Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [28/10/2021] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
40 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

I sessanta nomi dell'amore
di Tahar Lamri
Pubblicato su SITO


ROMANZO
Fara Editore 2005
Prezzo € 15 - 180 pp.
Collana Imprinting
ISBN 8887808872
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 128
Media 79.77 %



sessanta nomi dell'amore;I

Quando ci viene chiesto:” Da un po’ di tempo a questa parte, ti vedo strano. Non sarai per caso innamorato?”. Abbozziamo una risposta, masticando un:” perché, si vede?”.

Si, si vede. Come si vede nascere, crescere, svilupparsi il sentimento d’amore, tra i due protagonisti del libro di Lamri.

L’amore fondato sul colore degli occhi, saziato dalla voce di chi si ama, riconosciuto nel contatto della pelle, diventa arte.

Una “joie de vivre” che supera la finitezza delle barriere erette dagli sms, per andare a cogliere quegli aspetti della vita che ne permettono la preservazione dalla stanchezza, dall’abitudine, in uno slancio verso un nuovo rischio, nuovi palpiti, nuovi occhi.

Scriveva Neruda in Estravagario :” io sono il miele dell’amore/nella dolcezza vespertina”.

Amore pieno, senza confini, in un clima a volte di leggenda, a volte scoperto in un paesaggio trafitto di stelle, inquietato dal vento. Lamri ci permette di fare questo viaggio, partendo da uno dei tanti sinonimi arabi, della parola “amore”.

Avvertiamo l’infinita dolcezza che nasce da “ alaqa”, legame amoroso, affetto. O da “balabil”, tormento; “chagaf”, desiderio, “ikti’ab”, melanconia, fino a “widd”, purezza e delicatezza del sentimento amoroso e di amicizia.

I due protagonisti, Elena e Tayeb, intersecano con sincera voluttà, tutti i percorsi, tutte le strade dell’amore.

Diventano carne l’uno dell’altra, e viceversa.

Quella carne che fa quasi urlare, nel primo racconto, al viaggiatore che Jean-Marie incontra in aeroporto:” Frottole. Ideali. Noi dovevamo stare con ‘Europa…! Poi quale libertà? Un milione e mezzo di algerini morti per niente, e i partigiani trattati così male!”.

L’a-eroismo di Akli è probabilmente dettato più dal desiderio di apparire, che dalla necessità di essere.

Questo suo atteggiamento, però, gli fa considerare la situazione in cui si trova Jean-Marie, tanto da invitarlo a casa del fratello, a trascorrere la notte.

E’ il gesto che riunisce e stempera l’amarezza di quell’affermazione, un riconoscimento simbolico dell’odissea eterna dell’umanità alle prese con il suo lavoro di smobilitazione dell’irrazionale nell’acquisto di una felicità perduta, che è il segno di una solidale testimonianza di tutti.

I sessanta nomi dell’amore non è solo un romanzo: è una proposta etica di fattiva collaborazione umana, nella destituzione dal dominio generativo ed oppressivo del negativo.

Il confronto vita-morte si incastona in una solida organizzazione simbolica, dove la disposizione vitale, messa quasi in sordina, si mostra subito lacerante al primo impatto della coscienza con la realtà compiuta del “male”.

La solitudine dei personaggi dei racconti, secerne da se stessa una sofferenza che prolunga sugli altri l’ombra scura dell’esilio. Così aperta allo scacco, la coscienza smaschera la sua arroganza invalicabile di una finitezza che è l’orizzonte inamovibile del suo essere-con-gli-altri.

In questo riconoscersi, si delinea lo schema della lotta, sotto qualsiasi forma essa si manifesti, intesa come comunicazione vivente, per diventare simbolo-portatore di una progettualità che è l’interno dell’essere-umano di ogni personaggio del libro.

Non c’è una pretesa verticale o una finalizzazione prospettica: il “vivre au jour le jour” rifonda l’interezza di un’opera che questi personaggi ri-propongono ad ogni azione, ogni parola.

Il racconto di manifesta, ad ogni pagina, unitario nei toni, amalgamando biografie tracciate lungo i binari dell’etere, e narrazione di episodi densi di sorprendenti fatti, della propria terra di origine.

Lamri non espunge volontariamente i suoi messaggi dal contesto-altro narrativo. Anzi. Compie un’opera di sapiente cucitura, imbastendo un ordito dialogante, che trova facilmente luogo nella mente di chi legge.

Si subisce il fascino di un insieme di fatti, personali e non, tendenti al recupero di un linguaggio della memoria che l’autore tenta, riuscendovi, di non disperdere lingo i viaggi che lo hanno portato lontano dal suo paese.

Episodi, parole, tutti legati da una sola esigenza: creare effetti di distanza e profondità. Festina lente!

L’intero scenario dei racconti, e del libro nella sua totalità, si materializza sotto gli occhi del lettore mostrando una serie di personaggi, i loro pensieri, le loro abitudini, i discorsi, trafitti da quella natura terragna che non vacilla, nemmeno di fronte a quelle intimità incomprensibili per noi, ma comprensibili per quelli che fanno diretta esperienza di quel modo di vivere, di quelle contraddizioni, persino dei ritardi di quel mondo. Cha’af, Futum, Ghamarat, Jawa.

Le molte cose che noi, lettori europei, non comprendiamo di quelle popolazioni, di quel paese, no le comprendiamo perché probabilmente fra noi e l’intima anima di quella gent, si frappone un velo che non si è saputo sollevare.

Si dileguano, così, come polverizzate le carte dei viaggiatori, magari di quelli illustri, assillati da un’idea, da un atteggiamento di precomprensione, più che altro legati ad aspettative culturali stereotipate, o ad una classicità ormai trascorsa.

L’intreccio continuo tra i due livelli, narrative e para-mediatico, rende più complessa l’immagine dei personaggi, ed è un’incessante mise en abime, un affascinante batti e ribatti tra recupero delle tradizioni e aperto abbraccio alla modernità.

Un romanzo che è vita, una vita che è un romanzo.

La voce dell’affabulatore, la sua fantasia, rinsalda, inventa a volte, fonde, arricchisce i ritratti, le vicende, restituendo particolari, dettagli odorosi d’incenso, di strade bagnate, di viali assolati, una “tatayumm” che accompagna il lettore tenendolo per mano.

Soltanto l’anima può leggere certe pagine.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Tahar Lamri

(1) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB

Testi di Tahar Lamri pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2006-03-24
VISITE: 13441


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali