Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [26/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    Eduardo Di Loreto scadenza 2019-07-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Negli occhi dell'altro
di Rossella Vezzoli
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Edizioni Seb 27 2003
Prezzo € 12 - 104 pp.
Collana Tamburi di carta
ISBN n/a
Una recensione di Claudia Feleppa
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 31
Media 79.68 %


Negli occhi dell'altro

Questo breve romanzo si inserisce in scia ad una serie di titoli, il più noto probabilmente “The hours” di Michael Cunningham (premio Pulitzer), che si collegano più o meno dichiaratamente all’opera di Virginia Woolf. Testimonianza ulteriore, se mai ce ne fosse bisogno, di come, a più di 60 anni dalla sua scomparsa, la Woolf rimanga a tutt’oggi maestra insuperata, punto di partenza e di arrivo per molti autori contemporanei; questo perché, come ha scritto un acuto critico, «gli scrittori di tutti i tempi sono sempre moderni, e continuamente riletti».
“Negli occhi dell’altro” si sviluppa su due livelli narrativi: da una parte la contemporaneità, in cui tre protagonisti, Pietro, Francesca e Micòl, intrecciano le loro vite ed intraprendono un viaggio insieme, in aereo, verso l’Asia; dall’altra ci troviamo alle prese con un Orlando medievale, in «cotta di maglia e armatura scintillante», incaricato da Luigi il Santo di recarsi in ambasceria dal Gran Khan. Il punto di contatto tra le due storie è Micòl che nelle parole di Francesca «prova empatia con una scrittrice morta», ovvero Virginia Woolf, e vuole raccontare a suo modo la storia di Orlando: «cercai un volto tra gli altri, qualcuno che avrei amato comunque. E fra tutti scelsi una donna dallo sguardo profondo e meraviglioso, ecco: con quegli occhi scuri avrei desiderato davvero guardare il mondo, anche solo per un istante. Scelsi una scrittrice di imperdibile talento, scelsi Virginia Woolf. Una che avrei potuto riconoscere anche soltanto dalla camminata. Naturalmente per vedere con i suoi occhi non potevo che scrivere. E scrissi».
Centro del libro è il topos del viaggio, considerato strumento di conoscenza di sé e degli altri, tanto che Francesca, personaggio che incarna la razionalità, e che di mestiere fa la psicologa, alla domanda perché abbia accettato di seguire gli altri due, risponde:«Per comprendervi, solo vivendo insieme ci si può comprendere».
Tuttavia nel libro rimangono diversi punti irrisolti: perché Pietro costringe le due donne a seguirlo con una pistola? È pazzo? E se lo è perché né Francesca, né Micòl sono minimamente spaventate?
Questi personaggi rimangono perennemente sospesi su una nuvola rosa, non sembrano avere mai alcun tipo di problema, sanno in partenza che atterreranno sul morbido: Micòl e Francesca volano tranquillamente per sette ore in un aereo guidato da quel Pietro, paziente di Francesca, che le ha costrette a seguirle sotto la minaccia di un’arma e intanto si raccontano la storia di Orlando; mancano soltanto tè e pasticcini e infatti, appena atterrati, glieli offrirà uno sconosciuto incontrato in un autobus scalcinato di Taskent. Quest’uomo diventerà subito il «dolce angelo custode del loro viaggio» e inviterà i tre nella sua casa in riva al mare a condividere «tè e dolci orientali».
Mentre visitano Buckara Francesca è seguita da un gruppo di bambini arabi… ladruncoli, mendicanti? Macché, vogliono solo invitarla a giocare con loro una partita di pallone! Nei luoghi che i tre attraversano gli abitanti sono sempre socievoli e festosi, l’aria profuma di glicine, nessuno ha paura, fame, freddo, caldo o sete. Addirittura in Tibet un giovane monaco si dice grato ai tre perché gli permettono di ascoltare la storia di Orlando raccontata da Micòl.
Orlando nel frattempo affronta avventure non dissimili da quelle di Pietro, Francesca e Micòl. In una sorta di tour delle celebrità medievali incontra nientemeno che la pulzella d’Orleans, Jeanne D’Arc, in fuga dalle prigioni inglesi e Percival, il cavaliere della tavola rotonda alla ricerca del Santo Graal. Orlando intrattiene una breve relazione sentimentale prima con l’una e poi con l’altro, già perché nel frattempo, proprio come l’Orlando della Woolf, anche questo è diventato una donna e tra un sonnellino e l’altro sta attraversando secoli di storia. Ciononostante Orlando è ben deciso a portare a termine la sua missione, ovvero l’ambasceria presso il Gran Khan:«Il Gran Khan era un uomo dalla voce profonda fu davvero felice del dono di Luigi, il biliardino da tenda, e sostenne che quello era il suo gioco d’azzardo preferito. Poco gli importava che Luigi fosse un sovrano di secoli prima, gli importava molto del suo sforzo per la pace che senz’altro apprezzò».
Orlando si rimette così in viaggio per la Francia, carico di doni e si ritrova per la seconda volta di fronte ad un drago dispensatore di enigmi, unica autentica minaccia incontrata nel suo viaggio. Orlando e il suo seguito se la cavano grazie ad uno specchio:«prima che il drago riuscisse a guardarsi tutto, coda compresa e ali, si era alle soglie della seconda guerra mondiale».
Dopo poche righe però siamo di nuovo alla corte di Luigi il Santo, senza una spiegazione. Forse il drago era uno snodo temporale?!
Insomma, alcune perplessità rimangono, come anche il dubbio che senza il punto di riferimento costante dell’Orlando della Woolf di questo della Vezzoli non si capirebbe granché.
E ciononostante si ha l’impressione che più che al modello esplicitato della Woolf, l’autrice in questa sua scrittura favolistica, voglia dialogare con un altro grande scrittore della nostra letteratura: il Calvino delle situazioni ariostesche (“Il castello dei destini incrociati”; “L’Orlando furioso di Ludovico Ariosto raccontato da Italo Calvino”) e dei viaggi orientali (“Le città invisibili”). Tuttavia, in questo libro non c’è traccia dell’ironia sfuggente di Calvino ed ancora meno della sua esattezza, ovvero nelle parole del narratore de “Il castello dei destini incrociati”:«l’ostinazione maniaca a completare, a chiudere, a far tornare i conti»… almeno un po’.

Recensione di Claudia Feleppa






Recensioni ed articoli relativi a Rossella Vezzoli

(1) Negli occhi dell'altro di Rossella Vezzoli- Il Parere di PB

Testi di Rossella Vezzoli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Claudia Feleppa

(1) Racconti d'Evasione di AAVV- Il Parere di PB
(2) Negli occhi dell'altro di Rossella Vezzoli- Il Parere di PB
(3) Più semplice di quanto sembrassimo di Fabrizio Pizzuto- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2003-11-21
VISITE: 6849


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.