Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [04/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Indomite
di Simona Friuli
Pubblicato su SITO


RACCOLTA DI RACCONTI FANTASY
Vocifuoriscena 2020
Prezzo € 14,00 - 190 pp.
i Ciottoli
ISBN 9788899959326
Una recensione di Peter Patti
VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 1
Media 100 %



Indomite

Un libro scritto come per compulsione, per spinta interna, per un urgente bisogno di dire ogni cosa, di dire tutto, su tutte. 

Ecco l’incipit:

Nel rosso finisce; nel verde comincia. C’era regno da abeti scudato e da bosco, diceria portentosa a teatro di maleficio additandolo - tempo, tempo fa. La radura lenta tra euforbia e abrotano contenne castello e macerie, e una scarpetta che dorme il suo sonno di cosa. È della Cuore di Brace, nata in maggio, giorno di rosso, e questo, lettore, successe.

La polposa levatrice del borgo colonnati traversa e in bosco conduce la principessina: tenendola contro il petto, a mano ripara la tenera testa. Il re ha radunato i cani; suonano i corni da caccia. Esibito il fagotto fa, il padre, Che bella!, come ogni altro orgoglioso. La ’mammana’ è affabulatrice: cantilenando lo instupidisce nodoso e curvo com’è, pittorescamente ’sulla testa dei figli’ giurando che mai una ne nacque così. Il re cacciatore in solluchero va; i cavalli ciechi condotti nell’intrico del bosco, nitriscono dagli spiriti punti. Su un larice  il ceppo - distrazione fatale - quella donna, neonata dimentica. La leccherà, frusta, il sangue e la carne.   

Mi capita di leggere ultimamente sempre più libri che vogliono essere espressione di modernità e tentano di riuscirci tramite un linguaggio che pretende di farsi classico tralasciando le norme dello scrivere comune, banale (insomma: tramite la scelta di parole e sintassi complicate, con l’inserimento addirittura di arcaicismi) oppure affrontando temi apparentemente scabrosi; e dico apparentemente giacché oggi niente più potrebbe sul serio scandalizzarci.

Il romanzo di Simona Friuli (attenti: sono io a chiamarlo romanzo) fa parte della prima categoria. Va letto cercando di non lasciarsi irritare e di non lasciarsi frenare dal linguaggio, concentrandosi, viceversa, massimamente sulla storia. Sulle storie, al plurale, che comunque possiamo considerare tutte assorellate e costituenti un’unità. 

Per la maniera di porsi verbalmente, possiamo affermare che si tratta di un nuovo Quer pasticciaccio brutto... che però, al contrario del capolavoro gaddiano, non si appoggia su dialettismi, bensì solo sull’italiano. E ’che’ italiano!

Indomite, come suggerisce il titolo, è un libro che vede come protagoniste diverse figure femminili. Giovani ancora, e ribelli. Di coscienza forte, almeno molte; vere e proprie sorores selvagge. Sebbene, a conti fatti, ci siano, in questa galleria di ritratti, un bel po’ di principesse... principessine alcune. Poiché crescono in una cornice comoda, almeno materialmente. Hanno a disposizione il bosco, una reggia... e chi è strega (agli occhi di se stessa) sembra voler solo giocare a ricoprire quel ruolo. Anche perché le streghe, almeno da noi, non finiscono più al rogo.

Abbiamo a che fare con una scrittrice assai brava e talentuosa - lo si capisce immediatamente -, un’autrice padronissima del vocabolario materno, ma il lettore che cerca svago immediato reputerà di certo che Simona Friuli giochi troppo con le invenzioni linguistiche, tanto che ciascun periodo occorre leggerlo più volte per capire fino in fondo cosa voglia dire. Se le invenzioni fossero sparpagliate qua e là nel testo, sarebbero ben digeribili; ma lei riempie ogni frase con questi accostamenti audaci di aggettivi e sostantivi e con queste costruzioni sbilenche, rivoltando a bella posta la formulazione... È come se avesse usato la lingua a noi nota per formare, inventare, un nuovo codice idiomatico. La prosa non è malaccio in realtà (bisogna capire la musica, addentrarvicisi, senza soffermarsi eccessivamente sulle singole sincopi) ed è più prova che indizio, appunto, di abilità narratologica. Tuttavia può risultare pesantuccio, il tutto. Le sensazioni qua e là arrivano, sì, gli stimoli a voltare pagina, a procedere oltre, ci sono. Le visioni che vengono richiamate da tali funambolesche invenzioni sono un po’ paragonabili a quelle che si hanno leggendo i romanzi di Günter Grass (spesso imbottiti di barocchismi; anzi, uno di quei romanzi è assai simile a tale modo di raccontare: si tratta de Il rombo, del 1977) o magari dalla lettura di certi libri di Gabriel Garcia Márquez. Ripeto, però: il lettore meno ferrato, o che vuole andare veloce, penserà che Simona Friuli esageri. 

Prendiamolo comunque per quello che è: non una furba operazione editoriale concepita “in team”, ma un interessante prodotto letterario, sortito da una fucina privata. Cosa rara, ormai.

Dunque: ai bordi di ciascuna rappresentazione pittorica al femminile, si affacciano ogni tanto degli uomini, amanti o aspiranti amanti. Ma paiono - e sono - stereotipi, con tanto di aspetto e comportamento grotteschi, da fiaba (sono non principi ma orchi, per lo più). 

Ecco: se leggiamo il libro, se leggiamo questa serie di racconti più o meno concatenati, come se si trattasse di fiaba, di un susseguirsi di fiabe, lo possiamo apprezzare fino in fondo. Cuore di Brace, La Spinosa, La Mezzana e tutte le altre ci risulteranno stranamente familiari. È la fiaba della vita stessa e, alla fin fine, ogni cosa si riduce al gioco dell’amore, a prendere e dare, possedere o essere posseduti; con re che hanno figli da ammogliare e una caterva di monne e donzelle (ciascuna con le proprie peculiarità, fortunatamente) pronte ad accogliere i pretendenti o a ricacciarli indietro. Sembra un tema risaputo, ma è di ciò che parla la nostra esistenza; e di ciò raccontano le fiabe anche attuali. 

La particolarità vera è lo stile scelto da Simona Friuli per fornire di coscienza e volontà le sue lungi-da-essere-donne-angelicate protagoniste:

Gli è grata: pellicce ordinerà di licaone - nelle savane gialle e rosse, per vanità sua scannato - concupendo allo specchio, tanto bene si immagina, il suo nuovo e invitante pallore e nell’evocazione di sovranità futura, quando ancora ed ancora la verga manipolerà dello sposo-serpente - a farla eternamente giovane persuadendolo - di desiderio arrossa. I suoi occhi calcolano a fondo: È uno deforme - chi lo vorrebbe? Lei sola serva della sua sinuosità danarosa.

«Dovrei domarti, ma noi donne ’nuove’ non temiamo le bestie. Le viziamo, se son bestie vogliose...»   (Pag. 96)

L’intento è chiaro: si eleva il linguaggio alla dimensione di mito per rendere mitologiche le interpreti principali. Tutte loro: dalle anime di servette alle combattenti.

Una forma sofisticata d’amore.

Recensione di Peter Patti






Recensioni ed articoli relativi a Simona Friuli

(1) Indomite di Simona Friuli- Il Parere di PB

Testi di Simona Friuli pubblicati su Progetto Babele

Nessun record trovato

Altre recensioni di Peter Patti

(1) Indomite di Simona Friuli- Il Parere di PB
(2) Il funerale di Edward Block di Zeno Toppan- Il Parere di PB
(3) Esche di Andrea Fiorito- Il Parere di PB
(4) Passi nel delirio di Autori vari- Il Parere di PB
(5) Non sette donne di Marco Angelotti- Il Parere di PB
(6) Il Brasile in guerra di Andrea Giannasi- Il Parere di PB
(7) La Chiave di Cristallo di Antonio Mosca- Il Parere di PB
(8) Fuga da mondi incantati di A.A.V.V.- Il Parere di PB
(9) Sincronia erotica sulle ali degli angeli di Beniamino Fausto La Rosa- Il Parere di PB
(10) Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino- Il Parere di PB
(11) L’Invasione dei Terrestri di Diego Rosato- Il Parere di PB
(12) Soldati, campi di grano e James Dean di Giorgio Piumatti- Il Parere di PB
(13) Qualcosa mi attende di Anna Belozorovitch- Il Parere di PB
(14) Quando il Cronodrome implose di Vittorio Baccelli- Il Parere di PB
(15) Christabel di Alessandro Canzian- Il Parere di PB
>>Continua (click here)


 

Altre recensioni:





-

dal 2020-11-28
VISITE: 74


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali