Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [08/12/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Festival Nazionale di Poesia per e dei Bambini scadenza 2019-12-14    La diversità dell'Italia scadenza 2019-12-20    Concorso Letterario Tre Colori scadenza 2019-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Fonzo di Don pompeo Mongiello     Sembra avere un senso… di Carla Montuschi     Qualcosa è cambiato di Milos Fabbri     The Unknown Victim di John gerard Sapodilla     Identità riservata di Cinzia Baldini    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Mitote
di Patrizio Pinna
Pubblicato su SITO


ROMANZO
Chinaski Edizioni 2004
Prezzo € 10 - 144 pp.

ISBN N/A
Una recensione di Laura Narcisi
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 30
Media 75.33 %


Mitote

All’alba del terzo millennio lo status quo della situazione planetaria è cosa nota. La specie Homo ha bistrattato la natura e i suoi simili a tal punto che il pianeta soffre di piaghe difficilmente risanabili. La lista è lunghissima e va dalla fame nel mondo all’effetto serra.
Il romanzo Mitote di Patrizio Pinna nasce sul fronte di questa consapevolezza e si addentra in un’idea di futuro denso di catastrofi naturali e di autodistruzione umana. L’idea, che è stata sviscerata a fondo e non si presenta più come originale, ha messo alla prova autori di diverse generazioni e richiede soluzioni particolari per dare al lettore un punto di vista che susciti attenzione, prova non del tutto riuscita in questo caso.
La storia prende avvio in un punto distante da noi solo qualche decina d’anni: il mondo come lo conosciamo ormai è compromesso e i sopravvissuti sono costretti a una vita di ripiego sottoterra, un surrogato di scarsa qualità rispetto all’originale. Gli uomini hanno diviso lo spazio in Livelli, vivono in appartamenti e si spostano tra Tunnel respirando aria artificiale e senza aver mai visto la luce del sole, ma l’autore è avaro di dettagli: non sappiamo come sia avvenuta la riorganizzazione istituzionale, sociale ed economica. Esiste ancora una divisione per città, etnie, culture? Quali sono e come sono cambiati i valori, i comportamenti, i sentimenti, a parte un generale scontento? Protagonisti sono cinque amici venticinquenni legati da interessi comuni come il piacere di bere fumare e suonare insieme, che in questo contesto post-atomico innaturale ci sono nati, cinque amici che decidono di dare una svolta alle loro esistenze incolori.
L’accento intollerabile viene posto sul concetto di artificiale e di tecnologico, necessario ma alienante, unico orizzonte conosciuto ma ugualmente percepito come falso. La noia, l’insoddisfazione e il disagio giovanile spingono i ragazzi sulla via della fuga verso un mondo migliore e, naturalmente, proibito e maledetto. Partono con zaini e chitarre (e con qualche incongruenza di genere fantascientifico) verso il pianeta Mitote come per una vacanza esotica e lì trovano la Natura sconosciuta e tanto agognata. Il romanzo a questo punta mescola i generi, trasportando il lettore in pure atmosfere fantasy dove la compagnia di audaci inizia un viaggio in habitat cavalleresco-medioevali di foreste incantate e prove da superare per dimostrare un’elevatura morale degna della Ricompensa.
I nostri eroi si dimostrano all’altezza, degli eletti, in virtù di un poco approfondito “cuore puro”. Il pianeta luna park ha fama di maledizioni e di possessioni per scoraggiare un turismo indesiderato….da parte di chi? Ecco che si scopre che il pianeta non è disabitato come si vorrebbe far credere, ma popolato da una comunità di persone pacifiche che vivono secondo i dettami semplici e vivifici di Madre Natura. Il Vecchio che ne è a capo si propone nelle identiche vesti di Gandalf e accompagna i protagonisti come guida alla Conoscenza e al paradiso che si sono guadagnati. Il finale new age concilia in un abbraccio cosmico il senso e la storia della vita nell’Universo, inneggiando ai valori fondanti dell’amicizia, dell’amore e della pace.
L’intuizione è buona e genuina, ma pecca anche di ingenuità letteraria.
L’idea di fondo per l’intreccio è valida, ma andrebbe sviluppata e arricchita di particolari. La lettura risulta appesantita da una non felice impaginazione e da caratteri troppo piccoli, mentre le descrizioni di luoghi, situazioni, caratteri sono insufficienti, stringate, in certi tratti ci si trova di fronte a un riassunto più che a uno svolgimento.
Il registro linguistico scelto da Pinna è una scommessa: il linguaggio propriamente colloquiale intriso di frasi in codice e gergali, se è vero che è aderente ai personaggi, è anche vero che funziona e diverte solo quando si è all’interno del gruppo e si condivide il vissuto che lo ha costruito. Il lettore ne è per forza di cose escluso. Una battuta, un’espressione tipica, un’intonazione allusiva in un contesto parlato traspaiono difficilmente dalle parole scritte e risultano solitamente forzati.
Si intuisce che Pinna ha inteso concentrare nella sua opera i legami forti che uniscono gli amici, i piaceri che condividono e i desideri di realizzazione comuni a tutti gli esseri umani: lodevole, ma il risultato è una storia un po’ diluita, con poco spessore. Grande, eccessivo spazio è dato al bere wisky, al fumare erba, al ridere di battute con un contraltare di ansie e paure poste ma non giustificate, da una noia imperante, da una generica nostalgia di un passato imparato a scuola, da vecchie canzoni e da uno stile di vita vera agognato ma altrettanto finto: un mondo fatto solo di sole, prati, ozio, banchetti e simposi, meditazione, pace e armonia? Bello, ma un po’ troppo semplicistico.
Il romanzo da comunque voce al disagio delle nuove generazioni, un disagio di sempre anche se per questo non meno reale, e la storia rispecchia il desiderio legittimo di un forse utopico mondo migliore. Ben venga dunque questa risposta letteraria a un’esigenza intrinseca in forma di sogno fantascientifico e fantasy.

Recensione di Laura Narcisi






Recensioni ed articoli relativi a Patrizio Pinna

(1) Mitote di Patrizio Pinna- Il Parere di PB

Testi di Patrizio Pinna pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Laura Narcisi

(1) Mitote di Patrizio Pinna- Il Parere di PB
(2) La Famiglia Winshaw di Jonathan Coe - RECENSIONE


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-01-15
VISITE: 5142


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.