Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    Il ritorno di Fernando Sorrentino (23/06/2021)    palcHOMEscenico in onda su MArteChannel | 40 eventi ‘made at home' 10mila euro per i musicisti emergenti | dal 16 al 29 dicembre (11/12/2020)    [16/09/2021] 0 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     L'incendio nell'oliveto - Capitolo 14 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Viaggio al centro della terra - Capitolo 2 di Jules Verne letto da Gabriel Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 1 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Le tigri di Mompracem - Capitolo 2 di Emilio Salgari letto da Marco R. Capelli     Arrivederci Platone di Daniele Mancuso letto da Voce Robotica Youdao    RECENSIONI     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - L’uomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili     Sleeping beauties di Stephen e Owen King    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e l’inizio del romanticismo in Germania     Dell’umorismo di Franz Kafka de Il processo     I principali elementi del pensiero di Vittorio Alfieri     Una chiave di lettura della tetralogia L’amica geniale    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Il sacco di Bombasharna di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     Chiusura di Marco Pataracchia     Il suo nome? di Amedeo Bruni     Se io fossi ancora qui di Giulia Calfapietro     Angelo invisibile di Giulia Calfapietro     Il cuore in saldo di Giulia Calfapietro    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Bookshop
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
11 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
45 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Il modo di cadere
di Lorenzo Paletti
Pubblicato su SITO


UN SOLO VOTO AMMESSO
Riprova tra 24 ore
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6856
Media 80.27 %



Devo ancora imparare a cadere, e ogni volta che me ne accorgo, mi stupisco. Come quando, da bambini, i nostri genitori ci dicono cosa fare, senza che nemmeno loro lo sappiano.
Devo, perché è necessario, ancora imparare a rialzarmi dopo essermi fatto male. Pensare che non è impossibile, bisogna andare avanti, non cedere.
Spesso la vita ti insulta, ti deride, ti torce lo stomaco. La mia lo fa troppo spesso. Devo ancora imparare a rialzarmi.
Ho qualcosa in gola, non mi fa parlare. È un supplizio. Non ha fine. È continuo.
Pensavo che ci sarei riuscito, che se non ci sarei riuscito stavolta, non ci sarei cascato di nuovo. Ma le ragazze sono tanto belle, uniche, indispensabili. Ci casco ancora, e ancora.
La cosa che mi fa più arrabbiare è che io la conosco veramente. Io so chi è lei.
E sono suo amico.
Non la conosco solo per il sabato sera, agghindata a festa. Non conosco solo lei con gli occhi lucenti, in preda a chissà quale estasi.
Io la vedo, la conosco, come è tutti i giorni. Quando è arrabbiata, stufa, addolorata. Quando non le si può parlare per tanto è scontrosa. Quando ha dormito poco e porta ancora le occhiaie. Io la conosco vestita come ogni mattina, con la felpa e i jeans sgualciti, non in minigonna e maglietta scelta in una settimana. Io la conosco con la pelle raffreddata dall’inverno, con i capelli sparpagliati dal vento, dagli acquazzoni (non le piacciono proprio gli acquazzoni).
Non truccata, sotto una maschera, che non è lei.
E a me piace così. Per quella che è, non per quella che appare la sera.
Sarebbe magnifico vederla anche la mattina, quando russa o parla nel sonno, mentre si pettina, fa colazione, prepara lo zaino, saluta sua madre, sonnecchia sul pullman, ancora intorpidita dall’inverno.
E sarebbe ancora più bella uscita dalla doccia, con addosso l’accappatoio, una salvietta tra le mani per asciugarsi i capelli bagnati, e lucidi, e profumati, a caderle sulla fronte, sulle spalle.
Mi piace la sua pelle, anche quando è chiara e non abbronzata, non spalmata di creme. Mi piacciono anche la sua pancia e le sue gambe rotonde, la schiena inarcata, gli occhi a mezzaluna quando sorride.
Il suo viso, felice, sbarazzino. Le labbra, che si muovono raccontando delle sere con le amiche, gli amici. Le guance paffute, arrossate dal torrido caldo estivo. Il sorriso perfetto, e bianco, quando ride. E sentire il mio cuore che scoppia per essere riuscito a divertirla. La felicità di poterla vedere. La gioia di poterle parlare.
La mente corre, prepara battute, frasi dolci, pensa a lei.
Ho passato tanto tempo ad ascoltarla, contemplarla, in silenzio.
E così passerei giorni, mesi, anni della mia vita. Solo a guardarla. Gustarla senza proferire parola. È dolce. Tanto da farti venire il diabete.
Corruccia il viso quando fa qualche battuta, mette le gambe incrociate sulla sedia, si pettina con la mano, appanna il bicchiere pieno di tè fresco, si volta sul letto, cercando di dormire, non pensando alla temperatura. Parla con la sua amica nel letto accanto. Apre l’armadio e decide cosa mettersi. Chiude lo sportello della doccia e apre il rubinetto. Scende le scale lentamente, per non fare rumore, mentre i suoi dormono ancora. Ridacchia guardando un film comico. Mette le calze. Canta il CD di Giorgia. Si lava le mani. Litiga con suo fratello, pensa all’altro. Gironzola per le strade del centro e scruta le vetrine. Si mette lo smalto sulle unghie, guarda la sua immagine riflessa allo specchio.
Semplicemente rimane immobile a guardare il sole, i pettirossi solcare il cielo, persa nei suoi pensieri. E anche il migliore dei quadri, non è che tela da bruciare, confrontato con lei.
Con il suo naso. I suoi zigomi. Le sue orecchie. Il suo collo. Le sue dita. Il suo profumo.
Mi piace come è.
Dice che sono il suo migliore amico. Se è così mi piace pensare che l’amore finisce, prima o poi sfuma, si brucia. Inevitabilmente diventa cenere. L’amicizia ben coltivata dura per sempre.
Mi piace pensare di essere il suo angelo custode.
Perderla sarebbe troppo.
E pensare che qualcuno possa ferirla, senza conoscerla davvero, usarla, e poi buttarla come un fazzoletto sporco, mi fa venire qualcosa in gola, che non mi fa parlare, e riesco solo a pensare, e scrivere.
La mia barca sta affondando. C’è un buco e l’acqua entra. Devo resistere. Non so come fare.
Devo riuscirci.
Restare a galla per tutta l’estate.
Non posso affogare ora. Morire.
Lasciarla sola.

© Lorenzo Paletti



Recensioni ed articoli relativi a Lorenzo Paletti

Nessun record trovato

Testi di Lorenzo Paletti pubblicati su Progetto Babele

(1) Gli ultimi uomini di Lorenzo Paletti - RACCONTO
(2) Il modo di cadere di Lorenzo Paletti - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2006-07-31
VISITE: 16720


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali