Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [14/10/2019] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    “Linee di Paesaggio” scadenza 2019-10-28    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Presentazione del romanzo storico Il Barone - Una offerta di lettura agli studenti di un Liceo (NOSCELTA 2019-10-15)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Gente del Ghana reportage di un medico in missione
di Marcello Zanna
Pubblicato su SITO


ROMANZO
Il girasole 2013
Prezzo € 12 - 96 pp.
(fuori collana)
ISBN 9788875675592
Una recensione di Erika Gherardotti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 30
Media 76.67 %


Gente del Ghana reportage di un medico in missione

[Fare il medico volontario è stata un’esperienza toccante. La morte non si nasconde in Africa: le casse da morto si vendono per strada, insieme al cocco, agli ananas e all’acqua. Ogni giorno, a Biriwa gli ammalati intonano canti di ringraziamento all’arrivo dei medici volontari. Il sorriso riconoscente di una madre per le cure prestate al figlio, la stretta di mano di un povero pescatore guarito dalla malaria, la solidarietà tra la gente che non possiede nulla di materiale, sono i tesori che ho trovato e che serberò per sempre nel mio cuore.] (Marcello Zanna)

Gente del Ghana” è un “Reportage di un medico in missione”, un medico che ha voluto condividere con questo libro la sua esperienza di volontario presso il BMC (Baobab Medical Center) di Biriwa affinché possa «(…) servire ad altri per comprendere e aiutare LA GENTE DEL GHANA.» (1). Un medico che ha lasciato la sua famiglia e i suoi agi per poter portare il suo prezioso aiuto in terra d'Africa, spinto da «(…) un’esigenza impellente di nuove energie positive.» (2) e dalla curiosità di voler «(…)toccare con mano la realtà di quel paese lontano, per capire cosa spinga tanti giovani ghanesi a rincorrere una realtà per molti versi tanto dura qui in Italia.» (3).

Il dottore in questione è Marcello Zanna, specialista in tisiologia e malattie dell'apparato respiratorio, ci guida in modo incalzante in questo viaggio alla scoperta di quella che fu la "Costa d'Oro", raccontandocela sotto diversi profili, ce ne offre un'esaudiente panoramica a 360°. Il Ghana può esser preso poi come esempio di una realtà ben più grande, una realtà chiamata Africa.

Fin dalle prime pagine del libro si assapora l'aria africana: «Una vampata d'aria calda e umida ci avvolge.» (4), «Molta gente cammina ai lati della strada portando oggetti d'ogni tipo sul capo." (5) e si apprende che per le strade sono in vendita vecchi frigoriferi e casse da morto. Già perché ciò che noi buttiamo, là va benissimo e la morte «(…) fa parte del quotidiano: nessuno la nasconde.» (6), «(…) le bare variopinte seguite da parenti e amici dei defunti non mettono angoscia.» (7). «La gente è allegra dietro quelle bare (…). La gente in Ghana crede in Dio e Dio esiste in Ghana.» (8). La religione, anzi le religioni, sono osservate e sono quasi tutte animiste.

Come fossimo dei visitatori si è condotti quindi al Medical Center, dove le persone nella sala d'aspetto sono vestite di tutto punto e intonano canti di ringraziamento ogni mattina per l'operato dei dottori. Là, dove i dottori fanno dei veri e propri miracoli dal momento che non c'è acqua in sala operatoria, non c'è corrente, quindi mancano le tac, le risonanze, le ecografie, mancano gli ortopedici, mancano gli antivirali. Non si muore per la malnutrizione a Cape Coast ma per la malaria, per prevenirla basterebbero dei calzini, le zanzare, si sa, si sono evolute: pungono ai piedi e alle gambe. Si muore poi di febbre gialla, di AIDS, per le complicanze di molte malattie, là dove non è possibile far prevenzione e i farmaci costano e vengono sospesi.

I farmaci, altro problema in Africa, quelli che ci sono hanno il brevetto scaduto e non possono permettersi quelli più recenti, l'assistenza sanitaria poi, è a pagamento.

La povertà è palpabile in questa terra ricca di risorse e di materie prime, terra che nel corso della storia è stata depredata e continua ad esserlo: dal commercio degli schiavi, all'estrazione dell'oro, al commercio del cacao oggi: «Il commercio è in mano agli europei, prezzi decisi da europei, economic partnership agreements.» (9). La situazione non è cambiata, gli sfruttatori hanno solo assunto diversa forma: prima c'erano le potenze coloniali, oggi ci sono le multinazionali.

Parallelamente al racconto della situazione africana si legge poi anche un'altra storia: quella dell'autore. Arrivato lì carico di curiosità e voglia di fare è certo un uomo di buona volontà: «Pensa a tutti gli uomini di buona volontà che ogni giorno portano la loro goccia d'acqua nel deserto affinché divenga fertile.» (10).

Si trova a doversi arrangiare con i pochi mezzi a sua disposizione, fa amicizia con la gente del posto, si scontra con i suoi limiti di uomo appartenente alla società del benessere: «- Senz’acqua e senza luce no! non si può vivere! -» (11), ma non si lascia certo scoraggiare da queste difficoltà perché sa prendere il lato buono delle cose: «Birra e banane, al chiarore delle stelle. Che sballo.» (12). Ed è proprio nel momento in cui si trova a dover far senza gli agi che entra in contatto con la natura e si emoziona: «I miei occhi s'annebbiano di lacrime guardando in cielo il cacciatore Orione che affronta la carica del Toro.» (13).

Si sdegna difronte al razzismo: «E che idiozia distinguere gli uomini in base alla quantità di melanina della pelle anziché dalle loro azioni.» (14).

Zanna, ma anche i suoi colleghi volontari, arrivano a fine giornata stremati ma felici di aver «(…) fatto il nostro lavoro in cambio di un sorriso e un canto di ringraziamento.» (15). Si legge quindi la sua crescita professionale e personale, la sua permanenza là è stata breve ma, per l'intensità con cui l'ha vissuta, tanto è bastato per farlo sentire un "veterano": «La mia esperienza africana sta volgendo al termine, e mi sento ormai un veterano. La gente si fida di me, delle mie diagnosi, delle mie terapie.» (16). Lascia il testimone ad altri volontari e viene via carico di emozioni: «L'Africa mi ha dato ben più di quel che io ho potuto dare all'Africa in questo mese e mezzo. Mi sento ricco dentro.» (17).

Il linguaggio usato dall'autore è diretto e semplice, il libro si legge bene, nonostante il ricorso all'uso di un linguaggio settoriale nelle sole parti che concernono le spiegazioni mediche.

Spesso si legge per poter viaggiare, e "Gente del Ghana" non delude questo scopo. E' un libro che appassiona e istruisce, ci commuove e ci fa riflettere, ci fa chiedere come sia possibile essere felici vivendo in un Paese senza i servizi più elementari, in un Paese dove la gente fa molti figli perché tanto sa che molti di loro non arriveranno all'età adulta. Consigliato quindi a tutti coloro che vogliono entrare in contatto con un mondo diverso, poco conosciuto, ma non da considerarsi secondo a nessuno se lo si guarda sotto il punto di vista umanitario. Per coloro che sono disposti a non ascoltare i luoghi comuni e sono aperti, anzi, al confronto e alla conoscenza del "diverso". Un proverbio africano dice: “Ciò che non hai mai visto, lo trovi dove non sei mai stato”.

 

________________________________________

(1) Marcello Zanna, Gente del Ghana, Premessa, p. 8.

(2) Marcello Zanna, op. cit., Premessa, p. 7.

(3) Marcello Zanna, op. cit., Premessa, p. 7.

(4) Marcello Zanna, op. cit., p. 11.

(5) Marcello Zanna, op. cit., p. 12.

(6) Marcello Zanna, op. cit., p. 43.

(7) Marcello Zanna, op. cit., p. 43.

(8) Marcello Zanna, op. cit., p. 44.

(9) Marcello Zanna, op. cit., p. 14.

(10) Marcello Zanna, op. cit., p. 77.

(11) Marcello Zanna, op. cit., p. 63.

(12) Marcello Zanna, op. cit., p. 64.

(13) Marcello Zanna, op. cit., p. 65.

(14) Marcello Zanna, op. cit., p. 31.

(15) Marcello Zanna, op. cit., p. 35.

(16) Marcello Zanna, op. cit., p. 93.

(17) Marcello Zanna, op. cit., p. 93.

Recensione di Erika Gherardotti






Recensioni ed articoli relativi a Marcello Zanna

(1) Gente del Ghana reportage di un medico in missione di Marcello Zanna- Il Parere di PB

Testi di Marcello Zanna pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Erika Gherardotti

(1) Gente del Ghana reportage di un medico in missione di Marcello Zanna- Il Parere di PB
(2) Caffè Grande di 2emmpi (acronimo Di Massimo Mariani Parmeggiani )- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2014-09-13
VISITE: 1207


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.