Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [24/08/2019] 7 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     La predatrice di Giuseppe Costantino Budetta     Nel bel mezzo di un gelido inverno di Donatella Magnani     La Piscina di Maurizios Stefanelli     La moglie dell'assessore di Maria grazia Midossi     La macchina (im)perfetta di Marco Canella    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
28 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Più male che altro
di Massimiliano Virgilio
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Rizzoli 2008
Prezzo € 16 - 278 pp.
24/7
ISBN
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 39
Media 80 %


Più male che altro

 

Non sempre il recensore, letto il romanzo fino in fondo, sa farsene un'idea più o meno esatta. A volte serve una seconda lettura, per acquistarne consapevolezza. Che il romanzo non perda significato, e che tanto meno annoi alla rilettura, è sicuramente un segno di qualità di scrittura, o se non altro di capacità di intrattenimento.

A questa prova, "Più male che altro", il romanzo di esordio del napoletano Massimiliano Virgilio, mi sembra reggere.

In più, la rilettura evidenzia meglio come l'autore scommetta sull'ambientare un romanzo a Napoli, come se fosse una qualunque città moderna (ma letteraria, non televisiva), e portarlo senza remore fino in fondo, con una commistione di amore e di repulsione per la città, e giocando a rimpiattino con gli opprimenti, e datati, stereotipi partenopei, difendendosene forse a volte, ma con ordine, mai con affanno.

Uno scusabile limite del romanzo mi pare il fatto che a volte indugi un po' su qualche situazione molto americana, ed abbastanza fuori luogo (sembra più effetto di editing che altro): mi viene in mente una scena in cui Carmen, l'amante di origine siciliana del protagonista Giovanni, la cui descrizione fisico-biologica è peraltro perfetta, consente di immaginarla, quasi di desiderarla, entra in un locale (tanti, forse troppi i locali descritti con tinta troppo buia, ma è questione di gusti: anche Napoli si sta europeizzando) e chiede un rum. Ecco, io non credo che una come Carmen ordini spesso dei rum, ma la cosa, per contrasto, andrebbe rilevata e non data per scontata, in modo da costituire una specie di anticlimax: invece secondo me, scivola via, e annacqua un po' il trattamento del personaggio.

Ecco, i personaggi appunto sono moltissimi e fa piacere che l'autore, grazie al cielo, non si limiti a tratteggiarli, ma cerchi di dar loro un'intima coerenza (il caso di Carmen e del rum si nota appunto perché è un'eccezione). Tuttavia, cercando di schematizzare, i quattro caratteri principali del romanzo rappresentano quattro modi di intendere Napoli.

Di questi mi piace in particolare Simona, la metà solo in apparenza perdente di una coppia che se ne va per conto suo, perché è sottilmente ingenua, determinata a non lasciarsi travolgere dagli eventi: ha un fascino complesso, ed è la più lontana da qualunque stereotipo nella quale si possa rinchiuderla; Simona cerca di rifiutare Napoli, il che vuol dire in fondo riconoscerla, anche se con un segno negativo. Rifiuta poi lo stereotipo che niente funzioni a Napoli, proprio perché cerca di far funzionare qualcosa (e magari, nel suo impegno sociale, ci riesce pure). E' chiaro che per far questo bisogna essere un po' oltranzisti, e Simona lo è, ma non senza realismo e tenerezza.

Deve gestire Giovanni, funzionario di una società che ha sede al Centro Direzionale, la Damide, che riesce a spremere contributi statali (il che giustifica una sotto-trama, vagamente scandalistica e poliziesca) che è un marito confuso e a volte iper-polemico (per tacere della sua tendenza alla dissenteria), oltre ad una madre disperata senza rassegnazione, ed un padre malato terminale, ma a modo suo lucido. Ecco, Giovanni avverte tutto il peso di vivere a Napoli e non in una città normale (ma esistono città normali, o forse semplicemente Napoli è la metafora del fatto che la città non possa esserlo davvero, normale e tanto meno a misura d'uomo?) ed è un essere privato innanzitutto di un proprio ruolo: inutile cercare conforto in un padre amorale e concitato, in una moglie irrangiungibile e diversa da lui, forse nell'immagine della madre (molto riuscito il suo ricordo sullo sfondo del Bosco di Capodimonte).

