Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    Debutta in libreria FVE editori - Dal 3 dicembre, una nuova casa editrice in tempi di lockdown (09/12/2020)    Neil Gaiman: Storie Perdute (Prorogato al 31 Dicembre) (09/12/2020)    Online l'INTERA rivista del Foglio Letterario di settembre! (05/10/2020)    [21/06/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Città di Como VIII Edizione scadenza 2021-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao     L'isola del tesoro - Capitolo 1 di Robert Louis Stevenson letto da Marco R. Capelli    RECENSIONI    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Le memorie di una gatta di Lodovica San Guedoro     Essi partivano, noi partiamo di Giusi Sapienza Joven     Quadri veneziani di Carla Menon    Una musica costante di Vikram Seth    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale     Poe: L’uomo della folla     Feijoo y su lector en la telaraña del duelo    Racconti     Il manichino di Vittorio luciano Banda     La divoratrice di anime di Davide Stocovaz     Dentro di Massimo Martinelli     Attese di Stefania Lami     Growl di Paola Emma Labate (diana Jett)    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano    Poesie     Spero presto di Amedeo Bruni     06 Aprile di Debora Palmieri     Da un rifiorire di memorie di Angelo michele Cozza     Parole di Palmira De Angelis     In Paradiso c’è di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
6 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
44 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Beati gli umani
di Luca Rulvoni
Pubblicato su PB3


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4778
Media 80.01 %



B. Sax era stato chiaro: nessuno avrebbe dovuto sapere mai ciò che era accaduto. Né io, la servomacchina, né tanto meno Klaus, il giullare di corte, avremmo voluto ritrovarci polverizzati perché il segreto era stato violato. Mi fidavo di Sax, tanto da averne paura. Klaus era un’idiota ma ci avrei pensato io a persuaderlo dal parlarne con qualcuno. Sax sapeva essere convincente quando era necessario esserlo. Avevo visto con i miei occhi quanto potesse essere spietato. Parecchi, quella notte, avevano saggiato la sua ira. Io volevo rimanerne fuori il più possibile. Non volevo ritrovarmi con tutti i bulloni a pezzi.
Ci trovavamo in un maledetto food dell’asteroide Kevin 21, fascia esterna di Giove. Una sosta prima del rientro a casa. Avevamo viaggiato in lungo e in largo per la Galassia; non vedevamo l’ora di ritornare tra le vecchie e care mura del palazzo del mio signore. Stavamo pranzando come non mai, tutto a carico delle tasche bucate di Klaus. Ripieni di scrang e salsicce locali. Per me il miglior distillato d’olio per astrocarghi. Ottimo il locale ed il cuoco, un selenita, più vecchio di noi tutti, quasi del doppio degli anni. Enorme come solo i seleniti possono essere ed un vero mago ai fornelli con le sue zampe e i tentacoli aguzzi. E poi quella ragazza, Marine, bellissima anche se sapeva di tutto tranne che di donna, almeno nel senso comune che intendono gli umani. Ma noi che siamo sempre stati gente di spazio ci adattiamo a qualsiasi deformazione. E’ qualcosa che si acquisisce quando si rimane soli nel cuore dell’universo per mesi, se non anni. Qualsiasi cosa che si avvicini anche lontanamente all’idea di donna, ci conquista e non ci fa capire più nulla. I suoi tre occhi, il terzo centrale, non mi suscitavano ripugnanza; sempre meglio che la donna di Klaus: un incrocio tra un daberiano ed una klodni. Due teste per intenderci. Blasfemo! Marine non era proprio da buttar via, invece. L’avrei amata se Sax me ne avesse dato la possibilità: credo che tutto sommato nel breve tempo che il destino ci permise di conoscerci, lei avesse avuto modo di innamorarsi di me. Sono sempre stato affascinante e lo potrebbero testimoniare tutte quelle che hanno avuto la fortuna di conoscermi bene. In ogni modo, Marine era una tripla. Tre occhi ma anche tre seni e tre… bé ci siamo capiti. Si vede che Sax si era arrabbiato per qualcosa, oppure gli era finito qualcosa fuori dalla stomaco… fatto sta che, finito di desinare, usciti dal food, sotto i refoli gelidi delle comete, Sax cominciò ad andare in escandescenza. Gridava e si dimenava. Pensai che non avesse digerito bene per davvero; io non avevo mangiato nulla perché non potevo, ma Klaus mi sembrava in ottima forma. Sax era paonazzo e si teneva l’enorme pancia blu; strano sul serio, visto che si portava dietro un paio di stomaci; eppure sembrava star male. Non riuscii a dir niente e tanto meno a calmarlo. Klaus mi fissava spaventato, perché, essendo tanto idiota, pensò che Sax ce l’avesse con noi. Ma non era così. B. Sax e B. sta per Bastard, fece irruzione nel locale: sbraitò offese ed ingiurie e poi cominciò a picchiare, dimenare gli artigli. Io e Klaus rimanemmo impietriti: non sapevo che fare né che pensare. Sax stava dando di matto e il food stava cadendo letteralmente a pezzi.
Mentre cominciavano ad innervosirsi alcuni ospiti della tavola calda, Sax continuava a trascinare con sé, tavole, sedie e suppellettili. Un inferno davvero. Il finimondo o finiuniverso, se preferite.
<> commentai.
Klaus era tutto intento a fissare la scena disastrosa. All’improvviso, due tipi, due umani, si alzarono e si avventarono su Sax. Uno disse <> e l’altro <>
Sax si fermò, li squadrò, sorrise beffardo e, in men che non si dica, li fece a fette di bistecca con i suoi artigli roventi. Gli altri commensali rimasero impietriti. Ad alcuni mancò il respiro e ci lasciarono la pelle. Infatti, il cuoco selenita se n’era venuto fuori dalla cucina e gli odori malsani di cobalto avevano infestato la sala. Alcuni avventori fuggirono dalle uscite secondarie, altri rimasero a contare i secondi prima di passare a miglior vita.
Le cose si mettevano male sul serio. Il cuoco era alquanto contrariato e prevedevo botte, squarci e litri di sangue. Intanto la ragazza osservava eccitata l’orribile situazione.
<>sbraitò il polipo di selenita.
Sax sorrise per l’ennesima volta e disse <>
Avrei voluto ridere se ne fossi stato capace, ma fissando i resti degli umani, non riuscii a trattenere conati di vomito pastoso. Non per la paura, ma le valvole alle volte fanno i capricci.
Il selenita, nel frattempo, si era decisamente arrabbiato e, constatando che era il doppio del mio padrone, pensai che Sax fosse spacciato. Ma mi sbagliavo. Il cuoco non fece nemmeno un passo, che Sax gli aveva fatto passare da una parte all’altra dello stomaco mezzo bancone del locale. Lo stomaco del selenita era scoppiato in mille pezzi e le vetrate della tavola calda era color rosso vermiglio e verde pianta terrestre.
<> sentii dire dalla ragazza, Marine.
Sax, che ancora non l’aveva notata, le si fece dinanzi e proruppe in una serie di versi indescrivibili ed irriproducibili.
<> disse la ragazza
Sax, che era completamente partito, non riusciva a connettere le parole della ragazza e mi fissò torvo attraverso le finestre melmose in cerca di aiuto. Io tremavo per lei, vedendola già spalmata per terra o sul soffitto. E poi successe l’incredibile.
<> Poi si alzò e se ne uscì. Non so perché, ma Sax non reagì, non si mosse, non parlò.
Marine ci passò dinanzi e soffermandosi un istante, sentenziò <> detto ciò scomparve all’orizzonte. Avrei voluto seguirla, ma come avrei fatto a spiegarle che io, Vil 80, ultimo modello di droide a sei valvole, non avevo niente a che vedere con il mio padrone, il principe del pianeta Nehl, quinta costellazione a destra di Andromeda?
Per una volta soltanto in vita mia, desiderai di essere umano o qualcosa di simile per correrle dietro e travolgerla d’amore.

© Luca Rulvoni



Recensioni ed articoli relativi a Luca Rulvoni

Nessun record trovato

Testi di Luca Rulvoni pubblicati su Progetto Babele

(1) Il cerchio del soldato di Luca Rulvoni - RACCONTO
(2) E se . . . di Luca Rulvoni - RACCONTO
(3) Beati gli umani di Luca Rulvoni - RACCONTO
(4) Bara di vetro di Luca Rulvoni - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2002-09-19
VISITE: 13572


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali