Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [21/07/2019] 3 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Profumi di Poesia scadenza 2019-07-21    Premio Svicolando scadenza 2019-07-29    UN MONTE DI POESIA scadenza 2019-07-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival dello Scrittore - l format, o meglio l’idea base, rimane la stessa: mettere a confronto Autori che abbiano pubblicato un libro con il pubblico (EVENTO 2019-07-21)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.    Racconti     La prima e ultima volta che partecipai a un raduno di scrittori litweb di Mauro Moscone     Severino Pollini, biologo estremista di Manuela Castaldi     La Gazza Ladra di Catia Capobianchi     Una pera in bottiglia di Dario Anelli     Ritorno al Moccagatta di Teodoro Lorenzo    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Arretrati
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
22 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La marina del mio passato
di Alejandro Torreguitart Ruiz
PUBBLICATO su SITO


ROMANZO
Il Foglio 2003
53 pp.

ISBN
Una recensione di Salvo Ferlazzo
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 37
Media 76.76 %


marina del mio passato;La

Il libro di Torreguitart Ruiz riesce a cogliere un aspetto della condizione umana da una prospettiva diversa, nella quale si trova immerso l’uomo in rivolta contro l’assurdità, la sofferenza, l’ingiustizia. In questa sua attività iconoclasta, egli si sforza di creare un valore morale fondato su un’idea: l’integrità dell’individuo che si muove lungo un percorso che è politico, morale, emozionale, legato più ai ricordi che alla memoria, perché è lui stesso la memoria.
Intanto parte da una constatazione “ Ma vivere si sa, non è come pescare. Non ci sono trucchi e tecniche infallibili, non ci sono esche da dosare e lenze da tendere con particolari accorgimenti”.
Il libro non è un pamphlet sull’esistenzialismo. E’ un diario dell’esistenza che in maniera sinuosa, si muove tra un presente che deideologizza l’atteggiamento remissivo di un io narrante, che non può lasciare la rivolta dell’esistente a una vuota tensione che ripete se stessa; e un passato fatto di miseria e umiliazione che è la preparazione di uno spirito di rivolta contro l’ingiustizia sociale.
“ Solo pesca e piccoli commerci. Affari da un dollaro la libbra con vecchi stranieri che dormono e mangiano in posti da trecento dollari al giorno”.
Il pescatore è la forma stessa della vita. Lui ha scelto. Compie l’atto di riappropriazione del mondo, come dimora esclusiva della coscienza.
Come allo stesso modo scelse la vita del ribelle per “ sopravvivere, non per la rivoluzione”.
Egli vive questa rivoluzione, e la vittoria finale, non come un fattore di modificazione dei vecchi dogmi, cui contribuiscono l’impegno, l’atteggiamento di lotta del guerrigliero, ma piuttosto come una cesura tra il passato trascorso sui monti e il presente che lo vede nella sua casa”…protesa davanti a Miami”. E Miami non si vede, perché gli Stati Uniti sono lontani. Irraggiungibili.
I giochi dei fanciulli scoprono l’America nel mito dei cowboys e degli indiani, con quest’ultimi che rimangono confinati nelle riserve, sconfitti, ma fieri del loro passato.
Ebbene, il pescatore ha anche lui la sua riserva: è la sua casa. Quella casa dalla quale lui non si è più mosso da quando ha conosciuto Clara.
In lei ha creduto. Per lei ha vissuto. Con lei ha diviso tutte le sue giornate, mentre si affacciavano sul mare del loro presente. Vivono con loro le forme e i colori di quel mondo racchiuso dall’oceano, le palme, le mangrovie salmastre, il cielo.
Paradossalmente la morte di Clara si muove all’interno del personaggio-pescatore su due livelli apparentemente contrapposti: come fatto individuale, che gli assicura, temporaneamente, la certezza della sopravvivenza, e come fatto apocalittico legato alla contingenza umana, che assorbe l’aspetto negativo dell’esistenza.
L’esistenza si ancora disperatamente al ricordo amaro, che fa male al cuore, e il suo ricordare è quasi una certificazione dell’abisso tra l’essere e il mistero.
In questo abisso il pescatore trova la sua Guernica.
La disperazione dell’uomo-padre (…Un figlio maschio, che dopo mi avrebbero ucciso in Angola) è il margine estremo cui costringe la dolorosa sensazione fisica di aver perso un figlio in un paese lontano da quella terra che adesso ne giustifica l’appartenenza.
Così come ne giustificò l’appartenenza a quelle dottrine infallibili che, disordinatamente, portavano all’inevitabile miglioramento del genere umano, sotto il controllo ossessivo dell’istituzione, in una esibizione arbitraria del “politico” nella realizzazione di tutti gli ideali di giustizia e libertà.
Il pescatore comprende, nella sua semplicità, che i due termini della rivoluzione, per quanto antinomici, sono stati pressoché neutralizzati da due pericoli: una “pretention a l’eternel” che lo costringe all’accettazione di un valore sovrumano che vuol dire tacere, o divenire null’altro che “il portavoce o l’eco della divinità” (…ribelle per sopravvivere, non per la rivoluzione); il secondo è il pericolo del realismo politico con il quale si giustifica la menzogna, la crudeltà nonché l’assassinio degli oppositori, ma che in lui diventa ricerca di emozioni antiche (…io ritornai su quei monti a caccia di traditori. Non per la patria o per Fidel, ma per me stesso).
Per un attimo la coscienza-pescatore riprende la dimensione di una coscienza che offre una costruzione privata della felicità, la quale smaschera l’identità dello Stato (…allora lavoravamo tutti per lo stato, perché credevamo…), per ritrovare la propria identità nella lotta.
Una lotta che è la prosecuzione, in antitesi, di quella sulla Sierra, al fianco di Camillo, padre per caso, dove il pescatore mette alla prova la sua individualità in uno scontro radicalizzato, nel tentativo di sottrarre il suo “personale” ad una esistenza totale.
Il binomio inscindibile, pescatore - Clara, trova la sua prassi creativa, che è bellezza e felicità “…in quello scorcio di mare davanti al nostro passato”.
Il rovesciamento concettuale del mare del “nostro presente” in quello del “nostro passato”, è la certezza di una vita che scarnifica la massiccia presenza della solitudine fino a stemperarne i colpi in una identificazione con il dolore di Clara.
Nella tragica dialettica di una conoscenza che espande il concetto di amore, se ve ne fosse bisogno, oltre l’evento di una duplice morte, il pescatore e Clara si ricongiungono contro l’assurdo. L’epilogo tragico, inevitabile, sollecita questa riconciliazione.
Il libro di Torreguitart Ruiz coinvolge interamente mentre attraversa il nostro agire e il nostro pensare, de-ideologgizzando i simboli rivoluzionari, ma diventando esso stesso rivoluzionario, integrando momenti di mediazione collettiva con momenti di una soggettività immanente, seguendo il ritmo di un mare che accompagna i nostri passi verso il domani.
La dialettica vita-morte si snoda lungo un percorso esistenziale le cui coordinate sono: “uccidere o
morire”, come prova che la scelta ideologica consequenziale ha, sul piano effettuale, la morte. Egli diventa assassino, non giustiziere.
Per questo egli esce dalla “storia”, ed entra nell’”uomo”.
Riappare, così, nella sua veste, prima improponibile, di soggetto che rinuncia all’appagamento del “proprio” politico, per acquisire quella comunione dell’”essere” in una mediazione emotivo-passionale, che, anche se mutilata, simboleggia la certezza di un valore umano inesauribile.


