Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele Speciale Autunno 2021 - Ora disponibile in formato cartaceo (20/10/2021)    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    [09/12/2021] 1 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    La Couleur d\'un Poeme scadenza 2021-12-20    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     L’aritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Vivere di Francesco Maria Bologna     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Ritornerà? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     Shadows (Ombre) (USA 1959) regia di John Cassavetes     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
18 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
34 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

La ballata di Fred Ullmann
di Alina Laruccia
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3932
Media 80.34 %



L’aria di certi giorni ha un odore che non scordi. E’ l’odore di un momento.
Il momento in cui svolti l’angolo e ti ritrovi in una strada che non ricordi, ma che sai che non dimenticherai: una donna,la tua,che sale su un autobus.
Può darti dolore, farti rivivere la prima volta che vedesti l’amore,ma quel dolore ora è come una riconciliazione.
Anche allora, mentre partiva,le guardai le natiche. Le guardavo sempre le natiche,quando si muoveva. Lei diceva che ho la fissa per il culo,io.
Aveva natiche sode e molto belle, pastose, succose, un delitto non guardarle.
Mi chiamo Fred Ullmann, faccio l’arrotino. Riparo ombrelli che si butterebbero via, coltelli sfilati, lame senza più convinzioni. Mestiere che paga da schifo, ma sono un uomo libero, non ho padroni che mi contano le ore.
Mettiti comodo, sto per raccontarti una storia.
Giro su un furgoncino verde,la mia provvisoria casa nel mondo. Qualche indumento, una brandina, il fornellino: il resto è nello spazio del giorno che vivo, in un paese come in un altro e poi in un altro ancora.
Sono ostile alle lunghe fermate. Un luogo mi prende per qualche giorno, poi comincio a dirmi che ci sono altri posti a cui potrei affezionarmi.
Per lei non era così. Certe volte pareva che mi odiasse, per il modo in cui l’amavo. Perché l’amavo,anche quando tornavo da lei solo perché mi vedesse ancora andar via, ripetendo la stessa promessa bugiarda. Tornare sul Bosforo, nella casa che ci aveva fatti incontrare, vetrate grandi a spalancarsi sul mare e noi abbracciati, ignari di quel che un giorno ci sarebbe accaduto.
Una promessa non è un oggetto da niente, che trovi a buon mercato ogni giorno, su qualsiasi piazza e lei ha capito. Ha preso le sue piccole cose ed è andata via, abito a fiori gialli lungo la via, a seminare un addio.
Non conoscevo gesti scaramantici che si usano fare in una storia d’amore,quei riti li avevo superati vivendole accanto, ma quel giorno, mentre andava via, vidi la nebbia calare di colpo e nascondere tutto intorno, anche il suo culo. Come un segnale, un portafortuna per i giorni a venire.
Risalii sul furgone e partii, senza voltarmi indietro. Mi fermai solo quando capii che ero abbastanza lontano anche da me stesso.
Capitai in un posto di poche anime, raccattai giusto qualche lira, così decisi di fermarmi a bere prima di rimettermi in viaggio.
Nella vetrina dell’unico bar c’era ancora un alberello di Natale, tutto luci lampeggianti, proprietario sentimentale o scemo, sotto quel sole d’agosto.
Quelle luci e la musica del juke-box si versavano dappertutto senza pudore e la birra era calda e cattiva.
Mi ritrovai sul marciapiede, stordito, come preso da un vortice. Stavo andando via quando ecco comparirmi davanti uno, con un berrettaccio da marinaio in testa, aria simil-dura che mi fa: "Ti pago una cassa di birra se mi sistemi una serratura".
Che ne so di serrature, io, ma la birra mi tirava un sacco, così lo seguii a casa. Uno scantinato lurido dietro il supermercato, che gli serviva la serratura in un posto così, schifato pure dai topi! Sistemai la porta,un colpo di fortuna e lui: "Ti porto la birra al furgone,tra un’ora".
Un’ora e quel tizio non si vedeva. Due ore e stavo per incazzarmi quando mi chiamarono dal bar.
Aveva sistemato alla meno peggio lo scantinato, chiuso bene la porta con la mia nuova serratura e s’era fatto un gran buco in testa.
Niente birra, ma in una cassa una vecchia chitarra e un biglietto: "Per Fred,prenditi cura di lei".
Cazzo significa? Io volevo la birra, amico, mi hai imbrogliato!
Capii comunque che era meglio filarsela, così presi la chitarra e tornai al furgone.
Da bambino volevo imparare a suonare la tromba, avrei pagato non so che per suonare la tromba, ma di una chitarra proprio non sapevo che farne! La scaraventai sul sedile accanto e lei, SLING, cacciò un suono. Un suono vero, credimi. L'afferrai, allora, e sfiorai le corde, e ancora quel suono…
La musica non comincia con una canzone, non credere ai romantici, a quelli che appiccicano belle parole anche quando pestano una merda. La musica può diventare una canzone, ma comincia con un pianto. Quel suono, SLING, era dovunque, riempiva il furgone. Anch’io piansi. E cominciai a pensare che forse non era stato un errore accettare quella chitarra. Bastava solo sfiorarla e lei seguiva una sua direzione,trasformandola in musica.

© Alina Laruccia



Recensioni ed articoli relativi a Alina Laruccia

Nessun record trovato

Testi di Alina Laruccia pubblicati su Progetto Babele

(1) La ballata di Fred Ullmann di Alina Laruccia - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2005-11-11
VISITE: 11746


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali