Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    PB Presenta Il vecchio della montagna di Grazia Deledda - Letto da Carmelo Caria (13/02/2022)    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    [02/12/2022] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Lembi di anima di Elisabetta Santirocchi     Sfida di Elisa Negri     Libero di Elisa Negri     Noi non ci bastiamo di Rosa Notarfrancesco     In punta di piedi di Paola Ceccotti    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
8 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

L' ottavo giorno della settimana
di Roberto Stranieri
Pubblicato su PB15


Anno 2004- Coedit
Prezzo € 10- 70pp.
Collana Prime righe
ISBN

Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 312
Media 81.19%


Dopo la lettura de “ l’ottavo giorno della settimana”, si potrebbe essere tentati dal dare della sociologia sul fenomeno del disagio sociale, in tutte le sue articolazioni e in tutte le sue manifestazioni più p meno palesi. Sarebbe troppo facile.

La periferia, l’anonimato, l’insofferenza sarebbero tra gli argomenti principe, e si finirebbe inevitabilmente per avere un quadro fin troppo definito di ciò che l’autore ha voluto cogliere con immediatezza, con garbo, suscitando in chi legge una sana, feconda curiosità.

L’ossimoro che balza agli occhi leggendo il titolo, spinge ad una visione a-temporale del tempo, ma non per questo non induce ad una serie di riflessioni sull’uso che se ne fa di esso, quando si srotola lungo situazioni esistenziali ben definite.

Ecco che il tempo diviene struttura della possibilità e della progettazione. Anche se non viene espressamente detto, il tempo, e la sua ottava scansione, hanno circondato i protagonisti, di primo e secondo piano, delle storie narrate.

I minuti passano, le ore si assommano e cresce questa massa scura che è il tempo.

“ Extensio animae”, diceva Sant’Agostino. “ Il tempo è invenzione, o non è niente”, affermava Bergson.

Ho scritto di visione a-temporale del tempo, perche in questa antinomia si colloca il vasto circo dei personaggi:”Beatrice, trent’anni e non sentirli…trent’anni e mostrarne cinquantasei…”. L’indecisione dei tre ragazzi,”…era mezz’ora che i tre ragazzi dell’albergo uscivano e rientravano dal balcone…”.

Fabrizio e il suo tempo scandito dai furti, l’arresto, la galera, la libertà. E il BMW, con le gomme consumate dall’asfalto.

E poi, Antonio e Maria,”…quattro occhi che hanno visto tutto insieme e continuano a farlo…”.

L’avvocato Giancarlo e il suo strozzino, protagonista quest’ultimo, di un “…passaggio veloce che fece da bambino a bastardo inutile”.

Tutti vivono il loro tempo, e il loro disagio, in una società che ha prodotto una sorta di ideologia della crisi; un’ideologia dell’emergenza, che pervaso, insinuandosi, le forme pubbliche e gli starti più intimi di ognuno di noi.

Ecco che il tempo modifica un aspetto della cultura di una società, quello che Benasayag e Schmit hanno chiamato la trasformazione del “futuro-promessa” nel suo contrario, “ il futuro-minaccia”.

Questo stato di tensione, spinge la coscienza ad una continua, penosa oscillazione tra “indifferenza” e “ rifiuto”.

Si polarizza, così, in maniera irriducibile il processo temporale, in una dicotomia esistenziale tra giusto e sbagliato, o per dirla con Camus tra “l’envers e l’endroit”.

Una figurazione assurda si snoda lungo tutti i racconti, facendo indossare ai protagonisti gli abiti della ribellione irriducibile, dell’indifferenza dell’esistere, della pietrificazione della coscienza.

Si sedimentano situazioni drammatiche in una evidenza di guerra di tutti contro tutti. Tutti colpiti dall’urto violento dell’uomo contro la storia, in una più matura e decisa consapevolezza della propria condizione umana.

I personaggi si muovono su un impianto narrativo scorrevole, pur nella densità delle vicende, e raccolgono attorno a sé i colori, ora tenui di una iniziale storia d’amore in procinto di svanire, ora le tonalità accese, vibranti, passionali di storie che aprono voragini in ognuno di loro.

Per assurdo, proprio in ognuno di loro, vi è la consapevolezza che la stessa vita ha in sé qualcosa di miracoloso; e il miracolo consiste nel ghermire il reale e di trasfigurarlo, per poi racimolarne, tramite un’autonoma capacità di conoscenza, pochi brandelli di memoria.


Una recensione di Salvo Ferlazzo



Recensioni ed articoli relativi a Roberto Stranieri

(0) L'ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB

Recensioni ed articoli relativi a Salvo Ferlazzo

Nessun record trovato

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(9) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(10) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB



Altre recensioni:







-

dal 2004-11-10
VISITE: 7347


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali