Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [23/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
52 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il modo migliore di rovinarsi la vita (danneggiandola agli altri): essere ingegnere giramondo
di Flaviano Di Franza
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Albatros Il Filo 2009
Prezzo € 13 - 169 pp.
Nuove voci
ISBN 8856711966
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 40
Media 79.5 %


modo migliore di rovinarsi la vita (danneggiandola agli altri): essere ingegnere giramondo;Il

 

 

Non è vero (e lo dico “dall'interno”) che siano pochi gli ingegneri che scrivono: a parte esempi illustri, come Carlo Emilio Gadda, che era ingegnere industriale, ed ebbe esperienza come elettrotecnico e chimico, e Roberto Vacca, che è ingegnere elettrotecnico, ma ha fatto esperienza in una serie di campi disparati, sia professionalmente che letterariamente (andate a dare un'occhiata su www.robertovacca.com e vi renderete facilmente conto), ce ne sono altri, magari meno noti ma non meno illustri: Vito Pallavicini, paroliere vigevanese di molte canzoni di successo degli anni '60 e '70 ed oltre, era ingegnere chimico, e sicuramente qualche canzone su testo di Pallavicini l'avete ascoltata (ce ne sono miriadi di tutti i generi, da “Azzurro” a “Metti la canottiera”...).

Questo credo che illustri una caratteristica fondamentale degli ingegneri che si lanciano nella creazione (ed il termine “lanciarsi” credo sia appropriato per Flaviano Di Franza, che dalla provincia torinese e da una laurea al Politecnico si è spostato in mezzo mondo, con preferenza per Africa, Estremo Oriente ed America Latina) che è l'ecletticità. Il primo libro di Di Franza merita anche soltanto per il titolo umoristico e che ne illustra efficacemente il contenuto “Il modo migliore di rovinarsi la vita (danneggiandola agli altri). Essere ingegnere... giramondo”. Ora, è evidente che ci sia un sottofondo ironico ad un titolo del genere, perché nessuno, almeno volontariamente, desidera rovinarsi la vita (prendersi una laurea in ingegneria all'uopo mi sembra un po' esagerato, ed anche abbastanza costoso...), però è indicativo di come la cosa sia vissuta in Italia. Io non ho girato il mondo, mi sono limitato all'Europa e poco più, però capisco il punto di vista dell'autore, che si introduce ad usi, ritmi e costumi diversi e certamente getta nello sconforto (con tipica mentalità italiana...) amici e parenti, col suo continuo fuggire (per lavoro, d'accordo, ma in realtà per quella propensione al rischio che gli molti uomini, e perché no, donne, hanno, ma che spesso rimane inconfessabile, specie in questo nostro paese ad alto potenziale di retromarcia).

E' così significativo che Di Franza si metta in gioco così apertamente, dalla difficoltà a cucinare qualcosa a quella di usare la lavatrice a quella di mantenere un rapporto sentimentale relativamente stabile con una vita di tanto elevata volatilità e che cerchi, pur con una prosa alle volte immatura, ma che si raccomanda per simpatia ed autoironia, di descrivere le infinite mutazioni cui va incontro chi gira il mondo. Perché naturalmente anche l'autore pensa di tornare un giorno (forse) in Italia, ma non si nasconde i rischi del ritorno, perché il mondo avanza ed anche, bene o male, il luogo dal quale siamo partiti e la gente che conosciamo ha preso la sua strada e quindi potremmo non ritrovare il punto di partenza (non che sia importante, ma spesso ci si illude che esista, come se fosse una specie di “go!” del Monopoli: in realtà di solito non c'è più, e, se pensiamo di prendere i 200 dollari al passaggio, ugualmente resteremo con ogni probabilità delusi...perché chi rientra raramente è accolto da applausi e lanci di fiori: rientrare, specie in Italia, è visto spesso come un atto dovuto, non una scelta come quella di partire).

Per sopravvivere a queste continue pressioni ed alle infinite domande e considerazioni oziose cui è fatto oggetto chi cerca di fare una scelta, in questo paese, la strada scelta dall'autore, che è certamente molto legata al suo carattere (è uno di quei rari libri, pur con tutta la sua natura “sperimentale”, in cui l'indole dell'autore esce fuori senza camuffamenti), è quella di un'esposizione estremamente diretta, benché ironica ed anche elegante, che non sconfina mai nell'invettiva gratuita. Credo, in tutta onestà, che la via scelta sia giusta: il libro si fa leggere con piacere, qualità abbastanza rara per un esordiente, ed invita anche ad una riflessione; nel momento in cui la difesa del lavoro è in realtà conservazione di quell'impiego in quella posizione in quella ditta e specialmente in quel luogo, Di Franza ci mostra che forse le cose possono anche andare diversamente, dandoci una visione più moderna e dinamica cui, occorre dirlo, la nostra società non è abituata né come mentalità né, temo, strutturalmente. E con l'arma dell'ironia, ci consente di discutere come fare le cose in modo diverso, e credo che ne abbiamo veramente bisogno, specialmente in Italia.

 

 

 

 

 

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Flaviano Di Franza

(1) Il modo migliore di rovinarsi la vita (danneggiandola agli altri): essere ingegnere giramondo di Flaviano Di Franza- Il Parere di PB
(2) Intervista a Flaviano Di Franza a cura di Carlo Santulli - ARTICOLO

Testi di Flaviano Di Franza pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2009-08-13
VISITE: 6171


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.