Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mamma li Turchi!
di Gilberto Favale
PUBBLICATO su SITO


SAGGIO
Prospettiva Editrice 2004
Prezzo € 10 - 146 pp.
Collana I territori
ISBN n/a
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 50
Media 80.6 %


Mamma li Turchi!

Un libro che giunge al momento giusto, proprio quando l’allargamento a 25 stati ha esteso con decisione l'Unione Europea verso est (basti pensare che, degli stati ex-comunisti, solo la Germania Orientale era già entrata nell'UE, in virtù della riunificazione tedesca). Anche dopo quest’allargamento, il quinto nella ormai cinquantennale storia della comunità, rimangono degli stati che hanno già chiesto di entrare nell’Unione, ma non ne fanno ancora parte. Per avere il “via libera” di Bruxelles, devono risolvere problemi economici, come quello della riduzione del debito pubblico in vista dell’integrazione nell'Euro, sociali, come la gestione dell’immigrazione extracomunitaria, e giuridici, perché le legislazioni nazionali non devono essere in conflitto con le normative europee. Quest’ultimo aspetto diventa ancor più critico oggi, perché è in fase d’emanazione una Carta Costituzionale dell'Unione Europea, che diverrà operativa nell'insieme degli stati finora aderenti, se non ci saranno diverse richieste da parte di singoli governi, a partire dal 2009.
I tre stati che attualmente siedono in quest’ideale sala d'attesa sono la Romania, la Bulgaria e la Turchia: ma mentre è fortemente probabile, se non certo, che le prime due entreranno nell’Unione nel 2007, il caso della Turchia è diverso. E’ un paese che non ha mai avuto regimi comunisti, è anzi noto per il suo leale filo-americanismo (al punto da aver stipulato un’alleanza con Israele) e guarda con interesse alla Comunità Europa fin dagli anni ‘50. Eppure, parlare d’ingresso della Turchia nell’UE sembra ancora azzardato: questo saggio si propone di spiegarci perché.
Gilberto Favale si districa molto bene nella storia e nella politica di questo grande paese, reso omogeneo e “moderno” con la forza negli anni ‘20, ma in realtà vivacemente multiculturale, non totalmente europeo, nemmeno geograficamente, e oggi anche affetto dal ritorno di fiamma dell’integralismo islamico.
Alcuni dati colpiscono un comune osservatore, come me: la Turchia ha circa 70 milioni di abitanti (diverrebbe lo stato più popoloso dell'Unione, dopo la Germania), quasi tutti musulmani, mentre gli altri stati dell'UE condividono storicamente una comune matrice cristiana (basta pensare che i musulmani nell’Unione sono oggi 12 milioni in tutto). Questo non sarebbe un problema però, se fossimo sicuri che la Turchia, o almeno il suo governo, condivide i valori dell’Unione Europea. Invece, noi italiani ci ricordiamo bene la vicenda di Ocalan e il problema degli indipendentisti curdi (ma ci sono anche gli armeni, anche se forse meno “visibili” in Europa): ed il rispetto delle minoranze è qualcosa su cui l’Unione Europea non può transigere. Rimane poi un certo attrito con la Grecia per la situazione di Cipro, dove la repubblica del Nord rappresenta uno stato “fantasma”, riconosciuto dalla sola Turchia, esistente dalla guerra del 1974 (l’unica guerra tra due stati membri nella storia della NATO!), e la ricomposizione politica dell'isola sembra lontana, se non impossibile.
Le radici della diffidenza reciproca tra Europa e Turchia sono storiche, ed il libro di Favale risale i secoli per spiegarlo: l'Impero Ottomano, una realtà molto complessa e multiculturale, pur se ben lontana dal moderno concetto di tolleranza, ha avuto spesso nei secoli il ruolo di impedire la formazione della cultura europea come la conosciamo oggi. Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, alcuni stati europei hanno guardato con interesse, commerciale e politico, al disfacimento dell’Impero Ottomano. Anche l’Italia ne approfittò per prendersi la Libia e per avere il diritto di sfruttamento dei pozzi petroliferi in una parte dell’Anatolia, nonché l’amministrazione di dodici isole nell’Egeo, il Dodecanneso. (Tra parentesi, anche oggi l’Italia avrebbe un interesse commerciale ad avere la Turchia in Europa).
La situazione parve infine stabilizzarsi, dopo la fine dell’Impero nel 1922, sotto il governo paternalistico di Mustafa Kemal, detto non a caso Ataturk (padre dei Turchi) e non a caso convinto ammiratore del nostro Mussolini. La politica di Kemal era semplice ed efficace, e sicuramente ha avvicinato la Turchia all’Europa, per esempio in termini di diritti delle donne, anche se è difficile paragonare nel complesso lo stato kemaliano ad una moderna democrazia rappresentativa. Il prezzo pagato per l’europeizzazione è stata la rimozione forzata ed a volte violenta delle minoranze etniche e religiose, e l’imposizione di uno stato laico, i cui abitanti dovevano parlare il turco moderno, con alfabeto modellato su quello latino ed emendato dalle influenze arabo-persiane.
Kemal ha anche ridato orgoglio nazionalistico al suo paese ed ha forgiato una classe militare, capace in casi di sbandamento dello Stato di prendere il potere e di evitare danni peggiori per il paese. Non pensate a quegli eserciti latino-americani, portatori d’interessi economici, di solito statunitensi, ed assetati di potere: l’esercito turco tende ovviamente a difendere i suoi privilegi, ma è stato anche capace storicamente di aperture europeiste e quasi democratiche che sorprendono in una casta militare. Bene, quindi? Non del tutto: la pratica della tortura è ancora cosa comune in Turchia, anche se forse meno negli ultimi anni, e la pena di morte viene ora commutata in pene detentive, ma ufficialmente non è stata ancora abrogata, e questo è un altro punto di contrasto con l’Unione Europea. Recentemente si è anche discusso se eliminare il reato d’adulterio dal codice penale turco, ma capirete che, nei confronti della morte e della tortura, sembra un po’ una questione quasi “frivola”. Tuttavia, in vista dell’adeguamento alla legislazione europea, questo è un altro problema (anche perché, come di solito avviene in questi casi, il sesso dell’adultero è tutt’altro che ininfluente sulla pena, e quindi si apre il discorso delle pari opportunità).
Vedete insomma quante indicazioni di segno opposto, nella situazione turca. Il maggior merito del libro di Gilberto Favale è di cercare con pazienza di far orientare il lettore nel dedalo di aspri contrasti e contraddizioni, che fanno sì che l’ipotesi di una Turchia in Europa abbia un suo fascino, ma diciamolo metta anche un po’ di paura. Trovo poi apprezzabile che l’autore, pur scrivendo con stile semplice e concreto, non cerchi di semplificare a tutti i costi un problema che semplice non è.
Certo si sarebbe potuto, con un po' di retorica sull'inevitabile successo del processo di unificazione europea, fingere di esser sicuri che prima o poi la Turchia farà il suo ingresso trionfale nell'Unione, correggendo un po' la rotta di governo e diminuendo il tasso d'inflazione... Invece, questo bel saggio è non solo ben documentato e profondo, ma anche onesto, in modo quasi disarmante. L'autore ha delle perplessità sul possibile allargamento alla Turchia dell'UE, e cerca di giustificarle coi fatti.
Valéry Giscard d'Estaing, sicuramente uno dei politici più esperti nella storia dell'Unione Europea, parla di possibile fine dell'UE se la Turchia dovesse entrarvi: qui si trovano mille motivi per dar ragione all'ex-presidente francese, ma si riesce anche indirettamente ad inoculare una flebile speranza, perché si chiarisce con molta efficacia che cosa la Turchia è chiamata a fare per entrare in Europa. Se la Turchia riuscirà nel compito, nessuno può onestamente saperlo: esporre e chiarire i problemi sul tappeto è tutto ciò che uno storico della politica può fare (e non è poco!), meglio ancora se in un'esposizione serrata ed efficace, come questo saggio.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Gilberto Favale

(1) Mamma li Turchi! di Gilberto Favale- Il Parere di PB

Testi di Gilberto Favale pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-09-20
VISITE: 6899


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.