Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [07/05/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    OCEANO DI CARTA scadenza 2021-05-07    Premio Drammaturgico LGBT Carlo Annoni scadenza 2021-05-15    "Giugno di San Vigilio" scadenza 2021-05-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI     Avrò cura di te di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale     Rintocchi di clessidra di Alessandro Del Gaudio     Volevo essere un supereroe della Marvel – vol. 1 di Matsuteia ed E.T.A. Egeskov     Undici Metri - Storie di rigore di Cristian Vitali e Maurizio Targa    La fata nel vento e altri racconti in rosso di Francesca Montomoli    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo     La vera letteratura non è un placebo     Racconti     Il pane di Agostino di Nicola Lo Bianco     Il mostro di Cinzia Baldini     Il vecchio e la piccola Teresina di Manny Mahmoud     Mani di Fata di Jacob Von bergstein     Giorno Quarto di Consolato Mercuri    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie di Edoardo Firpo     Come prima di Maria rosaria Teni     Mio Padre di Giulia Calfapietro     Mistero ( Silloge) di Jacob Von bergstein     Poesie sparse di Leonardo Taverni    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
36 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Venere io t'amerò
di Monica Cito
Pubblicato su PB17


ROMANZO
Giulio Perrone 2005
Prezzo € 11 - 142 pp.
Collana Onde
ISBN 8860040256
Una recensione di Carlo Santulli
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 122
Media 79.67 %



Venere io t'amerò

"Vuoi mettere uno scrittore calmo, non vessato dalla vita, con in testa un'idea precisa di ciò che vuole raccontare ed una come me, che ha dedicato il suo tempo a capire e scrivere una folle biografia?" (p. 140).
E' una frase che, posta quasi alla chiusura del romanzo d'esordio di Monica Cito, "Venere, io t'amerò", punta senza reticenze, ma con una specie di ingenua vitalità, al grande dilemma della letteratura: se si debba raccontare se stessi, e farsi narrazione, o se si debba trascendere la propria autobiografia, e cercare di scrivere altro. In realtà, i due estremi si toccano, e forse si confondono: lasciando libero spazio ai pensieri che vagano su qualunque tema, financo sulla morte, e sulla mancanza di poesia in cui l'abbiamo, modernamente, racchiusa. I morti che diciamo (poeticamente) finire sottoterra, quando invece sono (prosasticamente) rinchiusi sotto una colata di cemento, sono un’efficace metafora dell’apparire, invece che essere, apparire per necessità in quanto schiacciati sotto un giudizio sociale, che non lascia requie né perdono.
C'è una vena trasgressiva in "Venere, io t'amerò" ed una rabbia che sembra sempre sul punto di rompere gli argini della pagina, e di traboccare in un'invettiva piena di livore e, diciamolo, una certa dose di vittimismo. All’altro estremo, c’è anche la dimensione vagamente favolistica, cui Monica Cito non pretende che noi crediamo fino in fondo, ma che, tra demoni troppo umani e moderni e mesi d'invenzione, come ottembre, mese del calendario personale di Luce, ha il risultato di mettere tra virgolette la rabbia e la necessità di esprimere se stessi.
Per questo, non mi piace descrivere questo testo interessante solo in termini di un’esperienza personale di sessualità diversa nell’Italia del sud-est. Piuttosto l’autrice cerca, basandosi su questa sofferenza psicologica e fisica, spesso ai confini della disperazione, di costruire autonomamente il suo romanzo, che superando l’esperienza personale, possa raccontarla realmente. I filtri culturali utilizzati, primo fra tutti una distaccata, a volte acre, ma spesso efficace, autoironia, riescono non a velare la storia, ma a rivelarne il vero significato.
Personalmente, la dimensione trasgressiva di questo romanzo mi colpisce fino ad un certo punto, e stona leggermente, specie nel momento in cui l’autrice vuole denunciare una situazione, la svagatezza e l’assenza di meta precisa che il romanzo alla fine rivela, come in controluce. C’è sì quel senso di soffocamento che pare, in associazione col sole inquieto ed ossessivo dei giorni d’estate, inevitabilmente collegato alla piccola vita di provincia ed alle sue meschinità, familiari e paesane, ma non tutto è nuovo, molte immagini sono nel complesso ben note e quasi stereotipate, e sembra mancare la reale nemesi della protagonista, fortemente autobiografica, ma che resta fluttuante intorno alle sue paure ed alle sue incertezze. Il diario non si evolve, rimane raccolto nella propria natura provvisoria, in attesa di una “bella copia” che non verrà, non ancora. E non verrà perché forse solo lo “scrittore calmo”, di cui si diceva all’inizio, potrebbe produrla: è l’eterno contrasto tra la forza della storia da raccontare, il necessario outing, che non è solo sessuale, ma letterario, e la necessità di riviverla e narrarla a se stessi davanti ad uno specchio, per raggiungere lo scopo che ci si è prefissi. Più in generale, penso che quando l’autrice si sarà “liberata” nella e dalla sua storia, verrà anche quel “primo romanzo” che ella auspica: la capacità di scriverlo mi sembra ci sia tutta, e si coglie senza difficoltà, pur tra le imperfezioni ed a volte le ridondanze di questo “secondo romanzo”.

Recensione di Carlo Santulli






Recensioni ed articoli relativi a Monica Cito

(1) Venere io t'amerò di Monica Cito- Il Parere di PB
(2) La sonnolenza delle cose di Fortuna Della Porta - RECENSIONE
(3) Le vele di Astrabat di Antonio Messina - RECENSIONE
(4) La memoria dell'acqua di Antonio Messina - RECENSIONE

Testi di Monica Cito pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Carlo Santulli

(1) La qualità dei sentimenti di Giampaolo Giampaoli - RECENSIONE
(2) Quei gran pezzi dell'Emilia Romagna di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini - RECENSIONE
(3) Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi- Il Parere di PB
(4) La gallina volante di Paola Mastrocola- Il Parere di PB
(5) Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti- Il Parere di PB
(6) Operazione Arca di Noè di Andrea Coco- Il Parere di PB
(7) Il castello incantato di Emiliano Grisostolo- Il Parere di PB
(8) Cassandra di Laura De Santis- Il Parere di PB
(9) Cuore e acciaio - estetica dell'animazione giapponese di Marcello Ghilardi- Il Parere di PB
(10) La nascita della bellezza - da Bruegel a Basquiat ritratti di un mondo segreto di Maria Grazia Mezzadri Cofano- Il Parere di PB
(11) Sia fatta la tua comicità. Paradise strips di Pietro Pancamo- Il Parere di PB
(12) Le parole e la pietra di Fabio Clerici- Il Parere di PB
(13) I traditi di cefalonia - la vicenda della divisione Acqui 1943-1944 di Paolo Paoletti- Il Parere di PB
(14) Alloggio vista mare di Cesarina Bo- Il Parere di PB
(15) Geules Noires (Musi Neri) di Monica Ferretti- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2005-12-10
VISITE: 8270


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali