Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/11/2019] 2 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Raccontami, o Musa... scadenza 2019-11-15    Nika Georgievna Turbina 1974 - 2002 scadenza 2019-11-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Prima Vita
di Stefania Crozzoletti
Pubblicato su SITO


RACCOLTA DI POESIE ALTRO
FaraEditore 2009
Prezzo € 11 - 74 pp.

ISBN 9788895139579
Una recensione di Valeria Francese
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7
Media 75.71 %


Prima Vita

Esistono molte vite, ma poche sanno essere “Prima vita”, aggiungerei anche, a prima vista: perché il titolo della raccolta poetica dell’autrice Stefania Crozzoletti è una prima volta, la prima volta dell’occhio che vede le cose di sempre con una forza creativa originaria, e per questo, sensuale e violenta.

Non c’è accomodamento, infatti, nei fatti primigeni, tutto dirompe e rivela quella realtà intrauterina, come nell’uovo di Dalí che simbolicamente rimanda alla nascita, capace di germogliare fiori dall’albume.

Così in Prima vita, accade di leggere una poesia- embrione di una gravidanza sentimentale: in posizione fetale, la penna dell’autrice sperimenta le sue visioni interiori in una lussureggiante fantasmagoria di enti micidiali per la loro inopportuna riesumazione: tutto appare volontariamente scomposto, assai scaduto, dissonante e dissacrante nei confronti di una certa regola della sequenza etica ed estetica. Per tale motivo, come spesso non sa esserlo la poesia, la pagina è credibile e famigliare. Noi siamo questo scomposto, non mentiamoci.

D’improvviso poi, quando la calma della lirica sembra impiattarsi in un profondo lago statico, emerge dal fondo un’essenza perturbante che ripristina la scossa, il tributo dovuto all’imprevisto, alla resa finale di un conto che non lascia mai in vantaggio, o almeno in pari, l’umano esistenziale: ci perdiamo, proprio in casa nostra.

Nella poesia di Crozzoletti non vi è esperienza che possa lenire il disagio dell’alienazione, fintanto che costitutivamente alla nostra natura di mediano trascendentale, siamo portati all’aspirazione e al contempo all’inabissamento. Una soluzione, che mai sia definitiva, sembra provenire allora dall’essere una prima vita dinanzi alla tentazione di essere “beatamente infelici”, pervasi da quell’indolente felicità con cui imitiamo l’insignificanza. Una prima cosa, insomma, un primo amore, un primo parto, e una prima morte.

Della poetessa ho stimato la sua rudezza, l’inesistenza di lirismi molli che lasciano il posto all’economia del pensiero: il concetto è sfrondato in brevi sequenze dal disarmo intellettuale; “Gratto i muri tanto per fare” è il suo manifesto, quello di un pensiero che impotente in elaborazione e catalogazione, si limita ad un’azione abrasiva, decostruttiva, direi, per eliminare il superfluo, non aggiungere intonaco e calce ad un muro già atrocemente stratificato. Allora la poesia non fagocita ma è pura fuoriuscita di un verso che “inizia se lo decreta il respiro” e libera la visione di un soggetto che si trova sempre altrove, in dislocazione spaziale:

“Spalanco le braccia gioiose a quello che è, lo accetto ovviamente non sono all’altezza”.

Sono versi che denunciano l’insufficienza di una dimensione, quella della profondità e l’accettazione della visione orizzontale, a dire dell’incapacità di ascensione esistenziale e relazionale, l’unico sentimento possibile resta quello di una “gioia” che è tanto più della sciocca beatitudine di un disumano misticismo: qui la gioia è apertura di braccia, raccoglimento, interiorizzazione che non consente la dispersione in altezza. Il luogo natio e postumo dell’autrice, non v’ è dubbio, è la terra orizzontale, la messa in pari della visione abbracciata.

Ma ogni senso di appartenenza, tuttavia, rivela la sua apparente radicalità e la sua tensione extrauterina, per tornare alla metafora dell’uovo di Dalí, quando riconosce il di là da venire della casa che “è un isolato più avanti o in via già percorsa” : siamo snidati, da ogni forma di ritorno e di proprietà.

Persino da se stesso, l’animo si trova in posizione fuori luogo: “donna fuori catalogo”, “Io eccentrico”, “non sono un poeta”, sono solo alcune delle identità per esclusione, rintracciate dalla poetessa, per dire di quella “pace viziata” che è tregua armata di un io in dissoluzione.

Si può essere, ma solo per negazione, oppure con quello “sguardo bovino”, di rilkiana memoria, che allude magistralmente alla profondità ineffabile e sempre orizzontale di una visione animale, carnale, istintuale e libera da ogni forma di catena mentale consolatoria.

Non ci sono rimedi alla scoperta di un io che viaggia in solitaria. La poetessa lo dice con quell’ironia lirica che evita il moralismo e persino la malinconia che invece viene affidata a quei “bambini tristi” che sono, possibilmente, tutte le sue voci interiori tenute fuori a giocare, perché si distraggano dal dolore.

Forse, infine, resta un tentativo placido di riconoscimento, - effettuato per tributo alla coscienza, non per la redenzione della solitudine-, nel grido “qualcuno come me è là fuori?”, che non mai è richiesta di aiuto ad un altro miserabile, ma il semplice raccordo tra un dentro ed un fuori, il rattoppo di filo tra due dimensioni, la misericordiosa unione tra due gemelli, perché l’altro fuori, è poco altro se non un me, eroso, di dentro.

Non siamo esperti, neppure da vecchi, quando siamo giorni di Prima vita.

Recensione di Valeria Francese






Recensioni ed articoli relativi a Stefania Crozzoletti

(1) Prima Vita di Stefania Crozzoletti- Il Parere di PB

Testi di Stefania Crozzoletti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Valeria Francese

(1) Quando si alza il vento di Emanuele Serra- Il Parere di PB
(2) L artiglio di Enrico Solmi- Il Parere di PB
(3) L' ultima notte di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(4) Viandanti di Angelo Nalgeo Nese- Il Parere di PB
(5) Cento per Cento di Sacha Naspini- Il Parere di PB
(6) La mia ragazza quasi perfetta di Luca Rota- Il Parere di PB
(7) Prima Vita di Stefania Crozzoletti- Il Parere di PB
(8) Carne Fresca di Stella Duffy (Traduttore Mioni A.)- Il Parere di PB
(9) I nuovi veneziani di A cura di Caterina Falomo- Il Parere di PB
(10) La stanza viola di Arianna Pellegrini- Il Parere di PB
(11) Il carro di Dioniso di Mirco Marchesi- Il Parere di PB
(12) Pittori piuttosto pittoreschi di Massimo Zanicchi- Il Parere di PB
(13) Lo scorpione di Massimo Zaina- Il Parere di PB
(14) Sophìa di Marco Gabrielli- Il Parere di PB
(15) L' Ultima Notte di Emiliano Grisostolo - RECENSIONE
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2014-09-21
VISITE: 181


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.