Bartolomeo, il padre di Giovanni, è un anziano un po' satiresco (rattuso è il termine dialettale appropriato), è a mio parere meno convincente nella prima parte del romanzo. Non tanto perché abbia il chiodo fisso (capita), ma perché probabilmente l'autore lo carica della responsabilità di dare la svolta a tutta la storia, e di evidenziare la crisi preesistente del matrimonio di figlio e nuora: in questo l'arzillo vecchietto mostra i suoi limiti iniziali di personaggio, un po' macchietta, e poco capace di dire e/o fare qualcosa che uno non si aspetti da uno come lui, teso all'eterna ma vacua giustificazione. Tuttavia, verso la fine, la sua incapacità di far fronte a qualunque responsabilità nei confronti di chiunque, ed il suo egocentrismo patologico si vena di malinconia, e alcune pagine molto felici gli sono riservate.

Per Bartolomeo, credo che Napoli sia uno scenario imprescindibile, non si pone il problema se esista qualcosa al di fuori di se stesso e della sua mania (e della sua città), cerca di usare la modernità a proprio vantaggio, per quel che gli interessa (naturalmente a sfondo sessuale). Mentre per Bart, il nipote, il ragazzino tecnologico, ma non privo di carattere, molto realistico, anche se troppo "simpsoniano" magari, Napoli è solo uno sfondo sul computer, Bart in certo senso è già globalizzato, vorrebbe che i suoi tornassero insieme, ma non lo sfiora il pensiero, e forse non capisce neanche, in fondo, la loro mentalità. Cerca tuttavia un'impossibile, e magari non instabile pacificazione. L'idea del filmino sulla famiglia fa un po' Javier Marias, ma non decolla come potrebbe (un po' scolastica la presentazione di "The Sarracinos"), anche perché dovrebbe essere una specie di gran finale, ma mi sembra troppo preparato per funzionare davvero.

Lo stile, che è in fondo la cosa migliore, è svelto e spesso umoristico (o sono le situazioni che lo sono?), sicché, come dicevo, il libro scorre gradevolmente, risulta forse un po' sfilacciato a volte, nel tentativo di dare una versione più drammatica della situazione lavorativa di Giovanni, che appare preso in un intrigo imploso. E non è l'unica cosa irrisolta in fondo: si presume infatti che la crisi coniugale continuerà a riapparire col tempo, come si immagina facilmente che i ragazzini, Bart e il piccolo Diego, finiscano per soffrirne più di quanto non traspaia apertamente. Ma è quell'irresolutezza "ingenua" che fa parte della letteratura che vuole rivelare la realtà, e non soltanto costruire i presupposti per un seguito della storia.

Mi fa piacere che l'occhio dell'autore sia partecipe, anche comprensivo a volte: di cinismo se n'è visto già troppo negli ultimi decenni, anche se un napoletano cinico non riesco ad immaginarlo (né credo di averne mai conosciuti); così Virgilio, pur tra qualche battuta un po' azzardata, è realmente interessato ai suoi personaggi, con tutti i loro difetti (e ne hanno tanti). Non possiamo che augurargli un seguito letterario di questa o di un'altra storia: credo, con tutta la sincerità del mondo, che se lo meriti.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Massimiliano Virgilio

(1) Più male che altro di Massimiliano Virgilio- Il Parere di PB

Testi di Massimiliano Virgilio pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(5) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(6) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(7) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(8) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(9) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(10) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(11) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(12) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(13) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(14) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(15) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2008-07-26
VISITE: 5410


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.