Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [05/12/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
16 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La partenza
di Maddalena Lonati
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5800
Media 79.92 %



Niente saluti lacrimevoli. Nessuna scena straziante. Me lo ero ripromessa. Avevo sempre compatito gli adii melodrammatici che talvolta trasformano le stazioni in teatri. In fondo si trattava solo di una settimana, poi lo avrei raggiunto in Toscana, e lì avremmo trascorso una vacanza nel Chianti fra lunghe passeggiate salutiste e cene romantiche. Non era stato facile convincerlo a precedermi, sembrava più contrariato di me, eppure ero io quella che sarebbe rimasta a casa a lavorare mentre lui partiva con Elisa. No, non ero gelosa, l’amicizia che legava noi tre era così solida da non poter mettere in discussione il nostro rapporto per qualche giorno trascorso senza di me, non sarebbe accaduto nulla di grave. Una breve lontananza non avrebbe incrinato la nostra serenità, avrebbe solo reso più emozionante ritrovarci. Mentre li accompagno a prendere il treno chiedo per l’ennesima volta alla mia amica se siamo in orario, se si è ricordata di mettere tutto in valigia, se ha l’indirizzo dell’agriturismo. Mi sento fastidiosamente apprensiva. E’ la prima volta che rimaniamo separati, e vivo con sentimenti contrastanti questo momento. Sono soddisfatta del mio altruismo che mi ha permesso di scegliere la soluzione migliore per lui, ma dissimulo a fatica la tristezza per le interminabili ore solitarie che mi attendono. Eppure sentivo di doverlo fare, ultimamente era insofferente, il suo umore si era rabbuiato e aveva perso la carica di vitalità che tanto amavo, non sopportava la canicola che stava opprimendo Milano, di notte mi svegliavo e non lo trovavo al mio fianco, lo vedevo gironzolare irrequieto per casa alla ricerca di un minimo sollievo che non arrivava mai. Ci conosciamo da cinque anni, ed abbiamo trascorso insieme ogni serata, ogni week-end, abbiamo festeggiato insieme ogni Natale e ogni compleanno, abbiamo condiviso ogni successo e affrontato ogni difficoltà, abbiamo viaggiato freneticamente e oziato davanti alla televisione, organizzato feste con decine di amici e passato vacanze da eremiti, solo il lavoro riesce a tenerci inevitabilmente lontani. Molti non riescono a comprendere il nostro rapporto di simbiosi, lo definiscono morboso, io credo che in realtà sia solo invidia per un amore così profondo. Casa nostra è tappezzata dalle sue foto, adoro immortalarlo, soprattutto in primissimi piani che sottolineino l’intensità del suo sguardo, scatti che rendano giustizia alla bellezza di quegli occhi magnetici che mi hanno resa irrimediabilmente sua dal primo istante.
In passato, abbiamo raggiunto un paio di mete turistiche in treno, e rammento quanto si sia infastidito durante il viaggio. Non ama lo sferragliare costante, il brusio di sottofondo, gli annunci all’altoparlante, e soprattutto odia che le persone lo guardino con così tanta insistenza. E’ inevitabile che accada, è stupendo, biondissimo, dotato di un corpo molto muscoloso, ed ha il dono di una innata eleganza nei movimenti, ma non soffre di protagonismo e si sente imbarazzato quando è al centro dell’attenzione. L’avrebbero voluto come modello per alcune pubblicità, ma non è davvero predisposto. Nonostante la sua avvenenza è timido e riservato.
Durante gli ultimi passi che ci conducono sino alla carrozza cala fra di noi un denso silenzio che non riusciamo a colmare, ci limitiamo a scambiarci occhiate complici e malinconiche. Trascino il trolley rosso per rendermi utile e mantengo un sorriso statico mentre Elisa va ad obliterare i biglietti. Salgo anch’io sul vagone per un ultimo saluto. Lo abbraccio e gli sussurro una frase all’orecchio che lei non può sentire. E poi, con un tono che cerca di essere neutro: “ Allora, io vado…ci sentiamo stasera…buon viaggio.” Non dico altro, scendo con le lacrime agli occhi mentre altri passeggeri chiassosi salgono. Mi volto per un istante e lo vedo sporgersi dal finestrino, i grandi occhi castani tristi che mi seguono. Gli faccio un breve cenno con la mano, nient’altro. Elisa è distratta, sta cercando qualcosa nella borsa troppo grande. Lui scende di corsa dal treno, la medaglietta che gli sbatte contro il collo, lo sguardo di nuovo felice. In un attimo ho le sue zampe addosso mentre mi lecca la faccia scodinzolando. Meglio che Elisa parta senza il mio cane, la raggiungeremo settimana prossima.

© Maddalena Lonati

dal 2005-09-21
VISITE: 16146


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali