Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [16/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Il Contesto scadenza 2019-06-16    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Segreti di condensa
di Maddalena Lonati
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4821
Media 79.87 %



La mano paffuta della mia sorellina era abile a tracciare simboli e disegni stilizzati. Si arrampicava con le gambe cicciotte sullo sgabello di pino, il vestito blu a palloncino ormai troppo piccolo che le lasciava scoperte le cosce, e iniziava a sfogare la sua urgenza di comunicare sul vetro. Invano le suore l’avevano rimproverata, neppure metterla in castigo sui ceci era valso a qualcosa, lei tornava ostinatamente alla sua finestra preferita, la terza a sinistra della camerata. Eravamo chiuse in orfanotrofio da ormai cinque anni, Annalisa non aveva conosciuto altra realtà, io almeno conservavo vaghi ricordi di un padre in divisa partito per il fronte e di una madre bionda e profumata che mi dava il bacio della buonanotte, ma tutto si faceva più indistinto giorno dopo giorno, e stentavo a credere che quella bella casa fosse mai davvero esistita. Mia sorella era avvolta da un tale silenzio da far rimbalzare lontano qualsiasi suono, non le giungevano i miei pianti notturni, il chiasso delle bambine nel pomeriggio, la voce autoritaria e stridula della madre superiore, il canto dell’allodola qui di fronte. Viveva in un mondo ovattato che forse la proteggeva da un ambiente con cui non desiderava confrontarsi. In fondo, solo il suo corpo sostava fra quelle pareti scrostate, ma la sua mente veleggiava altrove, in un mondo silente e forse meraviglioso che noi non potevamo abitare. Non riuscii mai ad insegnarle neppure un rudimentale linguaggio dei segni, avevo inventato gesti che la fantasia mi suggeriva e che la disperazione mi imponeva, ma lei si rifiutava di ripeterli. Li comprendeva, lo so, ma poi andava alla finestra, vi alitava sopra, e la disegnava con un dito sicuro. Provai senza successo a sgridarla, qualche scatto brusco, un paio di sguardi truci e delle smorfie caricaturali valevano come rimprovero urlato, ma ogni volta mi guardava con occhi allibiti ed un sorriso disarmante e io cedevo scrivendo insieme a lei su quella condensa colpevole. Gli anni trascorrevano ripetitivi fra l’odore untuoso delle zuppe di legumi e la messa delle sei, le interminabili lenzuola da ricamare e la luce spenta alle nove, il gallo che salutava ogni nuova alba e le noiose passeggiate in cortile; coppie amorevoli portavano via le nostre amichette e subito altre bimbe spaurite venivano a dar loro il cambio, ed in poco tempo la nostra vita affettiva fu così destabilizzata da farci cercare conforto solo l’una fra le braccia dell’altra. Ci stringevamo e le nostre ciocche ramate si confondevano in una cascata fiammeggiante che le suore talvolta avevano minacciato di tagliare, ritrovavamo un po’ di coraggio e continuavamo a spazzare il pavimento. Quando il tramonto cedeva spazio al buio avevamo più tempo di soffermarci sulla nostra lavagna trasparente, e lì sognavamo; un quadrato con in cima un triangolo valeva come casa, la nostra casa, quella che un giorno ci avrebbe viste felici insieme, una stella rappresentava nostra madre che ci proteggeva dal cielo, due righe parallele dentro un cerchio erano le strade che avremmo percorso visitando tutto il mondo, e poi c’erano fiori, farfalle, colline e torrenti che ci attendevano sul magico vetro per farci evadere dal lugubre stanzone che odorava sempre un po’ di muffa, e soli splendenti in pieno inverno e polli interi da divorare, e cagnolini scodinzolanti e alberi di Natale. Erano sogni che cancellavamo con mano frettolosa, le goccioline di condensa ci rimanevano sulla pelle, ma quell’acqua fine pulsava di speranze e gioie che nessuna siccità avrebbe potuto far evaporare. Per un paio di mesi è venuta in visita una coppia elegante, ogni volta le suore raccomandavano a tutte di mettersi in ordine al meglio e pettinarsi con cura, sembrava che questi due bei giovani non sapessero decidersi, come se fossimo tante bambole fra cui scegliere la più graziosa da impacchettare. Lei era sempre ingioiellata e impeccabile con i cappellini intonati ai vestiti e le volpi che le ricadevano sulla spalla, lui un po’ rigido dentro i suoi formali abiti scuri. Erano belli, ricchi e belli, ma noi eravamo di certo merce avariata per loro: io ero ormai un po’ troppo grandicella, e mia sorella improponibile con il suo problema, quindi le visite ci lasciavano piuttosto indifferenti, continuavamo a comportarci come sempre senza metterci in mostra. Un giorno scelsero. Purtroppo. Avvenne tutto rapidamente, mi fecero trovare le mie poche cose dentro una borsa e una suora mi trascinò via mentre Annalisa era impegnata a sbucciare le patate, mi dissero che era meglio così. Mi ribellai, urlai, cercai di scappare per andare almeno a salutare mia sorella, ma fu tutto inutile. La intravidi solo per un istante, di spalle, china sul tavolone, ignara delle mie grida disperate. La mia nuova famiglia mi portò lontano, a Milano, e non seppi più nulla della mia sorellina silenziosa. Nonostante tutto non riesco a portare rancore ai miei genitori per non aver voluto anche lei, hanno saputo compensare con una tale sconfinata dose d’amore da farsi perdonare quella scelta infelice, e quando ho tentato in tutti i modi di rintracciare mia sorella loro mi hanno aiutata. Inutilmente. Ormai era stata adottata anche lei, e quel quadrato con il triangolo in cima non ci ha mai viste insieme. Penso sempre ad Annalisa, ho pregato ogni sera per la sua felicità, ma nonostante gli sforzi non riesco ad immaginarla: chiudo gli occhi e visualizzo una bambina di cinque anni dentro un logoro vestito troppo corto. Sono trascorsi tre lustri da quando l’ho vista per l’ultima volta, domani mi sposo, e mi auguro che anche lei abbia trovato l’amore, un uomo che sappia decifrare con affetto e pazienza i suoi simboli sulla condensa. E’ notte e non riesco a dormire, sento che da qualche parte, in chissà quale città, lei ora è alla finestra a ricamare il suo mondo ideale, i buffi coniglietti e gli eleganti cigni, a plasmare silenziosi sogni di gioia che spero abbia realizzato. Disegno una stella e sussurro: “Mamma proteggila.”

© Maddalena Lonati




-

dal 2005-12-03
VISITE: 12217


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.