Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    Arriva Solaris, e ci (ri) porta i capolavori della fantascienza russa (08/05/2018)    [22/04/2019] 16 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Passioni, desideri, tentazioni, fra realtà e fantasia. scadenza 2019-04-23    SCENICCHIA UNA SEGA #2 PRATICAMENTE UN CONCORSO LETTERARIO scadenza 2019-04-26    La Farnia d'Oro In terra nostra scripta apparuerunt scadenza 2019-04-30    Il Prete Bambino scadenza 2019-04-30    Premio drammaturgico per testi a tematica gay scadenza 2019-04-30    La tecnologia è magia? scadenza 2019-04-30    L’Ebbrezza della vita scadenza 2019-04-30    Città di Latina scadenza 2019-04-30    Onigo Mura bastia scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Caro Fabrizio, ti racconto di un sogno scadenza 2019-04-30    Tra Secchia e Panaro scadenza 2019-04-30    Il Sogno del Poeta scadenza 2019-04-30    OCEANO DI CARTA scadenza 2019-04-30    Nuova Scrittura Ermetica 2019 scadenza 2019-04-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi     Delusione di Christian Bigiarini letto da Alberto Sannazzaro    RECENSIONI     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo     Tenebra Lux di Alessandro Del Gaudio     Epiphaino di Guglielmo Campione     Fermento di Falesia di Stefano Giannotti     Guida ai cantautori italiani - Gli anni Settanta di Mario Bonanno    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Joseph Conrad ovvero il mare professionale     Apollo e Dafne: Quando il marmo diventa carne     L´horror psicologico di Michele Pastrello    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi     Semplicemente luce di Elisabetta Santirocchi     Testamento di Antonio Sacco    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
52 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
4 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Angelo della morte
di Cinzia Ceriani
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6706
Media 79.54 %



Conosco la storia di un vecchio mago, un uomo tanto potente quanto subdolo che per gelosia, per errore, o forse chissà, così dice la leggenda, avido di un potere oltre i limiti, un giorno trasforma un ragazzo, il suo giovane servitore, in un Angelo della Morte.
Le creature muoiono.
Gli oggetti che sfiora invecchiano di secoli.
Fiori e piante appassiscono.
Re Mida non perdona.
Confuso, spinto dal dolore, torna a casa ad abbracciare la premurosa madre.
Amore e conforto diventano polvere e fango sotto le lacrime del nero angelo.
Rapito da un’oscura spirale senza ritorno, in compagnia della solitudine, il giovane dannato si rende conto di essere un Dio.
Lui decide.
Nessuno può opporsi. Nessuno può sfuggire.
Compare alle spalle, silenzioso, felpato come una pantera in agguato sulla preda, a portare il suo dono, il castigo per alcuni, la beffa per altri.
Il tempo e la distanza non contano.
Il giorno e la notte sono nulla.
Impara a pianificare, calcolare, combinare gli eventi del destino guidandoli ad incastro come i pezzi di un puzzle dal suo limbo di sospensione tra al di qua e al di là.
Si diverte a saltellare da un’anima all’altra, da un inferno all’altro, come salterebbe un clown da una gamba all’altra, destra e sinistra e di nuovo destra e infine sinistra, roteando nell’aria tante sfere colorate per la gioia di grandi e piccini.
E’ forte. Implacabile. Un abile guerriero a cavallo del suo destriero chiamato eternità.
Il suo cuore riarso non pulsa più vitale sangue rosso da irradiare in ogni tessuto, ma velenoso liquido nero denso come petrolio. La pelle è ingiallita e raggrinzita, la schiena incurvata e gli occhi bui e vertiginosi.
Due cerchi bianchi, lunghi e scheletrici, forano l’oscurità, afferrano la loro vittima conficcandogli affilate unghie nere nella carne viva e la trascinano via, urlante e rassegnata.
La Morte non ricorda nulla del ragazzo che era stato, del suo aspetto, quanti anni aveva o cosa aveva fatto , conserva solo l’immagine sfocata della donna che aveva tanto amato e mai posseduto.
Ripensa alle lunghe passeggiate, i bei momenti trascorsi con lei a guardare le stelle, abbracciati, pensando al futuro.
Quando non era Morte.
Quando poteva toccare senza uccidere.

Tornò a prenderla un giorno.
Condannata, da una morale servile, per stregoneria.
Si dibatte e urla, legata come una fiera selvaggia, avvolta dalle fiamme purificatrici innalzate per lei al centro della piazza. Malediva.
Esamine, lo riconosce confuso tra la folla. E’ lui.
Gli disse “Andiamo, portami via da qua.”
La morte aspetta sempre il momento giusto, l’esatta frazione di secondo per mostrarsi agli occhi sperduti e dilatati di chi, di lì a pochi minuti, sarebbe evaso da quella gabbia di ossa e carne troppo legata alla terra per riuscire a non crollare senza l’anima.
Sono tutti in fila davanti al suo cospetto, una lunga, interminabile coda dove nessuno timbra il cartellino prima di un altro.
Ognuno aspetta il proprio turno. Senza eccezione.
E il turno arriva anche per quel vecchio e famelico mago che muore tradito e consumato dal suo stesso potere, troppo grande per un insulso mortale.
Lo ritrova nello stesso luogo dove l’aveva lasciato l’ultima volta, una stanza grigia, l’aria viziata impregnata di fumo, mobili appesantiti da fragili oggetti ricurvi e bombati, libri e pergamene.
E’ smunto e inaridito, gli occhi infossati.
“L’immortalità terrena, ciò che cerchi, non ti è dovuto, vecchio. Avresti dovuto calibrare meglio le tue scelte. Magari ora saresti tu a prendere me.”
“Lo so.” disse il mago tendendo la mano al suo destino.
“Errare è umano non divino e la Morte non lascia nulla in sospeso.”
Angelo Nero.

© Cinzia Ceriani




-

dal 2006-03-01
VISITE: 16790


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.