Recensione di Salvo Ferlazzo






Recensioni ed articoli relativi a Alejandro Torreguitart Ruiz

(1) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(2) Adiós Fidel. All’Avana senza un cazzo da fare di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB

Testi di Alejandro Torreguitart Ruiz pubblicati su Progetto Babele

(1) La lancita di Regla di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO
(2) Il chulo di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO
(3) Juntos de Nuevo di Alejandro Torreguitart Ruiz - RACCONTO

Altre recensioni di Salvo Ferlazzo

(1) Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali - RECENSIONE
(2) La vigilia di Natale di Maurizio Bassani- Il Parere di PB
(3) Le vie dei ritorni di Luciana Caranci- Il Parere di PB
(4) Quando i media staccano la spina di Gilberto Mastromatteo- Il Parere di PB
(5) La marina del mio passato di Alejandro Torreguitart Ruiz- Il Parere di PB
(6) Non si sa mai di Donatella Placidi- Il Parere di PB
(7) Il ghiaccio nei tubi del verderame di Tito Ettore Preioni- Il Parere di PB
(8) L' ottavo giorno della settimana di Roberto Stranieri- Il Parere di PB
(9) Tre semplici sconosciuti di Andrea Franco- Il Parere di PB
(10) I sessanta nomi dell'amore di Tahar Lamri- Il Parere di PB
(11) Il confine invisibile di Alfio Cataldo Di Battista- Il Parere di PB
(12) Transit di Abdourahman A.Waberi- Il Parere di PB
(13) La collezionista ovvero la Sindrome di Babbo Natale di Chiara de Luca- Il Parere di PB
(14) Mai - Linkami l'immagine di Leonardo Marini - Carmine De Falco- Il Parere di PB
(15) Di mostrare le cose a parole di Giovanni Di Muoio- Il Parere di PB


 

Altre recensioni:





-

dal 2004-01-22
VISITE: 5727


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.