Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [11/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Attrazioni e distrazioni
di Cesarina Bo
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
ExCogita Editore 2004
Prezzo € 10 - 130 pp.
Collana Voluminaria rosso
ISBN
Una recensione di Maria Carmela Marinelli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 31
Media 74.52 %


Attrazioni e distrazioni

Nata in provincia di Torino nel 1956, Cesarina Bo si laurea in Matematica nel 1979 e si avvicina alla scrittura vent’anni dopo, per “evadere dall’ordinarietà quotidiana”. Da questo desiderio di evasione nasce “Attrazioni e distrazioni”, una raccolta di 28 racconti, suddivisi in quattro sezioni e pervasi da un fascino, una misura e un’eleganza davvero insolite. Racconto dopo racconto si delinea lentamente un mondo governato da due forze contrastanti: da un lato la razionalità che scandisce forme, situazioni e personaggi; dall’altro l’irrazionalità oscura e misteriosa che scardina le regole del reale e apre un varco nel mondo della fantasia e dell’inverosimile.
Luoghi e situazioni sono descritti a due velocità differenti: sullo sfondo scorrono rapide immagini di vita cittadina, lievemente abbozzate da brevi e nervose pennellate di colore. In primo piano, invece, l’occhio critico e attento dell’autrice si sofferma lentamente su ogni particolare della vita rurale. Ritmi frenetici e convulsi della città si contrappongono a movimenti ampi e dilatati della campagna. I personaggi che si muovono sullo sfondo si affannano, corrono, si incrociano per le strade, nelle metropolitane, alla stazione, senza scambiarsi uno sguardo o una parola; consumano un pasto veloce nei locali per poi scappare via in macchina, perché “il tempo è prezioso” e “solo gli stupidi lo sprecano in passeggiate”. I personaggi dei primi piani, invece, attendono l’arrivo della sera in compagnia di un mazzo di carte e un bicchiere di vino rosso, attendono l’arrivo di una lettera, di un treno, della persona amata, attendono che passi l’afa estiva, e nel frattempo ingannano il tempo immaginando i possibili movimenti degli inquilini al piano di sopra. C’è chi ha i minuti contati e chi, il tempo, lo vive diluito nell’infinita dimensione dell’attesa. Questa attesa che sa di speranza e di dolore, come l’anziana signora che ogni mercoledì si reca in stazione e attende l’arrivo dei treni, sperando di vedere tornare a casa il suo vecchio fidanzato, morto fucilato molti anni addietro in guerra. Questa attesa che sa anche di morte, come il racconto del folle omicida che immortala con la sua Polaroid gli incontri clandestini all’uscita di un triste hotel di seconda classe, per poi ricattare gli adulteri e ucciderli.
Diversi luoghi, vari personaggi, un unico destino: la solitudine. Regna sovrana nella vita frenetica e caotica della città, tra la nebbia e lo smog, nella realtà rurale, dove gli edifici sono “tristi”, i muri “scrostati o ricoperti solo da intonaco grezzo” e le facciate “sbiadite dal sole e dalla pioggia”. La solitudine domina sulla piazza di paese deserta e sulle case sperdute nel mezzo della campagna, si insinua lentamente nei condomini desolatamente vuoti, tra le strade, sui marciapiedi, all’entrata della metropolitana, sulle insegne rese grigie e illeggibili dallo smog. Stagna nel silenzio irreale che amplifica i suoni, negli ambienti asfissianti delle osterie dal soffitto basso e dalle finestre strette dalle quali non entra “neppure un refolo di vento”.
Storie tristi, di gente triste che trascorre il tempo, rincorre il tempo, lotta contro il tempo, o addirittura manipola il tempo. Anche Cesarina Bo, come Gino in “Il padrone del tempo”, cerca di manipolare il grande orologio del mondo contemporaneo, inserendovi al suo interno una ruota più grande e più lenta a cui è agganciata quella dei minuti. I protagonisti di questi racconti sono come queste grandi ruote che segnano le ore e diluiscono la giornata in modo innaturale, rallentando il ritmo sincopato delle ansie e degli affanni in cui viviamo, fino a renderle inconsistenti e lontane.

Recensione di Maria Carmela Marinelli






Recensioni ed articoli relativi a Cesarina Bo

(1) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(2) Attrazioni e distrazioni di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(3) Doppia coppia di Cesarina Bo Mirella Zuchegna- Il Parere di PB

Testi di Cesarina Bo pubblicati su Progetto Babele

(1) Impossibile di Cesarina Bo - RACCONTO
(2) Passi falsi di Cesarina Bo - RACCONTO

Altre recensioni di Maria Carmela Marinelli

(1) Morgana e le Nuvole di Alessandro Assiri- Il Parere di PB
(2) Bello dentro, fuori meno di Carmine Caputo- Il Parere di PB
(3) Express Tramway di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(4) Attrazioni e distrazioni di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(5) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) L' industria della traduzione di Gianni Davico- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-07-15
VISITE: 7093


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.