Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [22/09/2019] 4 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Identità riservata di Cinzia Baldini     Punti di vista di Gaia Borella     Come una madre di Maria cristina Piazza     Mio figlio e Bukowski di Massimo Martinelli     Un Brandello di storia di Alessio Salerno    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Facebook
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
2 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
5 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Il modo di cadere
di Lorenzo Paletti
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6727
Media 80.31 %



Devo ancora imparare a cadere, e ogni volta che me ne accorgo, mi stupisco. Come quando, da bambini, i nostri genitori ci dicono cosa fare, senza che nemmeno loro lo sappiano.
Devo, perché è necessario, ancora imparare a rialzarmi dopo essermi fatto male. Pensare che non è impossibile, bisogna andare avanti, non cedere.
Spesso la vita ti insulta, ti deride, ti torce lo stomaco. La mia lo fa troppo spesso. Devo ancora imparare a rialzarmi.
Ho qualcosa in gola, non mi fa parlare. È un supplizio. Non ha fine. È continuo.
Pensavo che ci sarei riuscito, che se non ci sarei riuscito stavolta, non ci sarei cascato di nuovo. Ma le ragazze sono tanto belle, uniche, indispensabili. Ci casco ancora, e ancora.
La cosa che mi fa più arrabbiare è che io la conosco veramente. Io so chi è lei.
E sono suo amico.
Non la conosco solo per il sabato sera, agghindata a festa. Non conosco solo lei con gli occhi lucenti, in preda a chissà quale estasi.
Io la vedo, la conosco, come è tutti i giorni. Quando è arrabbiata, stufa, addolorata. Quando non le si può parlare per tanto è scontrosa. Quando ha dormito poco e porta ancora le occhiaie. Io la conosco vestita come ogni mattina, con la felpa e i jeans sgualciti, non in minigonna e maglietta scelta in una settimana. Io la conosco con la pelle raffreddata dall’inverno, con i capelli sparpagliati dal vento, dagli acquazzoni (non le piacciono proprio gli acquazzoni).
Non truccata, sotto una maschera, che non è lei.
E a me piace così. Per quella che è, non per quella che appare la sera.
Sarebbe magnifico vederla anche la mattina, quando russa o parla nel sonno, mentre si pettina, fa colazione, prepara lo zaino, saluta sua madre, sonnecchia sul pullman, ancora intorpidita dall’inverno.
E sarebbe ancora più bella uscita dalla doccia, con addosso l’accappatoio, una salvietta tra le mani per asciugarsi i capelli bagnati, e lucidi, e profumati, a caderle sulla fronte, sulle spalle.
Mi piace la sua pelle, anche quando è chiara e non abbronzata, non spalmata di creme. Mi piacciono anche la sua pancia e le sue gambe rotonde, la schiena inarcata, gli occhi a mezzaluna quando sorride.
Il suo viso, felice, sbarazzino. Le labbra, che si muovono raccontando delle sere con le amiche, gli amici. Le guance paffute, arrossate dal torrido caldo estivo. Il sorriso perfetto, e bianco, quando ride. E sentire il mio cuore che scoppia per essere riuscito a divertirla. La felicità di poterla vedere. La gioia di poterle parlare.
La mente corre, prepara battute, frasi dolci, pensa a lei.
Ho passato tanto tempo ad ascoltarla, contemplarla, in silenzio.
E così passerei giorni, mesi, anni della mia vita. Solo a guardarla. Gustarla senza proferire parola. È dolce. Tanto da farti venire il diabete.
Corruccia il viso quando fa qualche battuta, mette le gambe incrociate sulla sedia, si pettina con la mano, appanna il bicchiere pieno di tè fresco, si volta sul letto, cercando di dormire, non pensando alla temperatura. Parla con la sua amica nel letto accanto. Apre l’armadio e decide cosa mettersi. Chiude lo sportello della doccia e apre il rubinetto. Scende le scale lentamente, per non fare rumore, mentre i suoi dormono ancora. Ridacchia guardando un film comico. Mette le calze. Canta il CD di Giorgia. Si lava le mani. Litiga con suo fratello, pensa all’altro. Gironzola per le strade del centro e scruta le vetrine. Si mette lo smalto sulle unghie, guarda la sua immagine riflessa allo specchio.
Semplicemente rimane immobile a guardare il sole, i pettirossi solcare il cielo, persa nei suoi pensieri. E anche il migliore dei quadri, non è che tela da bruciare, confrontato con lei.
Con il suo naso. I suoi zigomi. Le sue orecchie. Il suo collo. Le sue dita. Il suo profumo.
Mi piace come è.
Dice che sono il suo migliore amico. Se è così mi piace pensare che l’amore finisce, prima o poi sfuma, si brucia. Inevitabilmente diventa cenere. L’amicizia ben coltivata dura per sempre.
Mi piace pensare di essere il suo angelo custode.
Perderla sarebbe troppo.
E pensare che qualcuno possa ferirla, senza conoscerla davvero, usarla, e poi buttarla come un fazzoletto sporco, mi fa venire qualcosa in gola, che non mi fa parlare, e riesco solo a pensare, e scrivere.
La mia barca sta affondando. C’è un buco e l’acqua entra. Devo resistere. Non so come fare.
Devo riuscirci.
Restare a galla per tutta l’estate.
Non posso affogare ora. Morire.
Lasciarla sola.

© Lorenzo Paletti



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Paletti

Nessun record trovato

Testi di Lorenzo Paletti pubblicati su Progetto Babele

(1) Gli ultimi uomini di Lorenzo Paletti - RACCONTO
(2) Il modo di cadere di Lorenzo Paletti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-07-31
VISITE: 15940


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.