Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    SOSTENETE “ILCORSARONERO” RINNOVANDO L’ABBONAMENTO (07/09/2019)    Eugraphia seleziona opere per ragazzi (da sei a quindici anni) (05/09/2019)    Black Window: al via la seconda edizione! (24/06/2019)    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    [19/09/2019] 6 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Mondo Artigiano scadenza 2019-09-20    360 Autori per tutto l’anno scadenza 2019-09-21    Fiori d'Inverno scadenza 2019-09-28    Tema: “Lo scrittore Michele Malanca attraverso la sua ultima opera: Storia di Andrea Pagani e altri racconti” scadenza 2019-09-30    Mario Zanaria scadenza 2019-09-30    PREMIO LETTERARIO DAUNIA&SANNIO scadenza 2019-09-30    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    CartaCarbone Festival Letterario Autobiografia e dintorni 2019 | Presentazione della sesa edizione - Treviso, Sabato 21 Settembre 2019, ore 11, Chiesa di San Teonisto (FESTIVAL LETTERARIO 2019-09-21)    PAT - Percorsi di Avvicinamento al Teatro - II edizione - 6 incontri, tutti gratuiti (Roma) (NOSCELTA 2019-09-26)    Festival Letterario CartaCarbone “Autobiografia e dintorni” - Sesta Edizione (NOSCELTA 2019-10-13)    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Quella casa sulla collina di Marcello Caccialanza letto da Alberto Sannazzaro     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena    RECENSIONI    I Figli di Dio di Glen Cooper    La cripta dei teschi forati di Luigi Tortora    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino    Il Barone di Giuseppe Antonio Martino     Fossi in te io insisterei di Carlo Giuseppe Gabardini    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli     Promesse da marinaio di Daniele Filzi    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci    Articoli e saggi     Lorenzo Calogero, il “folle” medico-poeta di Melicuccà     Congiunzione e disgiunzione in Eugenio Montale     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Lingua e poesia nelle opere di Nino De Vita     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato    Racconti     Ritratto di signora in rosso di Bruno Corino     Ore 04.50 Giorno Primo di Consolato Mercuri     Ore 04.50 - Giorno terzo di Consolato Mercuri     Solitudine di Carla Montuschi     Speranze di Maria cristina Piazza    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Assenzio di Sandro Lillo Spallino     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
27 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
3 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Tre sorelle
di Ilaria Dal Brun
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 4948
Media 79.89 %



Spesso viene fatto un raffronto tra la vita delle sorelle Brontë e i loro romanzi. Da questo raffronto, è la vita ad avere la peggio: ne esce piatta, insignificante, ordinaria, “di provincia”, resa solo un po’ più interessante dagli eventi luttuosi che si sono abbattuti sulla famiglia. Ma se Charlotte, Emily e Anne potessero dire la loro, sarebbero d’accordo?

PRIMA SORELLA. Affamata di conoscenza, spazio con gli occhi della mente (quelli del corpo non mi aiutano molto, miope come sono) su mondi che rispecchiano quello in cui vivo, eppure al tempo stesso così diversi, così intensi, così... a lieto fine. Quel lieto fine che, forse, cerco anch’io. Vivo in un paesino di campagna e non sono bella. Ma la potenza della mia mente mi porta lontano, attirando a me amici e ammiratori per i quali il mio aspetto fisico conta poco, surclassato senza neanche troppa fatica da un’energia che sembra non finire mai. No, non potrei mai rimanere per sempre in questo paesino. Il mio desiderio di sapere, di conoscere, di vedere mi porta in luoghi impensabili per donne come me. Spegnere la mia sete di conoscenza? E perché mai dovrei? Quella sete mi è compagna, è la mia ragione di vita. Io che amo la vita e che a lei mi aggrappo con tutte le mie forze. E poi, in questo modo mi sento importante. O pensavate che mi sarei accontentata di essere semplicemente “la figlia del pastore”? “Papà, ho scritto un libro”, gli ho detto una volta. All’inizio mi ha bonariamente presa in giro. Poi però l’ha letto e mi ha guardata con occhi diversi. La scrittrice era venuta al mondo. Ora mi dicono che ho talento, decantano il mio stile, mi pubblicano. Sono colta, sono intelligente, sono energica, sono famosa. Ma qui, senza giri di parole, vi voglio dire che sto scappando. Scappo da una società provinciale e priva di colore, scappo da ricordi d’infanzia che ancora mi ossessionano, scappo da un giardino disseminato di tombe, scappo da una sorella pervasa da una genialità che spegne la mia luce. Scappo e scappando dimentico chi sono.

SECONDA SORELLA. Di molte parole non lo sono mai stata. Almeno non con gli altri. Ma dentro di me scorrono interminabili dialoghi fatti di luce e di tenebra, di sangue e di infinito, alla ricerca di una perfezione che non è di questo mondo (la mediocrità non fa per me). Rifuggo gli estranei, ma non certo per paura. Io non ho mai paura. Semplicemente, preferisco che nessuno si avvicini a me. Non amo la compagnia degli esseri umani. Gli animali mi si confanno di più. Animale, animalesca, impossibile da rinchiudere, da controllare, da imbrigliare, da capire. Uno zingaro nell’anima. La gente mi guarda con diffidenza, ma questo non mi preoccupa. Nemmeno le mie sorelle mi comprendono del tutto, ma nutrono per me un affetto reverenziale. Io sono la loro leonessa. Sì, hanno cercato di addomesticarmi, una volta, rinchiudendomi in una scuola per brave signorine. Mi sono quasi lasciata morire. Un’altra volta hanno riprovato e allora ho finto di adattarmi, ma alla prima occasione sono fuggita, per tornare a casa mia, in quegli spazi aperti dove sono pochi gli uomini che osano avventurarsi. E lì, nel mio territorio, cammino a testa alta, come un capitano che porta avanti con orgoglio la sua nave. Un capitano, ecco cos’avrei potuto essere. Dal di fuori sembro una brava e diligente donna di casa. È così che mi vedono in famiglia, almeno. Niente di più sbagliato! Faccio quello che devo fare perché mi lascino in pace a inseguire il mio grande amore: il fuoco. Sì, da sempre inseguo il fuoco, perché lo amo, perché è come me. Oh, se mia sorella mi sentisse! Per lei una donna che ama il fuoco è solo una povera pazza. Ma io conosco la sua forza dominante e la anelo. E adesso finalmente l’ho ottenuta. È dentro di me, mi sta bruciando i polmoni. Lasciatela bruciare.

TERZA SORELLA. Ultima nata in famiglia, entro nella vita come un sussurro. Un soffio angelico, direbbe mia sorella. Sussurrare mi diventa così familiare che ne faccio il mio tratto distintivo. Piccola, fragile, sussurrante. Ma quella che sono io veramente, ve lo dico adesso, tra parentesi (che rimanga tra me e voi, sottovoce, e lasciate pure che continuino a vedermi come meglio credono). Le mie sorelle mi definiscono “cagionevole” e io accetto questa definizione, così come accetto tutto quello che la vita mi dà (soprattutto, quello che non mi dà). Volevo una madre, ma accetto di avere un’istitutrice (adeguata, corretta, ma fredda e avvizzita, perché strappata dal nutrimento della sua terra). Volevo una persona speciale, ma accetto di perderla senza urlare di dolore (le urla le lascio a mio fratello, a lui gli estremi sono concessi). Volevo dimostrare il mio talento, ma accetto di vivere di luce riflessa (eppure, se leggete i miei scritti, vedrete che là dentro non brilla nessun astro se non il mio). Volevo una vita tranquilla e serena, accanto alla sorella che adoro, ma accetto di trascorrerla lontano da casa, in compagnia di un fratello ormai perduto. Ho fame d’aria, ma mi accontento di piccoli respiri. Io, ultima di tutti i fratelli, sono la prima a capire che è ora di smettere di sognare. Strano, vero? La sorella più fragile, la più discreta, la più piccola è anche quella che sa mettere da parte l’infanzia e i desideri irraggiungibili per incamminarsi lungo la strada della vita reale, una vita che non risparmia nulla, una vita faticosa, che toglie il fiato. Ma volete sapere qual è la cosa più buffa? Che nessuno se ne accorge.

TRE SORELLE. Nella vita di tutti i giorni siamo tre donne, tre sorelle. Tra di noi parliamo di fatti quotidiani, di patate da pelare, di pane da cuocere, di lavoro, qualche volta di politica e del tempo che fa. I pensieri più profondi li affidiamo alle nostre dita, a un pezzo di carta, a una penna. Nello scritto le nostre identità prendono forme assai curiose. Là diamo sfogo ai nostri sogni mai realizzati, alle nostre aspirazioni, alle convinzioni, agli ideali. Parliamo a un mondo che non sempre ci capisce, non sempre ci accoglie. E allora è la voce dei nostri personaggi a chiederlo esplicitamente: “Fammi entrare, fammi entrare, fammi entrare...”. Ma quando rileggiamo i nostri scritti, ci scopriamo diverse. Ci scopriamo uomini.


Maggio 2006

© Ilaria Dal Brun



Recensioni ed articoli relativi a Ilaria Dal Brun

Nessun record trovato

Testi di Ilaria Dal Brun pubblicati su Progetto Babele

(1) Collettività e individualità nella tradizione orale; alcune riflessioni a cura di Ilaria Dal Brun - ARTICOLO
(2) Un incontro tra Cenerentola e un emulo di Rip Van Winkle di Ilaria Dal Brun - RACCONTO
(3) Tre sorelle di Ilaria Dal Brun - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2006-08-21
VISITE: 13655


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.