it

 

Altri testi (possibile minore rilevanza):

(1) Blue Tango di Paolo Roversi - RECENSIONE
(1) calzolaio;Il di Corrado Farina - RECENSIONE
(1) Delitti & Diletti di Patrizio Pacioni e Lorella De Bon - RECENSIONE
(1) Incontro a Daunanda di Giancarlo Narciso - RECENSIONE
(4) ragazzi del massacro;I di Giorgio Scerbanenco - RECENSIONE
(1) Scerbanenco, Giorgio di Paolo Durando - BIOGRAFIA
(1) Se fossi postumo sarei (Ba)ricco di Vincenzo Trama - RECENSIONE
(1) Solo il tempo di morire di Paolo Roversi - RECENSIONE


DA LEGGERE:


Il paese senza cielo
Aliberti 2003
296 pag. euro 14,90
ISBN 8874240112

Il paese senza cielo" è un romanzo inedito di Giorgio Scerbanenco, uscito a puntate sull'"Audace", settimanale di storie e fumetti dell'epoca fascista. Si tratta di un romanzo di fantascienza ambientato nel 2000, fra automobili ad onde radio e video telefoni futuribili. Nella fantasia del giovane Scerbanenco, il futuro è un luogo in cui prendono vita intuizioni postmoderne, come la clonazione, la distruzione di minoranze razziali, la guerra chimica. La storia naviga così tra Europa e America, in un terzo millennio carico di profezie sul nostro presente. Accompagna l'edizione una serie di tavole originali di Beppe Ingegnoli, uno dei più famosi e riconoscibile fumettisti dell'epoca.

>>Compra questo libro su IBS <<

Ladro contro assassino
Garzanti 2001

141 pg. euro 7.40
ISBN 8811685052

>>Compra questo libro su IBS <<

 

VISITE: 9758


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.