Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [19/08/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     L'abulico di Bruno Corino     La campanella di Pasquale Francia     L'Alhambra di Marco Pinnavaia     L'ultima sigaretta di Vito Zingale     Ketchum, Idaho di Andrea Prando    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

D'acque dolci
di Fabienne Kanor
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Morellini Editore 2005
Prezzo € 13 - 181 pp.
Collana Griot
ISBN 8889550007
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 51
Media 78.63 %


D'acque dolci

Credo che si possa parlare di una tendenza nella letteratura "nera" in lingua francese, volta a discutere il rapporto tra la madrepatria d'origine, con quel che importa di ricordo e di una deretoricizzata "nostalgia", e la patria acquisita, con le sue insospettabili durezze, venate di una tolleranza che è spesso sordità. Spesso, questa relazione si complica, nel momento in cui l'educazione ricevuta riflette aspetti di entrambe le culture, cosicché si vive all'estero dappertutto e, quel che è peggio, in un estero interiore, che genera spaesamento da qualunque direzione ci si volti. E' l'essenza di essere déraciné, senza radici, e di per sé non è un fenomeno nuovo: di nuovo, da qualche anno a questa parte, è la volontà di spiegarsi fino in fondo, di scendere nell'animo, di non accettare di farsi semplificare o descrivere con parole inadatte. Meticciato, certo, ed orgoglioso, anche, specie nel momento in cui ci fa capire che la correttezza politica, oggi tanto in voga, non è che la faccia pulita, e solo apparentemente opposta, dello stesso razzismo che vuole combattere, e ci fornisce a piene mani solo parole anodine e denaturate, fatte per gli schedari dell'anagrafe, non certo per la letteratura.
Ma non vorrei andare troppo in là nella mia valutazione: il dato di fatto letterario è che sono recentemente nati alcuni scrittori di sorprendente vitalità ed espressività, proprio all'incrocio tra le due culture, caratterizzati specialmente da una notevole libertà e trasversalità rispetto agli stantii codici ed alle regolette da best seller, e da una vis narrandi che travalica gli schemi consueti, per prima l'idea del finto anticonformismo e del manicheismo cui tanta letteratura d'oltreoceano ci ha abituato. Sono ottimi esempi di questa tendenza il misterioso Chimo di "Lila m'a dit" e Bessora, la scrittrice belga di origine gabonese: in entrambi i casi c'è un interesse smodato, che quasi si rivolge in fobia, per la metropoli nel suo insieme, la banlieue vista dal suo interno, ed un insospettabile approfondimento psicologico, che non si ritrae di fronte a nulla, e che mostra che follia e saggezza sono in fondo questione di sfumature, non di determinismo poliziesco un po' calvinista.
Un'altra scrittrice di notevole interesse è Fabienne Kanor, che ha avuto l'onore di un esordio presso Gallimard col suo "D'eaux douces" che troviamo, efficacemente tradotto da Lucia Quaquarelli, pubblicato presso Morellini, nella collana Griot, di cui abbiamo già recensito "Transit" di Abdourahman A. Waberi. La scrittrice di origine martinicana sviluppa fino in fondo la tematica del contrasto tra la cultura di origine e quella acquisita. Frida è una giovane donna che finisce per uccidere semplicemente per lavare quel che di atavico e profondo ha dentro, quell'idea dell'uomo racchiusa semplicemente nella sua potenza sessuale (o procreatrice, nel caso della donna, il che è come dire le due facce di una stessa medaglia): "Ci sono dei cadaveri nella nostra famiglia di cui nessuno parla. Antenati che puzzano. Un odore così forte da far venire il vomito. Armata di un secchio di varechina, io pulisco. Pulite. Puliamo. Per ritrovare il filo della storia" (p. 123).
L'educazione sembra non solo non averla aiutata, ma averle con molta evidenza (e sotterranea violenza) tarpate le ali: "Sono cresciuta con la paura di parlare. Il terrore di aprire bocca. L'angoscia delle conseguenze. Sono stata educata così. Non sono di questo mondo, sono sospesa a un metro d'altezza, con lo sguardo fisso, puntato su un passato che con il tempo è diventato sempre più confortante" (p. 151). Ed anche il femminismo di maniera delle amiche dell'università rimane superficiale, incapace di andare a fondo di una storia di prevaricazione e di schiavitù: "Come la maggior parte delle ragazze della sua generazione, infatti, Marlène si annoia. E vede nella più piccola avventura che le si presenta davanti un'ottima occasione per distrarsi. Tenuto conto di questa logica, Musclor non è un figlio di puttana perché l'ha picchiata, ma perché non si è fatto vivo per quarantotto ore" (p. 61).
Va dato merito a Fabienne Kanor di esser riuscita ad arginare una storia difficile da racchiudere in un libro, e difficilissima da raccontare, al di là della levità di certe situazioni, che possono far pensare ad una sottile vernice farsesca, da cui l'autrice fugge, lasciando solo lo strascico di un'inevitabile ironia. Non è semplice restare in equilibrio tra due culture e tra due storie, che sembrano combattersi e dilagare in onde d'urto che vengono dal profondo, e tra ciò che si è e ciò che confusamente si cerca di essere, tra proclami leggermente psicanalitici, come nel richiamo alla fine delle ossessioni e delle idee nere, ed il continuo rimbalzo tra un di qua ed un di là, tra un terzo mondo globalizzato ed un occidente sedicente terzomondista.
Ecco, non vorrei dare l'impressione, sbagliata, che un libro come questo non ci riguardi, che parli di storie locali molto lontane da noi: in realtà è un testo eccezionalmente profondo sul rapporto tra la realtà contingente e le nostre pulsioni inconsce, la nostra storia ancestrale, che crediamo e sosteniamo di non aver mai vissuto. Tutto questo viene racchiuso in un, penoso per quanto fittizio, involucro di rispettabilità borghese, fatto di aspirazione al posto fisso (non al lavoro, ci mancherebbe), di convenzioni, di perversioni sessuali vissute nel silenzio, anzi nell'omertà. Un mondo fatto di quinte insospettabili, che si aprono su storie mai dimenticate, dove la bacchettata sulle dita della maestra meticcia è soltanto una versione appena civilizzata dello scorrere delle catene della schiavitù tra le frustate delle onde, dove si tradisce per non essere traditi, e si uccide per… Sarebbe difficile per me concludere che non ci siamo dentro tutti, in un mondo così, che la correttezza politica non sempre vale a mascherare.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Fabienne Kanor

(1) D'acque dolci di Fabienne Kanor- Il Parere di PB

Testi di Fabienne Kanor pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2005-11-01
VISITE: 8589


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.