Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    Dopo quindici anni, chiude la rivista Segreti di Pulcinella (ma resta il BLOG) (03/05/2018)    [10/12/2018] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Un racconto da leggere insieme scadenza 2018-12-15    Riscontri letterari scadenza 2018-12-15    Antonio Mesa Ruiz scadenza 2018-12-15    SS. Faustino e Giovita scadenza 2018-12-15    Ritratti di Poesia.280: la poesia all’epoca di Twitter. scadenza 2018-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2018-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    La Rocca dei Poeti - IV edizione Festival di poesia (FESTIVAL 2018-12-15)    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno     Epiphaino di Guglielmo Campione     Nuda Poesia (Poésie Dénudée) di Greta Cipriani    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
48 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
11 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il palcoscenico del secondo ottocento italiano - La signora delle camelie
di Simona Brunetti
PUBBLICATO su SITO


SAGGIO
Esedra 2004
Prezzo € 18 - 211 pp.
Collana Saggi e mat. universitari. Storia teatro
ISBN 8886413688
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 20
Media 76 %


palcoscenico del secondo ottocento italiano - La signora delle camelie;Il

Uno dei più grandi successi teatrali dell’Ottocento fu la Dame aux Camélias di Alexandre Dumas fils (1824-1895), figlio naturale dell’autore di tantissimi romanzi d’avventura, tra cui i Tre Moschettieri.
Non fu l’unico successo di Dumas figlio, che per la vastità e la popolarità della sua produzione si può facilmente paragonare ad un altro famoso drammaturgo francese di fine ottocento, quel Victorien Sardou, autore tra l’altro di Tosca e di Fedora. Per dare un’idea della sua produzione, il “Teatro completo” di Dumas fils comprende dieci volumi, ai quali l’autore consacrò la sua cura amorosa in vecchiaia, rivedendo, correggendo e tagliando dove necessario, un’edizione che uscirà anche in Italia negli anni ’20, tradotta da Massimo Bontempelli. Il suo più grande successo rimane tuttavia quella Dame aux Camélias, scritta d’impeto da una vicenda autobiografica a ventiquattro anni, sotto forma di romanzo, e trasposta come dramma qualche anno dopo. La misura dell’immediata popolarità di questo dramma in Italia può venir offerta da alcuni dati cronologici: la prima della Dame aux Camélias fu il 2 febbraio 1852, la prima traduzione italiana, di Luigi Enrico Tettoni, fu portata sulle scene a Venezia durante l’aprile dello stesso anno 1852, e la prima del notissimo dramma musicale tratto dalla vicenda, la Traviata di Francesco Maria Piave per la musica di Giuseppe Verdi fu, sempre a Venezia al Teatro della Fenice, il 6 marzo 1853. E la popolarità non svanì col tempo, tutt’altro: anche a prescindere dall’immenso successo dell’opera verdiana, il dramma di Alexandre Dumas fils ebbe una serie di trasposizioni, sia per esempio cinematografiche, di cui una notissima interpretata da Francesca Bertini, che teatrali, dialettali e parodistiche, e rimase nel repertorio della maggior parte delle primedonne teatrali fino all’ultimo dopoguerra.
Questi pochi dati vogliono dare la misura della complessità e della molteplicità di aspetti che questo saggio si trova a dover affrontare. Un punto di partenza è la scabrosità del soggetto, la storia dell’amore corrisposto di un giovane, Armande Duval (l’Alfredo Germont della Traviata), per una mantenuta, Marguerite Gauthier (la Violetta verdiana), osteggiato dal padre di lui e reso infelice dalle incomprensioni prima, e dalla malattia e morte di lei per quella tisi, a cui tanto deve, in modo se vogliamo un po’ macabro, la letteratura ed il teatro nell’ottocento. Mantenuta è un modo più elegante di intendere e di vivere la prostituzione della donna, quindi il soggetto era tale da far rizzare sulle sedie i censori dell’epoca, meno agguerriti solo nella (relativamente) più liberale Venezia governata dall’impero asburgico. Sulla scabrosità ed inadeguatezza del soggetto alle scene si appuntano infatti le prime critiche, e su una certa castigatezza, quasi spaventata, da “angelo caduto”, si costruiscono le prime interpretazioni, come quella di Mme Doche fino all’espansione sensuale ottenuta da Sarah Bernhard intorno agli anni ’80 dell’Ottocento, quando già il soggetto diviene più accettabile in società, come nelle stagioni teatrali.
Tra i due estremi angelo caduto-redenzione e peccatrice consapevole-sensualità è facile capire dove fosse il referente letterario della Dame aux Camélias: in quella Manon Lescaut dell’abate Prévost, scritta come tipico romanzo educativo ottocentesco, e divenuta un cavallo di battaglia teatrale ed operistico, fino ai giorni nostri. Poi c’è il rapporto, non meno interessante, tra il romanzo stesso ed il dramma di Dumas fils, con la trasposizione teatrale che avvicina la protagonista, Marguerite Gauthier, ed il suo peccato, al pubblico, con l’autore che deve giocoforza inventarsi altre forme di distanziamento che non siano il narratore del romanzo, ma personaggi estranei alla vicenda, anche una coppia di innamorati, Gustave e Nichette, musica ed inevitabilmente, la stessa meditazione profonda e sofferta di Marguerite sul suo dramma.
In Italia, la meditazione e la sofferenza prese presto il posto della sensualità nell’interpretazione teatrale, pur con qualche significativo sussulto di improvviso calore, memore più che altro del finale del primo atto della Traviata (ah, già, perché in Italia l’opera divenne presto più nota del dramma che l’aveva ispirata) fino alle interpretazioni di Eleonora Duse, che asciugavano la declamazione della protagonista in una progressiva sottrazione di effetti, fino ad un efficace, ed allusivo, spegnimento sentimentale e corporeo sulla scena. Siamo all’epoca del teatro musicale pucciniano, e le parole che appaiono meno significative nel testo sono nello stile della Duse, come nella musica di Puccini, chiamate a rappresentare il tedio, il disagio, in una parola i sentimenti di Marguerite Gauthier, tra i quali non può nascondersi un reale e cocente pentimento, che la morte può solo suggellare.
Un saggio di notevole interesse, quello di Simona Brunetti, che si può leggere sia come un romanzo, specie la prima parte, che procedendo a salti, e tornando volta per volta ad approfondire alcuni parti (e mi sembra di aver chiarito che i piani di lettura sono vari, e profondamente interconnessi). Volevo solo menzionare le splendide foto d’epoca intercalate al testo: personalmente resto con la forte sensazione visiva di Eleonora Duse assorta nella lettura della lettera di Monsieur Duval, che le annuncia che, rinunciando all’amore di Armando, ella ha salvato l’onore di una famiglia, un’immagine molto moderna, con quegli occhi aperti e fissati nel ricordo, in un volto senza sorriso, nello stesso tempo sofferente e meditabondo.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Simona Brunetti

(1) Il palcoscenico del secondo ottocento italiano - La signora delle camelie di Simona Brunetti- Il Parere di PB

Testi di Simona Brunetti pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(2) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(3) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(4) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(5) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(6) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(7) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(8) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(9) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(10) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(11) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(12) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(13) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(14) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
(15) Arca allo sbando? di Enrico Meloni- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-06-01
VISITE: 9046


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.