Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    Nasce una nuova ArtFanZine in Alessandria 2020 (02/04/2020)    Gorilla Sapiens, goodbye (Purtroppo) (29/01/2020)    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    [03/12/2020] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 5 di Grazia Deledda letto da C.Caria     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 4 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 1 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 3 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa     La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli     Raúl Castro di Domenico Vecchioni     Italia arcobaleno - Luoghi, personaggi e itinerari storico - culturali LGBT di Giovanni Dall’Orto – Massimo Basili    I Figli di Dio di Glen Cooper    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     L'incendio nell'oliveto     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita    Racconti     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri     Giorno Quinto di Consolato Mercuri     Foglio 19 Particella 35 di Giuseppe Antonio Martino    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Il Volo di Donato Caione     Aiutami a tenerte, amore di Gabriela - pseudonimo letterario gabriela verban Verban     Ali nella Notte di Sandro Fossemò     Goccia di Francesca rita Rombolà     La resa di un amore di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
17 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici
di Claudia Covelli
Pubblicato su SITO


SAGGIO
Prospettiva Editrice 2007
Prezzo € 12 - 146 pp.
(collana I territori)
ISBN 9788874184064
Una recensione di Angelo Angellotti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 72
Media 76.39 %



spettacolo della morte e i suoi aspetti politici;Lo

Il primo confronto che l'Uomo ha con la morte è nello sguardo rivolto al corpo di un defunto. La curiosità nei suoi confronti è un elemento che caratterizza la sua vita fin dall'infanzia, non per una sorta di macabra perversione, ma perché nulla come la sensazione del confronto visivo con la morte, ci fa sentire vivi, sopravvissuti1. Nella mente umana, la visione della morte scatena una serie di sensazioni estreme, che ci allontanano da quel quotidiano livello di razionalità su cui siamo soliti orientarci: quella della morte è, infatti, l'ultima soglia per eccellenza, aldilà della quale, l'intero sistema delle nostre certezze non esiste più.

E' in questo modo che Claudia Covelli introdiuce il lettore al proprio Saggio, ponendolo immediatamente, senza alcun elemento di tergiversazione, nella realtà sociologica, ed anche antropologica, che muoverà le trame fitte della propria trattazione.

Ed è l'omicidio, il primo attore del saggio, il peggiore dei crimini, nato con la comparsa stessa dell'uomo sulla Terra, che costituisce sicuramente uno dei mezzi letterariamente e storiograficamente più "affascinanti" di induzione alla morte.

Da millenni azione politica ed elemento persecutorio in grado di coinvolgere osmoticamente i membri della medesima collettività.

L'autrice, nel saggio, con arguzia e bravura cerca di porre domande interessanti, sondandone in maniera tutt'altro che scontata il ventaglio di risposte plausibili: perchè si uccide? Perchè l'essere umano è coinvolto nella visione dello spettacolo di un omicidio?

Del resto proprio quest'ultima domanda, crea una serie di interrogativi su decine e decine di telefilm e film di successo che sugli omicidi hanno creato la fortuna di produttori e sceneggiatori.

Lo spettacolo della morte, dunque, da rappresentazione tragica nell'antica Grecia, ad elemento ludico e di intrattenimento ai giorni nostri, passando per i giochi gladiatorii dell'antica Roma, divenendo strumento di potere giudiziario nelle esecuzioni di piazza nei prodromi dell'Europa moderna.

Su queste analisi Claudia Covelli, col suo saggio, cerca di stimolare il lettore ad un dibattito scevro da pregiudizi o luoghi comuni stimolando un dibattito su un tema senza tempo.

Perchè la fragilità umana rende la morte sacra ai nostri occhi,sorretti come siamo da un fragilissimo e caduco equilibrio.

Sebbene il saggio costituisca l'origine di una tesi di laurea, il suo linguaggio non è appanaggio esclusivo di dotti conoscitori della materia, anzi è aperto ad un pubblico vasto attratto dai molteplici volti che l'omicidio può avere osservandolo spettacolo della morte.

Lo studio dell'autrice, parte dall'analisi del racconto di Franz Kafka: "Nella colonia penale", scritto nell'ottobre del 1914.

Esso si apre con l'arrivo di un visitatore straniero in un'imprecisata colonia penale, nella quale, per mezzo di una sofisticatissima macchina progettata da un vecchio comandante ormai scomparso, sta per essere eseguita la condanna a morte di un soldato accusato di indisciplina e oltraggio a pubblico ufficiale.

L'esecutore della condanna è proprio un ufficiale, legato al vecchio Comandante, ideatore del marchingegno mortale.

Lasciandosi accompagnare da un "pretesto letterario", l'autrice ricuce senza compromessi tesi ed ipotesi sullo spettacolo della morte e sui suoi aspetti politici, con una brillantezza ed un'esperienza che i saggi a volte non riescono ad avere, non annoiando il lettore, conducendolo con vivo interesse sino alla fine.

Il pathos creato dallo spettacolo dell'esecuzione scaturisce, quindi, dal "duettare" del boia con la morte e con le emozioni che essa provoca su chi partecipa al rituale; questo è, però,un gioco pericoloso che può trasformarsi in miracolosa cerimonia catartica, ma anche distruggere quella rete di rapporti umani sulla quale si reggono la società e le istituzioni.

Recensione di Angelo Angellotti






Recensioni ed articoli relativi a Claudia Covelli

(1) Lo spettacolo della morte e i suoi aspetti politici di Claudia Covelli- Il Parere di PB

Testi di Claudia Covelli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Angelo Angellotti

(1) Condannato non vita di Leonardo Colombi- Il Parere di PB
(2) L' inchino delle stelle di Paolo Ceccarini- Il Parere di PB
(3) Nelle mani di Marco Martucci- Il Parere di PB
(4) Dopodomani di Luca Pizzolitto- Il Parere di PB
(5) FAME La trilogia cannibale di G.Lupi e altri- Il Parere di PB
(6) Le lacrime degli angeli di Maurizio Piccirillo- Il Parere di PB
(7) La pittrice del vapore sirio di Egidio Imarisio- Il Parere di PB
(8) Piccoli doni di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(9) Jesu Rebus. Dalle profezie a Fatima di Mario Leocata- Il Parere di PB
(10) Assolo di Giorgio Sannino- Il Parere di PB
(11) Caffè valeriana vomito sigaretta di Elisabetta Bilei- Il Parere di PB
(12) Libidissi di Georg Klein- Il Parere di PB
(13) L’omo delinquente di Enrico Oliari- Il Parere di PB
(14) L' uomo del Gambrinus di Camillo Carrea- Il Parere di PB
(15) Dal Bar al Binario 7 di Giuseppe Bonan- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2008-03-28
VISITE: 3180


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali