Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [20/08/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     L'abulico di Bruno Corino     La campanella di Pasquale Francia     L'Alhambra di Marco Pinnavaia     L'ultima sigaretta di Vito Zingale     Ketchum, Idaho di Andrea Prando    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
26 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Volontà di potenza
di Marco Gabrielli
PUBBLICATO su SITO


SAGGIO
Aletti 2006
80 pp.

ISBN n/a
Una recensione di Peter Patti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 43
Media 81.16 %


Volontà di potenza

Viviamo pericolosamente!
Costruiamo città ai pendii del Vesuvio!
(Friedrich Nietzsche)

Nietzsche: senza dubbio il filosofo sul quale si tiene il maggior numero di convegni che - ovviamente! - non recano nessun giudizio definitivo. La saggistica su questo pensatore è ben più imponente della summa delle sue opere e cerca di approfondirne i temi (quello dell'eterno ritorno, dell'àpeiron, il tema del nulla, il tema della disperazione esistenziale di fronte al crollo delle "verità" hegeliane...) paragonandolo e più spesso contrapponendolo a Kant, Schopenauer, Marx ecc.

Con il suo intenso scritto analitico, che già fin dalle prime pagine, anzi dalle prime righe, rivela una posizione decisamente nietzscheana, Gabrielli getta altra legna sul fuoco. L'autore dichiara di avere una visione della realtà cinica, spregiudicata, "imparziale", e fa una premessa naturalmente non nuova ma che, ancora oggi (soprattutto in Italia), ha un tono trasgressivo: "Dioniso e Gesù si mutano in un unico simbolo - l'emblema per un'esistenza rinnovata, sovrumana". "Sono stato compreso? Dioniso è il Crocefisso..." 

Abbiamo dunque già il "sì" senza remore alla vita e l'adesione a un misticismo panico, a un'ascesi creatrice, avventurosa, per certi versi pericolosa (come lo è tutto ciò che deriva da uno slancio "eternamente adolescente"). 

Non c'era bisogno di quelli che Ricouer definisce "i maestri del sospetto" per dimostrare al mondo la fallacia della ragione umana e i limiti del razionalismo: anche chi (similmente al sottoscritto) non si è mai occupato seriamente di filosofia, produce, tramite le banali osservazioni quotidiane, idee pregne di scetticismo. Ma per enunciare il "sospetto" e superare, anzi prevaricare, la negatività, Marx e Freud hanno eretto un solido sistema che sfocia in metodo, e l'atro grande scettico della triade, appunto Nietzsche, si è talmente calato nella sua visione catastrofica della lotta e dell'esistenza da diventare risaputamente egli medesimo, con sconvolgente coerenza, una figura tragica (secondo a N., in fatto di tragicità, c'è solo Carlo Michelstaedter). 

Il tedesco riconobbe che l'uomo è un "animale non ancora definito" e propugnò dunque, tra i primi pensatori dell'èra moderna, forse il primo in assoluto in Occidente, il concetto dell'ascesi, per mezzo della quale autoformarsi. L'autoformazione - formazione di sé - non è da confondersi con l'odierno "autorealizzarsi", giacché nell'arte di vivere di N. è importante in primis la creazione del sé, un processo paragonabile a quello che un artista compie per creare le proprie opere.

Nel suo saggio, Gabrielli snocciola immediatamente due componenti fondamentali della realtà umana: il carattere e l'istinto, necessari per poter determinare un orizzonte di senso. E il carattere della vita è la stessa volontà di potenza. Scalino dopo scalino, l'autore analizza vari aspetti del nostro esserci e, insieme a Nietzsche, giunge all'affermazione che il principio d'identità è il corpo. "Coloro che nutrono aspettazioni in un mondo ultraterreno, perdono per gradi l'attenzione, prima con la vista e poi nei pensieri, nei confronti non dico ‘di ciò che ha importanza', bensì ‘di ciò che loro stessi sono': il corpo."

E' formidabile che per "suscitare il ritorno della coscienza nell'inconscio" bisogna partire dall'accettazione della nostra organicità! Mi permetto di dire che questo è uno dei passi nodali del libro di Gabrielli, insieme al suo sottolineare la necessità (sempre per N.) della menzogna, e cita dai Frammenti postumi: "Che la menzogna sia necessaria per vivere, anche ciò fa parte di questo terribile e problematico carattere dell'esistenza..."

