Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [24/04/2019] 15 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
56 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Cosmo Blues Hotel
di Stefano Lorefice
PUBBLICATO su SITO


RACCOLTA DI RACCONTI ALTRO
Edizioni Clandestine 2004
120 pp.

ISBN
Una recensione di Erika Pucci
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 44
Media 80.23 %


Cosmo Blues Hotel

diventa una voce puttana, una voce che se non stai attento ti scopa (pg.68) Ed è questo che la voce dentro di questo libro fa con l’anima del lettore. CBH è una raccolta di racconti brevi di un giovane scrittore che ha all’attivo già un paio di raccolte di poesia. Ciò che colpisce nell’epidermide del testo è indubbiamente il linguaggio, sintentico, rapido, tagliente, colorato da espressioni tratte dal parlare quotidiano che sanno trasmettere in modo efficace le diverse eppure vicine storie narrate, mantenendo nel sottovoce la poeticità del raccontare. Storie che scorrono come episodi di uno stesso film o come atti di un poema estremamente moderno, ognuna delle quali dal taglio indubbiamente personale ma legata indissolubilmente alle altre per la cifra che l’autore dimostra di avere. La maggior parte degli episodi sono istantanee in movimento su piccole grandi vite delle nostre metropoli. Il ritmo narrativo è serrato, di certo il timing, l’incedere del discorso è uno dei punti di forza di questo tipo di narrativa, capace di avvicinarsi senza perdere la sua identità a suggestioni puramente musicali e cinematografiche dal punto di vista estetico. Addentrarsi nella sequenza delle storie di CBH è come entrare in un cono che lentamente penetra sempre più a fondo. Se il primo racconto è leggermente spiazzante per lessico del tutto sfrontato sebbene idoneo al tessuto narrato, l’autore ci sorprende per la capacità di condurci in un viaggio caledioscopico in cui gli eventi, gli oggetti, i movimenti raccontano di per sè e apparentemente senza filtri l’anima delle storie, alcune al limite della fiction in pieno stile tarantiniano come Mister M, altre colorate di giallo e efficace noir ( Exit babila). Una scrittura di carne che sfibra corde interiori. Ma in questa raccolta c’è spazio per tutti i colori, per tutte le sensazioni del quotidiano che attraverso il narrare sanno accogliere, coinvolgere, identificare il lettore: c’è spazio per la tenerezza , inframezzati monologhi, divertiti neologismi (snutellare le scarpe, pg.56) l’amicizia, il sesso, l’io. Indissolubilmente legati allo spazio, alla scenografia in cui la storia si muove: i luoghi qui non sono uno sfondo, perchè essi stessi fanno la storia, come nel cinema di genere. Di certo la disposizione dei racconti non è casuale. C’è un disegno in crescendo, una sorta di girandola, un vortice a spirale che porta sempre più dentro. Per arrivare con sguardo dis-cantato sulla nostra seconda repubblica, fino nella suite finale con il blu-poesia nell’io più intimo dell’autore, in cui di certo si evincono anche i motivi dell’essere e dello scrivere di Lorefice, in un’ambientazione da hotel che fa pensare all’eleganza struggente degli interni di Kar Wai Wong, una suite che è quasi un lungo piano sequenza che scivola dentro nell’anima di chi scrive, e, quindi, di chi leggendo accoglie e si fa penetrare dalle parole. Queste ultime 12 pagine sono un autentico gioiello, che fa venire voglia di racconto lungo, di romanzo. E chi guarda nelle parole, in queste piccole grandi storie, si fonde con la musica che esse stesse creano. Perchè infondo è anche questo CBH Al Cosmo Blues Hotel le storie si fondono ( pg.106).(Erika Pucci) RECENSIONE DI TIZIANA PETRECCA 16 racconti apparentemente slegati uno dall’altro hanno in comune storie di droga, solitudine, sesso per compensare il vuoto interiore e sullo sfondo Milano.Una metropoli indifferente, fredda, dove la solitudine è ancora più forte tra la folla.Apparentemente ogni racconto è a sé, in “ The pack post magazine” un monologo interiore che racconta la possibilità di avere 2 legami contemporaneamente e l’impossibilità che queste persone s’incontrino <<…Poche possibilità che in una città di un milione e passa d’abitanti s’incontrino.Una questione di spazi e tempi.bisogna sapersi organizzare………… …Se anche loro fanno la mia stessa doppia vita, e gli altri due tipi che escono con loro lo stesso..e via dicendo a catena, la città di Milano è un enorme circo del tradimento dove tutti vanno con tutti.Un milione e passa di persone che hanno una vita e qualcosa, matematica pura, un’equazione a catena ..>>.Ma è davvero così? I racconti inaspettatamente s’incrociano, s’incrociano i personaggi, storie e musica sempre la stessa per ogni diversa situazione.La droga ha la sua colonna sonora:i Nirvana,Madrugada, Tool; Cold play vanno bene per ascoltarli di sera, per il sesso i Placebo. Più che ogni storia, si può dire, ogni situazione ha la sua colonna sonora e le vite s’incrociano in un modo o in un altro; i ragazzi si conoscono tutti perché non è vero che è difficile che si possano incontrare, in una metropoli come Milano, due persone legate alla stessa persona. Milano non è matematica pura, non è equazione. I ragazzi delle storie s’incontrano, incrociano vite, morte, sono amici di amici, perché quando si vive una realtà “altra” c’è sempre un punto d’incontro per tutti. Non va raccontato, questo libro di Stefano Lorefice, va letto anche se inizialmente stordisce o può infastidire perché crudo nel modo di raccontare, e spiazzante perché è reale, così reale da essere un pugno nello stomaco. Quello che Lorefice narra non è invenzione da scrittore è realtà che ogni giorno vediamo, ma se quella realtà la chiudiamo in una cornice estrapolandola, quindi, dall’abitudine quotidiana allora diventa uno schiaffo in pieno viso. Rimando al link del blog dell’autore dove è recitato, meravigliosamente, un piccolo passo di un racconto, una trasposizione teatrale che sarebbe perfetta per questo libro. Senza dubbio è un libro che lo si rilegge varie volte. Stefano Lorefice ha pubblicato: “ Prossima fermata Nostalgiaplaz (2002) “Budapest swing Lovers (2003) “ Cosmo blues Hotel” ed. Clandestine collana Generazione-zone Є 8,50

Recensione di Erika Pucci






Recensioni ed articoli relativi a Stefano Lorefice

(1) L'esperienza della pioggia di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(2) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(3) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice - RECENSIONE

Testi di Stefano Lorefice pubblicati su Progetto Babele

(1) C'era una volta l'amore ma ho dovuto ammazzarlo di Efraim Medina Reyes - RECENSIONE

Altre recensioni di Erika Pucci

(1) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice- Il Parere di PB
(2) Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte di Haddon Mark - RECENSIONE
(3) Cosmo Blues Hotel di Stefano Lorefice - RECENSIONE


 

Altre recensioni:





-

dal 2018-09-26
VISITE: 5937


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.