Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    [18/08/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Rocca Flea scadenza 2019-08-27    ASTOLFO SULLA LUNA | Le Cose Perdute scadenza 2019-08-30    “Ut pictura poesis” Città di Firenze scadenza 2019-08-30     Giallo Festival 2019 scadenza 2019-08-31    MittAffett allo Scrittore, Arum Apulum 2019 - con il Patrocinio del Parlamento Europeo scadenza 2019-08-31    500 Parole scadenza 2019-08-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     L'abulico di Bruno Corino     La campanella di Pasquale Francia     L'Alhambra di Marco Pinnavaia     L'ultima sigaretta di Vito Zingale     Ketchum, Idaho di Andrea Prando    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Audiolibri
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
25 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Torroni Mafiosi
di Erika Carminati
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 7221
Media 78.77 %



Lo dico sempre che vivere nel nord Italia non è una cosa troppo positiva.
C’è un clima un po’ ostile verso quelli che non discendono o da Asterix o da Obelix e ciò può portare a vivere brutte esperienze soprattutto se sei bambino, come accadde a me.

Io avevo sempre pensato che i tipi dei film d’azione americani, vestiti bene, col sigaro in bocca, una pistola in mano e l’accento siciliano, fossero quelli bravi. I signori mafiosi avevano delle belle case, delle belle macchine, erano forti e simpatici. Sparavano a chi gli stava antipatico ed anch’io da grande avrei fatto come loro, ovvero, avrei sparato a Cristina che era antipatica e mi aveva rubato la biro con i brillantini dentro.
Nessuno mai mi aveva detto che quelli erano forti ma tanto tanto cattivi.
Quando me lo spiegarono rimasi scioccata. I miei miti erano crollati. Non guardavo più quei film. Se mi capitavano sott’occhio mi veniva il magone. Erano simpatici quei signori. E forti.
Avevo paura. L’odore del sigaro non lo sopporto nemmeno ora.
Come se non bastasse, vivendo a Bergamo, ero circondata da persone che sostenevano a gran voce che i terroni erano tutti mafiosi.
Io non conoscendo il termine “terrone”, lo recepii come “torrone”.
Cominciai a non mangiare più il dolce alle mandorle che tanto mi piaceva. Immaginavo signorotti con il sigaro e la pistola scambiarsi valigette piene di torrone nei porti, durante la notte, al buio.
Avevo incubi ricorrenti di sparatorie in fabbriche di torrone e di torrone chiuso dentro casseforti con lucchetti e codici segreti.
Niente più torrone. Nessuno doveva morire per il torrone che io mangiavo.
Mia mamma non capiva, io dicevo semplicemente “ti prego mamma non mi piace” anche se si capiva benissimo che dietro ci stava altro.
Giunse Dicembre, il 12 Dicembre, la notte di Santa Lucia.
Ogni 12 Dicembre non riuscivo a dormire perché avevo paura di vedere la Santa senz’occhi,visto che se la guardi, oltre a non concederti nemmeno mezzo pezzo di carbone, ti brucia all’istante gli occhi.
Me ne restavo con la testa sotto il cuscino e le coperte fino al mattino. Il sonno veniva poi da sé.
Ma quel 12 Dicembre era diverso: da qualche giorno ormai, avevo scoperto la verità.
Fu un trauma molto più grave di quello che avrei subito circa un anno dopo scoprendo, grazie al mio compagno di classe cicciotto e stronzo, che ero scema perché non lo sapevo che LA SANTA LUCIA in realtà E’ LA MAMMA e se non ci credevo bastava guardare nel guardaroba dei miei genitori.
Era davvero una verità spaventosa, un segreto pesante, ma non conoscevo nessuno a cui potessi confidarlo e forse i grandi lo sapevano già ma ai piccoli non lo si poteva dire.
Si, quella era un’informazione proibita ai bambini.
Alla facciaccia dei grandi io, piccola, avevo scoperto tutto.
Ebbene, dopo sere e sere passate a riflettere e a fare collegamenti mentali, giunsi alla conclusione che Santa Lucia era una mafiosa.
Eh si, perché sennò come si spiegava il fatto che lei se ne andasse in giro con tutti quei torroni?
Dove li prendeva?
Era palese che lei era una mafiosa che regalava torroni mafiosi.
La mattina seguente ne ebbi la conferma: due torroni a testa per me, mia sorella e i miei tre cugini. In tutto facevano ben 10 torroni. A scuola quasi tutti i miei compagni avevano ricevuto dei torroni. Giovanni ne aveva trovati ben sei tutti per lui sul tavolo della cucina. Giovanni era un tipo che mi tirava sempre i capelli. Era cattivo. Probabilmente anche lui era mafioso come i torroni, i signori dei film americani e Santa Lucia. Dovevo stargli attenta.
Regalai i torroni alla nonna che se lì mangiò tutti in un pomeriggio: non conosceva la verità.
Qualche giorno dopo, mentre camminavo verso la biblioteca, vidi un signore che urlava ad un altro qualcosa più o meno così: “ Cosa fai seduto ancora lì? Lavora tOrrone!”.
Panico.
Allora, anche le persone potevano essere torroni.
Era un linguaggio in codice? O torrone indicava semplicemente sia dolci che persone mafiose?
Non lo sapevo. Quello che sapevo, era che l’uomo a cui era stata affibbiata l’etichetta di torrone, era il nonno di Michelina, la mia migliore amica. Non si era nemmeno arrabbiato. Se ne stava seduto tranquillo sulla panchina e rideva.
L’altro vecchio scuoteva la testa.
Non c’era dubbio: Michelina aveva un nonno mafioso.
Feci fatica ad addormentarmi, quasi fosse il 12 Dicembre.
Mentre cercavo di prender sonno fui tormentata da un nuovo, terribile, pensiero:
mio cugino Roberto di Milano non riceveva regali da Santa Lucia bensì da Babbo Natale… e se anche Babbo Natale fosse stato un mafioso?
La mattina dopo, appena alzata, chiesi alla mamma se anche Roberto ricevesse come dono da Babbo Natale del torrone e la sua risposta, ahimè, fu: “Certo! Babbo Natale collabora con Santa Lucia. I bambini sono tanti, così si dividono il lavoro. Tutti e due portano torrone!”.
Dunque, anche Babbo Natale era mafioso!
Mi dissi che ero stata sciocca a non accorgermene prima dato che una volta, in un film, c’erano due di quei signori che si travestivano da aiutante e da renna di Babbo Natale.
Santa Lucia. Babbo Natale. Il nonno di Michelina.
Babbo Natale. Il nonno di Michelina. Santa Lucia.
Un bel gruppetto.
I miei pensieri giravano sempre allo stesso modo.
Tutto stava diventando davvero troppo. Non ce la facevo più. Decisi di dirlo a Michelina.
Mi limitai a dirle che avevo scoperto che suo nonno era un “torrone mafioso”.
Lei rispose che la sua mamma le diceva sempre che tOrrone non era una bella parola e che non dovevo ripeterla mai più, poi scappò via.
Tornai a casa un po’ turbata. Trovai mia madre arrabbiatissima. Mi fece sedere. Sapeva che sapevo e sapeva che sapevo che i piccoli non avrebbero dovuto sapere, ma io non lo avevo fatto di proposito.
Mi disse che la mamma di Michelina aveva telefonato e che io ero stata davvero una bambina maleducata.
Mi chiese di dirle da chi avevo saputo certe cose. Le spiegai che siccome il nonno ed i suoi amici e certe volte anche il papà dicevano che i TORRONI sono quasi tutti mafiosi, avevo capito tutto il segreto da sola e le giurai che non avrei mai più detto una cosa simile a nessuno perché sapevo che era pericoloso e che avrebbero potuto spararmi per quello.
La mamma mi corresse dicendo che più che pericoloso era stupido, poi mi spiegò tutto dicendomi di non dire niente al papà che avrebbe sicuramente fatto discorsi strani.
Sorrisi. Ero felice. Diedi un gran bacione alla mamma e da quel pomeriggio tornai a mangiare torrone e a salutare il nonno siciliano di Michelina senza paura.

© Erika Carminati



Recensioni ed articoli relativi a Erika Carminati

Nessun record trovato

Testi di Erika Carminati pubblicati su Progetto Babele

(1) Torroni Mafiosi di Erika Carminati - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-01-06
VISITE: 19675


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.