Fin da adesso, anche i profani avranno capito che in N. le contraddizioni ci sono, e non sono poche. Eppure il suo fascino, in un'ottica perlomeno "letteraria", deriva da questo  ricercare inquieto che si direbbe l'avanzare a tastoni di un cieco ma che puntualmente approda a quelle "certezze" che hanno fatto di lui uno dei pensatori più particolari in assoluto (al suo fianco, per originalità - anche se più speculativa -, porrei Henri Bergson). Come praticamente tutti i rappresentanti della gnoseologia nietzscheana, Marco Gabrielli è animato da una spinosa condiscendenza; condiscendenza che, significativamente, non si riscontra nella moderna Germania. Tutto caracolla nella ricchezza e nello splendore tra intuizioni profonde, finendo per dare sistematicità al pensiero del "folle tedesco" (ricordiamo le Lettere della follia che nel 1889 "l'Anticristo" N. inviò a svariate personalità). Un punto di forza del Volontà di Potenza di Gabrielli è il tentativo di rimanere il più possibile oggettivo rinunciando a metafore, traslati, allegorie di sorta (delle quali invece pullula ad esempio il Così parlò Zaratustra), pur se, come in tutti gli studi di filosofia, l'oggettività del procedere si basa su premesse parziali, ovvero "di parte", e quindi opinabili. D'altronde, non c'è mai stato filosofo in grado di fornirci una verità assoluta e comprovata. "Il crollare di tutti i valori" scrive Gabrielli "si presenta come la diretta conseguenza del venir meno del Dio che ne stava a principio. [...] ‘Dio è morto!': Nietzsche lancia questo grido per l'intimo sgomento che prova di fronte alla portata della sua scoperta. Ma oggigiorno l'urlo si tramuta in esclamazione di trionfo verso l'immane verità acquisita."

N. considerò falsa l'idea di una morale che si pone come istanza al di sopra della vita vissuta e puntò su un'etica di validità "mondiale" che molti suoi ammiratori hanno assunto come senso stesso dell'esistenza. Insieme al radicalismo della sua ribellione contro il Dio dei cristiani e alla nozione della Volontà della Potenza, sviluppò il concetto dell'eterno ritorno delle medesime cose. A questo punto, la sua ribellione era arrivata alla fine, ma ce n'è già abbastanza per aprire interminabili dibattiti che sfociano inevitabilmente nel campo della politica. 

Il nazismo lo ha corteggiato (proprio quei Frammenti postumi e quella Volontà di Potenza così spesso citati da Gabrielli sono stati oggetto delle manipolazioni svolte, dopo la morte di Friedrich, dalla sorella Elisabeth), la Destra continua ad amoreggiare con lui... Ma la sua opera è di rilevanza ultraideologica e, per molti versi, ha a che fare più con l'arte (poesia e musica) che con l'ontologia, più con la metafisica - checché ne dica lo stesso Nietzsche - che con la logica. Anche per ciò, rimane e sempre rimarrà "attuale".

Secondo N., l'uomo è giunto dinanzi a un limite: un passo oltre e potrà sprofondare, perdersi completamente. Secondo me, l'uomo è stato borderline fin dalla nascita, poiché è parte di questa realtà ("natura") che naviga di continuo per la quarta, la quinta, la sesta (?) dimensione senza mai potere o volere ancorarsi a un punto fermo (che del resto è non-esistente); perciò, nella sua paura irrazionale del nulla (non perdiamo mai d'occhio la nostra imperfezione!), si è inventato l'agorà e le leggi, le religioni e le "scienze sociali": per un'illusione di affinità tribale e la presunta necessità di credere a un "centro", a un fulcro del Tutto.

Facit: molto interessante il saggio di Marco Gabrielli su colui che è uno dei filosofi più discussi, sorgente di tante divergenti interpretazioni, un filosofo stigmatizzato in patria e, di contro, longseller in Paesi come Francia e Italia.

Recensione di Peter Patti






Recensioni ed articoli relativi a Marco Gabrielli

(1) Volontà di potenza di Marco Gabrielli- Il Parere di PB

Testi di Marco Gabrielli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Peter Patti

(1) Passi nel delirio di Autori vari- Il Parere di PB
(2) Non sette donne di Marco Angelotti- Il Parere di PB
(3) Il Brasile in guerra di Andrea Giannasi- Il Parere di PB
(4) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(5) Sincronia erotica sulle ali degli angeli di Beniamino Fausto La Rosa- Il Parere di PB
(6) Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino- Il Parere di PB
(7) L’Invasione dei Terrestri di Diego Rosato- Il Parere di PB
(8) Soldati, campi di grano e James Dean di Giorgio Piumatti- Il Parere di PB
(9) Qualcosa mi attende di Anna Belozorovitch- Il Parere di PB
(10) Quando il Cronodrome implose di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(11) Christabel di Alessandro Canzian- Il Parere di PB
(12) Avorio di Matteo Gambaro- Il Parere di PB
(13) L isola di Caino di Roberto Leoni- Il Parere di PB
(14) Più alti dei giganti più veloci di Moser di Francesco Fumelli- Il Parere di PB
(15) 24 scatti di Anna Belozorovitch- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2007-11-24
VISITE: 4564


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.