Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [25/03/2019] 10 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fuori dal cassetto scadenza 2019-03-30    La voce della Natura: Armonia, Benessere e Spiritualità scadenza 2019-03-31    Scrivi un giallo a Fico Eataly World scadenza 2019-03-31    Maria Virgina Fabroni scadenza 2019-03-31    Maria Virginia Fabroni scadenza 2019-03-31    Un Roero da Favola scadenza 2019-03-31    Premio Internazionale di poesia San Gerardo Maiella scadenza 2019-03-31    ROCCAGLORIOSA scadenza 2019-03-31    Angiè scadenza 2019-03-31    Ballo proibito scadenza 2019-03-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CARNEVALE di BANCHETTE 2019 - 40ª edizione (EVENTO 2019-04-06)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
63 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Martiri per l'Irlanda - Bobby Sands e gli scioperi della fame
di Munuele Ruzzu
PUBBLICATO su SITO


SAGGIO
Fratelli Frilli 2004
235 pp.

ISBN
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 21
Media 83.33 %


Martiri per l'Irlanda - Bobby Sands e gli scioperi della fame

Rivisto a distanza di tanti anni, il combattente Bobby Sands, raffigurato su una parete esterna della Falls Road, sembra raccogliere il testimone che altri prima di lui hanno tenuto, nella loro corsa verso la libertà del loro paese, del loro popolo. Ghandi, Mandela.

La storia che porta fino a lui, e poi fino alla dichiarazione di cessazione di ogni forma di ostilità nei confronti delle truppe inglesi di stanza sul territorio irlandese, si snoda attraverso un percorso fatto di atti eroici contro l’isolamento, le torture; contro il famigerato Blocco H, a Long Kesh.

Quel carcere, nonostante la sua chiusura sia avvenuta nel ’98 a seguito degli “ Accordi del Venerdì Santo”, rappresenta una cicatrice ancora aperta nell’immaginario collettivo del popolo irlandese, e una sconfitta della superiorità inglese.

E’ facile cedere alla retorica dell’eroismo, come momento di elevatezza dei principi, per mettere in moto un movimento di opinione che dia la cifra dell’insensatezza, dell’immoralità di ogni forma di occupazione, bellica e non, di ogni guerra.

Ma questo, è il risultato finale.

E’ necessario scoprire nelle nebbia dei discorsi di ieri, e di oggi, la filigrana di un periodo storico durante il quale l’uomo e il potere si sono trovati di fronte, in un massimo scontro.

Perché proprio di questo si tratta: la lotta contro un potere che, Passerin d’Entréves nel suo saggio ” la dottrina dello Stato” definì come “ una forza qualificata” e quindi ”istituzionalizzata”.

Gli attori di questa tradizionale rappresentazione, sono patrimonio indistruttibile della storia, e non solo perché noi l’abbiamo percepita come una storia che ha lasciato una qualche eredità; ma perchè gli avvenimenti storici sono stati, e sono oggi, parte della trama della nostra vita, perché in qualche misura l’hanno plasmata.

Ruzzu consegna al lettore la condizione dei prigionieri irlandesi; è il momento della memoria, libera da pericolose suggestioni, una sorta di recherche che ci rende familiari i personaggi, reali, concreti, avvolti nelle loro coperte sudice, fra le mura imbrattate di escrementi umani.

E’ la violenza, la reificazione dell’essere umano, riavviato sul cammino dell’affrancamento dall’ordine del tempo, dalla morte.

La rievocazione letteraria di Ruzzu, non può non farci pensare ai martiri cristiani che adottarono il digiuno, come una forma di protesta pacifica per l’affermazione di un credo, di una liturgia che ancora oggi trova diritto di cittadinanza presso gran parte della popolazione mondiale.

Il digiuno diventa così strumento di catarsi personale, di elevazione spirituale, tanto che nella coscienza collettiva, anche chi si fosse macchiato di un qualche crimine, perde quella connotazione negativa, per acquistare quella di martire. Che si tratti del trascod o del cealachan, il digiuno viene vissuto come pratica, metodo, sistema contro la violenza indiscriminata, la brutalità delle truppe inglesi.

In questa negazione esistenziale, quasi assoluta, l’uomo trova il suo moto di perpetuazione, una forza di ribellione, che diventa esercizio della distruzione e, allo stesso tempo, proclamazione del suo stato di sopravvivenza, come una sovrastruttura della rivendicazione dello status giuridico di individuo.

Ruzzu finisce, così, per “grattare” là dove la catena lascia il segno.

Allora, di quel periodo bisogna farne alimento, discorso articolato, per grattare il prurito sotto la pelle della storia, affinché questa diventi creatrice di valori, sbloccando la parzialità negativa della rivolta, definendola, invece, una operazione metodologico-costruttiva che va al di là della misura limitativa della stessa rivolta.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Munuele Ruzzu

(1) Martiri per l'Irlanda - Bobby Sands e gli scioperi della fame di Munuele Ruzzu- Il Parere di PB

Testi di Munuele Ruzzu pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(2) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(3) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(4) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(5) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(6) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(7) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(11) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(12) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(13) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(14) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB
(15) Il Gigante di Marco Roberto Capelli- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-11-10
VISITE: 5197


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.