Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus


Le Vendicatrici
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

La ballata di Fred Ullmann
di Alina Laruccia
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 3651
Media 79.77 %



L’aria di certi giorni ha un odore che non scordi. E’ l’odore di un momento.
Il momento in cui svolti l’angolo e ti ritrovi in una strada che non ricordi, ma che sai che non dimenticherai: una donna,la tua,che sale su un autobus.
Può darti dolore, farti rivivere la prima volta che vedesti l’amore,ma quel dolore ora è come una riconciliazione.
Anche allora, mentre partiva,le guardai le natiche. Le guardavo sempre le natiche,quando si muoveva. Lei diceva che ho la fissa per il culo,io.
Aveva natiche sode e molto belle, pastose, succose, un delitto non guardarle.
Mi chiamo Fred Ullmann, faccio l’arrotino. Riparo ombrelli che si butterebbero via, coltelli sfilati, lame senza più convinzioni. Mestiere che paga da schifo, ma sono un uomo libero, non ho padroni che mi contano le ore.
Mettiti comodo, sto per raccontarti una storia.
Giro su un furgoncino verde,la mia provvisoria casa nel mondo. Qualche indumento, una brandina, il fornellino: il resto è nello spazio del giorno che vivo, in un paese come in un altro e poi in un altro ancora.
Sono ostile alle lunghe fermate. Un luogo mi prende per qualche giorno, poi comincio a dirmi che ci sono altri posti a cui potrei affezionarmi.
Per lei non era così. Certe volte pareva che mi odiasse, per il modo in cui l’amavo. Perché l’amavo,anche quando tornavo da lei solo perché mi vedesse ancora andar via, ripetendo la stessa promessa bugiarda. Tornare sul Bosforo, nella casa che ci aveva fatti incontrare, vetrate grandi a spalancarsi sul mare e noi abbracciati, ignari di quel che un giorno ci sarebbe accaduto.
Una promessa non è un oggetto da niente, che trovi a buon mercato ogni giorno, su qualsiasi piazza e lei ha capito. Ha preso le sue piccole cose ed è andata via, abito a fiori gialli lungo la via, a seminare un addio.
Non conoscevo gesti scaramantici che si usano fare in una storia d’amore,quei riti li avevo superati vivendole accanto, ma quel giorno, mentre andava via, vidi la nebbia calare di colpo e nascondere tutto intorno, anche il suo culo. Come un segnale, un portafortuna per i giorni a venire.
Risalii sul furgone e partii, senza voltarmi indietro. Mi fermai solo quando capii che ero abbastanza lontano anche da me stesso.
Capitai in un posto di poche anime, raccattai giusto qualche lira, così decisi di fermarmi a bere prima di rimettermi in viaggio.
Nella vetrina dell’unico bar c’era ancora un alberello di Natale, tutto luci lampeggianti, proprietario sentimentale o scemo, sotto quel sole d’agosto.
Quelle luci e la musica del juke-box si versavano dappertutto senza pudore e la birra era calda e cattiva.
Mi ritrovai sul marciapiede, stordito, come preso da un vortice. Stavo andando via quando ecco comparirmi davanti uno, con un berrettaccio da marinaio in testa, aria simil-dura che mi fa: "Ti pago una cassa di birra se mi sistemi una serratura".
Che ne so di serrature, io, ma la birra mi tirava un sacco, così lo seguii a casa. Uno scantinato lurido dietro il supermercato, che gli serviva la serratura in un posto così, schifato pure dai topi! Sistemai la porta,un colpo di fortuna e lui: "Ti porto la birra al furgone,tra un’ora".
Un’ora e quel tizio non si vedeva. Due ore e stavo per incazzarmi quando mi chiamarono dal bar.
Aveva sistemato alla meno peggio lo scantinato, chiuso bene la porta con la mia nuova serratura e s’era fatto un gran buco in testa.
Niente birra, ma in una cassa una vecchia chitarra e un biglietto: "Per Fred,prenditi cura di lei".
Cazzo significa? Io volevo la birra, amico, mi hai imbrogliato!
Capii comunque che era meglio filarsela, così presi la chitarra e tornai al furgone.
Da bambino volevo imparare a suonare la tromba, avrei pagato non so che per suonare la tromba, ma di una chitarra proprio non sapevo che farne! La scaraventai sul sedile accanto e lei, SLING, cacciò un suono. Un suono vero, credimi. L'afferrai, allora, e sfiorai le corde, e ancora quel suono…
La musica non comincia con una canzone, non credere ai romantici, a quelli che appiccicano belle parole anche quando pestano una merda. La musica può diventare una canzone, ma comincia con un pianto. Quel suono, SLING, era dovunque, riempiva il furgone. Anch’io piansi. E cominciai a pensare che forse non era stato un errore accettare quella chitarra. Bastava solo sfiorarla e lei seguiva una sua direzione,trasformandola in musica.

© Alina Laruccia



Recensioni ed articoli relativi a Alina Laruccia

Nessun record trovato

Testi di Alina Laruccia pubblicati su Progetto Babele

(1) La ballata di Fred Ullmann di Alina Laruccia - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2005-11-11
VISITE: 10660


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.