Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

L'ottavo giorno della settimana
di Roberto Stranieri
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Coedit 2004
Prezzo € 10 - 70 pp.
Collana Prime righe
ISBN
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 30
Media 75 %


ottavo giorno della settimana;L'

Dopo la lettura de “ l’ottavo giorno della settimana”, si potrebbe essere tentati dal dare della sociologia sul fenomeno del disagio sociale, in tutte le sue articolazioni e in tutte le sue manifestazioni più p meno palesi. Sarebbe troppo facile.

La periferia, l’anonimato, l’insofferenza sarebbero tra gli argomenti principe, e si finirebbe inevitabilmente per avere un quadro fin troppo definito di ciò che l’autore ha voluto cogliere con immediatezza, con garbo, suscitando in chi legge una sana, feconda curiosità.

L’ossimoro che balza agli occhi leggendo il titolo, spinge ad una visione a-temporale del tempo, ma non per questo non induce ad una serie di riflessioni sull’uso che se ne fa di esso, quando si srotola lungo situazioni esistenziali ben definite.

Ecco che il tempo diviene struttura della possibilità e della progettazione. Anche se non viene espressamente detto, il tempo, e la sua ottava scansione, hanno circondato i protagonisti, di primo e secondo piano, delle storie narrate.

I minuti passano, le ore si assommano e cresce questa massa scura che è il tempo.

“ Extensio animae”, diceva Sant’Agostino. “ Il tempo è invenzione, o non è niente”, affermava Bergson.

Ho scritto di visione a-temporale del tempo, perche in questa antinomia si colloca il vasto circo dei personaggi:”Beatrice, trent’anni e non sentirli…trent’anni e mostrarne cinquantasei…”. L’indecisione dei tre ragazzi,”…era mezz’ora che i tre ragazzi dell’albergo uscivano e rientravano dal balcone…”.

Fabrizio e il suo tempo scandito dai furti, l’arresto, la galera, la libertà. E il BMW, con le gomme consumate dall’asfalto.

E poi, Antonio e Maria,”…quattro occhi che hanno visto tutto insieme e continuano a farlo…”.

L’avvocato Giancarlo e il suo strozzino, protagonista quest’ultimo, di un “…passaggio veloce che fece da bambino a bastardo inutile”.

Tutti vivono il loro tempo, e il loro disagio, in una società che ha prodotto una sorta di ideologia della crisi; un’ideologia dell’emergenza, che pervaso, insinuandosi, le forme pubbliche e gli starti più intimi di ognuno di noi.

Ecco che il tempo modifica un aspetto della cultura di una società, quello che Benasayag e Schmit hanno chiamato la trasformazione del “futuro-promessa” nel suo contrario, “ il futuro-minaccia”.

Questo stato di tensione, spinge la coscienza ad una continua, penosa oscillazione tra “indifferenza” e “ rifiuto”.

Si polarizza, così, in maniera irriducibile il processo temporale, in una dicotomia esistenziale tra giusto e sbagliato, o per dirla con Camus tra “l’envers e l’endroit”.

Una figurazione assurda si snoda lungo tutti i racconti, facendo indossare ai protagonisti gli abiti della ribellione irriducibile, dell’indifferenza dell’esistere, della pietrificazione della coscienza.

Si sedimentano situazioni drammatiche in una evidenza di guerra di tutti contro tutti. Tutti colpiti dall’urto violento dell’uomo contro la storia, in una più matura e decisa consapevolezza della propria condizione umana.

I personaggi si muovono su un impianto narrativo scorrevole, pur nella densità delle vicende, e raccolgono attorno a sé i colori, ora tenui di una iniziale storia d’amore in procinto di svanire, ora le tonalità accese, vibranti, passionali di storie che aprono voragini in ognuno di loro.

Per assurdo, proprio in ognuno di loro, vi è la consapevolezza che la stessa vita ha in sé qualcosa di miracoloso; e il miracolo consiste nel ghermire il reale e di trasfigurarlo, per poi racimolarne, tramite un’autonoma capacità di conoscenza, pochi brandelli di memoria.

Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Roberto Stranieri

(1) L'ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB

Testi di Roberto Stranieri pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-11-10
VISITE: 5803


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.