Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [24/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
View Redazione Babele's profile on LinkedIn
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
31 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Tre semplici sconosciuti
di Andrea Franco
PUBBLICATO su SITO


RACCOLTA DI RACCONTI
Michele di Salvo 2005
Prezzo € 4 - 36 pp.

ISBN 8889000902
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 43
Media 81.4 %


Tre semplici sconosciuti

“ Esserci, il tempo, la bellezza, la morte, l’umanità, il conoscere”, momenti fondamentali dell’esistenza.

Un viaggio, un percorso, una “recherche” proustiana nella sua architettura narrativa, ma resi fortemente personalizzati dall’autore.

Sei racconti brevi, intensi, a tratti sconvolgenti per le vicende descritte.

Non ritengo si possa partire dal primo dei racconti, “Colori”, e compiere tutto il percorso che Franco ci indica, per giungere fino all’ultimo suo racconto, “Tre semplici sconosciuti”.

Troppo semplice, troppo riduttivo. Dal primo, fino all’ultimo un solo tema: la ricerca.

E questa può essere dei tre colori che compaiono dalle prime pagine del libro; attraversa con curiosità infantile le mattane di un vecchio; si perde tra le fredde lapidi di un cimitero.

La si può raffigurare col dolore per un male incurabile, per poi lasciarla frantumare in mille ricordi. Ma non è il dolore per un amore finito, per una storia conclusa. Quelle sono ferite che sanguinano per tanto tempo, ma alla fine una cicatrice, con il suo lungo sorriso, ricorda che la vita continua.

Quella vita che si consuma, si spezza fra il lerciume di una baracca e l’ignobile presenza di due miseri individui, che raccolgono quel che resta di una esistenza violata, e ne fanno mostra come fosse un trofeo di guerra.

L’imbuto di tutte queste varie esistenze, si restringe e viene fuori così l’ultimo racconto che si snoda tra i movimenti che il vento fa fare alle tovaglie di carta bianca e blu, stese sui tavolini, e i tre personaggi, solo in apparenza singole figure silenziose del racconto, ma sicuramente archetipi di tutta un’umanità legata, connessa in un reticolo di rapporti interpersonali, dai quali non può staccarsi.

E la ricerca, dov’è? Sono tutti eroi, questi personaggi? Forse. La vita non ha bisogno di eroi, ma di persone che ne sappiano capire fino in fondo il suo significato.

E’ bene ricordare ciò che Camus scrisse a proposito del libro di Sartre, la Nausea:” senza bellezza, amore o pericolo, vivere sarebbe effettivamente troppo facile”.

Era il tempo del secondo dopoguerra, quando l’esistenzialismo appariva come il riflesso più fedele o l’espressione più autentica della situazione d’incertezza della società europea, dominata ancora dalle distruzioni materiali e spirituali della guerra, e incertamente avviata verso una ricostruzione difficile.

Verso quella ricostruzione, si avviano i personaggi di questi racconti. Ognuno di loro è intriso di una consapevole, sobria compiacenza,e si mostra ben determinato a rivelare qualcosa di sé, del suo passato, del suo presente, e forse anche del suo futuro, con lo scopo di orientare il lettore.

“ Nulla dies sine linea”, nessun giorno senza scrivere nemmeno una riga, dice Sartre di se stesso.

Nella seduzione del segno, a volte nascosto, altre volte no, risiede l’incanto di un’esistenza che si impenna in un tocco di colore, si avvita su se stessa nel ricordo doloroso, si denuclea fino a liberare pezzi incandescenti di una materia vitale, che investe ogni rapporto umano, rivelandone la sua essenza.

La stessa violenza (v.” la forma del pensiero”), anche se descritta con efficacia, non si presenta come una grumo inossidabile di sofferenza, ma si muove verso chi legge, invitandolo a trovare la bellezza – alias sollievo. E mentre con l’occhio cerchiamo la sicurezza in un gesto liberatorio, in una cessata minaccia, il pensiero ha la forma conosciuta di una strada, la luce di un caldo pomeriggio di dicembre.

Tutti i personaggi di Franco vivono, soggettivizzandola, la loro “rivolta”, significando con questo la presenza di un piano solitario dell’azione del soggetto per la sua conservazione, riconoscendo una sorta di deificazione della lingua, con la quale si esprimono.

Tutto il resto del corpo è di una fissità innaturale, per cui ne vanno denunciati i processi mistificatori su cui avviene l’abiezione del destino umano.

Dalla pittrice e il ragazzo a Riccardo il pazzo, a Gabriella e Chiara, a Chiara e all’avvenente ragazzo del cinema, fino al ragazzo della cravatta, il risultato è quello di scorgere in ognuno di essi un “ritorno”, non nel senso di un assorbimento totale dell’essere nel tutto, che smarrirebbe così la sua identità originaria; ma nel senso di un ri-trovamento, di una condizione di semplicità, uno stato di equilibrio e costanza che l’essere stesso reca in se, come segni della sua originaria “naturalità”.

Forse questa loro originaria naturalità, esprime l’apertura verso la realizzazione di ciò che è in loro di inattuato? Certo è che la capacità di Andrea Franco di collocare i personaggi in vicende differenti di una storia comune, indirizza il lettore a ritrovare nell’idea letteraria dell’autore, la presenza suggestiva di una fecondità straordinaria: il carattere irrequieto di una realtà che pone e ricompone la sua crisi, determinando “paradossi”, “scandali”, e probabilmente la sconfitta degli altri. Mentre i protagonisti si lasciano trasportare verso un approdo ontologico della coscienza.

Quei personaggi possono subire effettivamente la degradazione per colpa dell’organizzazione sociale fino al punto di farli cessare di esistere.

Ma il rifiuto che questi oppongono, quasi una via rivoluzionaria che porta alla liberazione, lascia scorgere che tale soluzione rivoluzionaria presuppone una misura umana che la fonda.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Andrea Franco

(1) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(2) L'orrore dietro l'angolo di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(3) N.O.I.R. - Quindici passi nel buio di A.A.V.V. a cura di Andrea Franco - RECENSIONE

Testi di Andrea Franco pubblicati su Progetto Babele

(1) Vita Segreta di uno Scrittore di Gialli di Enrico Luceri - RECENSIONE
(2) Onde di buio di Andrea Franco - RACCONTO
(3) Il sangue malvagio di Praga di Andrea Franco - RACCONTO
(4) Morte di un combinato di Andrea Franco - RACCONTO
(5) Turandot: croce e delizia dell'opera italiana di Andrea Franco - ARTICOLO
(6) Dream di Andrea Franco - RACCONTO
(7) Occhi di Andrea Franco - RACCONTO

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2005-09-02
VISITE: 5318


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.