Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [26/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    Premio Svicolando scadenza 2019-07-01    Guido Gozzano - Augusto Monti scadenza 2019-07-08    Eduardo Di Loreto scadenza 2019-07-10    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
30 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

RITORNO A MOSTAR
di Luigi Maffezzoli
Pubblicato su PB17


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 5817
Media 80.2 %



Guardo la schiuma della Neretva passarmi sotto. E' presto, sul ponte ci sono solo io e i tre ragazzi in costume da bagno, pronti per il tuffo.
Mi guardano, ho capito cosa vogliono ma ho pochi soldi e non c'è nessun altro con cui fare una colletta. Si allontanano, decidono di rinviare il tuffo a quando arriveranno i turisti. Allora di impeto mi tolgo la camicia e i sandali e resto sospeso verso il fiume.

Da qui in alto mi prende la paura delle prime volte da bambino. Avevo dieci anni e c'era il Ponte Vecchio. Allora non lo si faceva per qualche soldo, era la nostra iniziazione. A volte mi sporgevo, mi mettevo in posizione, ma quando vedevo quell'abisso verde pronto ad ingoiarmi, mi prendeva la paura e mi ritraevo tra le risate dei ragazzi più grandi.
Spiccavano in volo tutti insieme, rimanevano sotto dei lunghissimi secondi, poi saltavano fuori come delfini e s'immergevano di nuovo una, due, dieci volte. Nuotavano contro la corrente che inutilmente cercava di portarli via, fino a quando, esausti, tornavano a riva. Ma dopo pochi minuti erano di nuovo sul ponte e subito dopo di nuovo nella corrente. Andavano avanti così, fino a quando il sole spariva dietro le montagne.
Quella prima volta sul ponte eravamo rimasti solo io e il mio amico Izet, i più piccoli. Dalle raccomandazioni delle mamme avvertivamo che le cose stavano cambiando, che dovevamo farlo, subito, prima che qualcosa di terribile ce lo impedisse per sempre.
Ispirai tutta l'aria che mi poteva stare nei polmoni, guardai la schiuma che sembrava chiamarmi, lanciai una sguardo d'intesa ad Izet, chiusi gli occhi e mi buttai. Li riaprii dopo aver annaspato nella corrente gelida, sputai un gran sorso d'acqua e mandai un grido di vittoria. Un attimo dopo fu nell'acqua anche Izet, lo raggiunsi con due bracciate. Mi diede una manata sulla schiena e ci abbracciammo. Così la corrente ci prese e ci riportò sotto. Ci facemmo un'altra bevuta di Neretva e uscimmo con la pella d'oca, pronti per un altro tuffo.

Il ponte si è riempito di turisti. I tre ragazzi contrattano, non si butteranno per meno di venti marchi da dividersi, è il loro lavoro. Come è un lavoro quello di Nedin che permette di fotografare la sua gigantografia del Ponte Vecchio distrutto dai bombardamenti. Lui è da solo e si accontenta di due euro.
I ragazzi hanno finito la trattativa. Mi vedono a torso nudo e mi fanno un cenno d'intesa. Ci lanciamo in perfetta sincronia. L'acqua gelida mi prende e mi porta sotto. Sento i brividi nel corpo, il sangue premere nella testa ed annullare il tempo.
E rivedo la nonna concitata che mi grida di seguirla nel sottotetto e mi nasconde dentro un baule coperto di ragnatele.
Chiuso nel buio, sento gli spari e le urla.
Sento i loro passi, i comandi secchi, sento la risposta di mio padre, capisco che lo stanno portando via.
E poi sento la risata oscena del soldato, il grido lancinante di mia madre.
E poco dopo ho davanti il suo viso invecchiato di cento anni, in una maschera di lacrime e di sangue.
Mi ritrovo nella lunga fila di donne, di vecchi e di bambini, dove c'era il ponte solo macerie, fumo e scoppi dalle montagne.
Guarda la Neretva che si porta via i corpi dei tuffatori.

Salto fuori con un grande respiro che mi riporta nel presente. Torno a riva con poche bracciate, ignorando la corrente che non vuole lasciarmi andare. Mi rivesto, stringo forte il tuffatore più giovane.
Torno verso la scala di quello che non è il mio ponte, attento a non scivolare sulla pietra bianca troppo liscia. Vado verso la riva dei negozi. Quello del padre di Izet è aperto, un ragazzino mi prende per turista e mi mostra dei souvenir. Gli faccio segno che non voglio niente. Ci rimane male, allora gli compro un piccolo servizio in rame con gli ultimi soldi. E' raggiante, ha gli stessi occhi di Izet. Vorrei chiedergli di lui, ma mi trattengo. Pago e lo saluto. Con passo veloce torno verso l'albergo.

Luigi Maffezzoli
luigimaffezzoli@circolopickwick.it
http://www.luigimaffezzoli.it
http://www.circolopickwick.it

© Luigi Maffezzoli



Recensioni ed articoli relativi a Luigi Maffezzoli

Nessun record trovato

Testi di Luigi Maffezzoli pubblicati su Progetto Babele

(1) RITORNO A MOSTAR di Luigi Maffezzoli - RACCONTO
(2) Radio Libera di Luigi Maffezzoli - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2005-11-15
VISITE: 14174


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.