Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Cos'è PB? Chi siamo? Collabora con PB
Audiolibri BookShop Arretrati
HomePage Contatta PB Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Instagram Linkedin Gruppo Telegram
TeleScrivente:    Foglio Letterario n.21 ON LINE - AUTUNNO DEI LIBRI (13/10/2021)    PB AUDIOLIBRI Presenta Incendio nell'oliveto di Grazia Deledda (10/10/2021)    Progetto Babele 7 di nuovo disponibile in formato cartaceo (30/08/2021)    DISPONIBILE IL FOGLIO LETTERARIO NUMERO 20 (27/06/2021)    [19/10/2021] 5 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    FIORI DĺINVERNO scadenza 2021-10-23    LA VOCE DEI LUOGHI scadenza 2021-10-26    Luigina Parodi 2021 - X Edizione scadenza 2021-10-29    VICTORIA 3.0 Premio Letterario scadenza 2021-10-31    "I Versi non scritti" scadenza 2021-10-31    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     Il vecchio della montagna - Capitolo 01 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 03 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 02 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 04 di Grazia Deledda letto da C.Caria     Il vecchio della montagna - Capitolo 05 di Grazia Deledda letto da C.Caria    RECENSIONI     Strani amori di Barbara Becheroni     Lĺaritmetica del noi di Paquito Catanzaro     Non muoiono le api di Natalia Guerrieri     Pasolini - Lĺuomo che conosceva il futuro di Marco Trevisan     Una vita da bipolare di Paola Gentili    Il Parere di PB     Cambi di prospettive di Ilaria Ferramosca     Express Tramway di Vittorio Baccelli    Il lungo viaggio di Chaetodon Vagabundus di Francesco Sciortino    I buoni ed i cattivi frutti di Francesca Ricci     Dio tu e le rose di Brunetto Salvarani e Odoardo Semellini    Articoli e saggi     Maurizio Salabelle (1959-2003) La narrativa italiana nel segno del surreale     Il vecchio della montagna     Poesia e videopoesia nel mondo contemporaneo.     Il preromanticismo e lĺinizio del romanticismo in Germania     Dellĺumorismo di Franz Kafka de Il processo    Racconti     Che cosa leggiamo domani? di Massimiliano Scorza     La mia intervista impossibile di Gianluigi Redaelli     La svolta di Barbara di Jacob Von bergstein     La roulette di Cinzia Baldini     Trapianto di Carlotta Reboni    Biografie     Fazil Iskander (1929-2016)     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     NÚmirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)    Traduzioni     Un campionato incompiuto di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Con la "de palo" di Fernando Sorrentino trad. di Marco R. Capelli     Barman Adgur di Fazil Iskander trad. di Aldona Palys     La signorina Cubbidge e il dragone del Romanzo di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud     Dove sale e scende la marea di Lord Dunsany trad. di Manny Mahmoud    Poesie     RitornerÓ? di Elisa Negri     Sono qui di Elisa Negri     Biglie di Marco Pataracchia     Nelle mie terre di Marco Pataracchia     Paura di volare- di Catia Capobianchi    Cinema     The Censor, un horror sociale britannico ( 2021) regia di Guerrilla Metropolitana     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     The Blind Side (USA - con Sandra Bullock: Leigh Anne Tuohy Tim McGraw: Sean Tuohy Quinton Aaron: Michael Oher Jae Head: S.J. Tuohy Kathy Bates: Miss Sue 2010) regia di John Lee Hancock    Musica     Le rose e il deserto, un progetto artistico di Luca Cassano che nasce da Pisa (2021) - Luca Cassano     ScimpanzŔ (2015) - Loris Dalý     FIN (2014) - - Thomas -    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Angolo di SImone
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
13 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
1 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
41 novità in archivio
Doc
Newsletter Conc.&Eventi
Iscriviti ora, per essere sempre informati su Concorsi Letterari ed Eventi Culturali!
Assaggi
Le Recensioni
     

Fiaba
di Elio Zagami
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 13184
Media 78.73 %



In una grigia e piovosa giornata di novembre, Leonardo e Isak, compagni di scuola e amici inseparabili, non hanno nessuna idea su come far trascorrere il pomeriggio.
Uscire con le biciclette non si pu´┐Ż; in salotto, la televisione non c´┐Ż´┐Ż, ´┐Ż stata portata in citt´┐Ż a riparare. Ieri Leonardo correndo in casa, l´┐Żha fatta cadere dal mobile. Per fortuna non si ´┐Ż rotta in modo grave, lui non si ´┐Ż fatto male e la mamma non si ´┐Ż arrabbiata molto. Gi´┐Ż domani lo schermo potr´┐Ż ritornare al suo posto, ma oggi intanto con questo cielo scuro i due amici non sanno inventarsi un gioco comune che li diverta, ed il tempo non passa mai.

La mamma di Leonardo, Stella Marina, ´┐Ż in cucina, prepara con un occhio le patate da friggere per la cena della sera, e con l´┐Żaltro controlla i ragazzi. Non si sa mai, basta cos´┐Ż poco perch´┐Ż combinino qualche guaio!
Leonardo ´┐Ż steso sul tappeto del salone, legge un fumetto di Tex Willer, mentre Isak seduto al tavolo usa matite colorate su un foglio bianco. Disegna nuvole cupe, un sole giallo giallo e un albero.

Stella Marina per´┐Ż presto si accorge che qualche cosa non va, c´┐Ż´┐Ż troppo silenzio, rotto solo da profondi sospiri dei due amici che spesso alzano la testa dai loro passatempi , cercando con gli occhi il cielo fuori dalla finestra.

- ´┐ŻQuesta ´┐Ż noia! ´┐Ż pensa la mamma attenta. Lo sa bene lei, che ricorda quando da bambina non sapeva che fare nei lunghi giorni di pioggia e andava in cerca del nonno per farsi raccontare qualche storiella.

-´┐ŻQui, serve un´┐Żidea! ´┐Ż si dice, e senza perdere altro tempo, si mette all´┐Żopera. Cerca nella credenza della cucina qualche cosa di allegro. Una tazza gialla, una tazza blu, una tazza verde. Cioccolata calda e biscotti bianchi di zucchero a velo per tutti.
Entra piano piano in salotto, posa il vassoio sul tavolinetto e si siede al centro del grande sof´┐Ż.

-´┐Ż Leonardo, Isak´┐Ż chiama, ´┐Żavvicinatevi! Sedetevi qui, vicino a me, facciamo tutti insieme merenda, ed io intanto vi racconter´┐Ż una storia´┐Ż´┐Ż

Non se lo fanno ripetere i ragazzi, lasciano fumetti e matite, prendendo veloci posto sul sof´┐Ż.
Leonardo a destra e Isak a sinistra.
A Stella Marina pare di essere una chioccia che scalda i suoi pulcini proteggendoli sotto le ali.
Bevono tutti un sorso di cioccolata , Stella Marina si schiarisce la voce, sistema i cuscini dietro la schiena.

- ´┐Ż Siete pronti? ´┐Ż
I bimbi le si stringono vicino. Curiosi di avventure e contenti di cioccolata si preparano ad ascoltare e, come quando a scuola hanno provato il gioco del teatro, si spegne la luce, il pubblico tace, si alza il sipario, ed il racconto ha inizio.

´┐ŻSantiago e Arturo sono due fratelli, non litigano mai fra di loro, e stanno sempre insieme. Hanno anche un fratello pi´┐Ż grande, Pietro che ha gi´┐Ż 16 anni ´┐Ż alto alto e sta sempre nella sua stanza, solo o con qualche amico. Ascolta musica alla radio e gi´┐Ż da qualche tempo legge libri senza figure, fatti tutti di parole.
In famiglia c´┐Ż´┐Ż anche Al´┐Ż, il cane barboncino. Bianco e ricciolino segue i piccoli ovunque vadano.

Santiago ha quasi 12 anni e boccoli colore dell´┐Żoro. Porta sempre larghi pantaloni con grandi tasche che gli servono per custodire le sue armi segrete: una lente di ingrandimento per vedere meglio le cose piccole, una torcia per vedere bene dove mette i piedi quando fa buio, un piccolo binocolo per vedere vicine le cose lontane, un accendino scarico che ´┐Ż il suo portafortuna e una lunga funicella con attaccato un gancio di plastica che gli serve per fare un sacco di cose. E´┐Ż un bambino ingegnoso Santiago ed ´┐Ż sempre molto indaffarato.

Arturo ´┐Ż il pi´┐Ż piccolo, ha appena compiuto 10 anni. La formica dei denti si ´┐Ż gi´┐Ż portata via il suo ultimo dente da latte e ha lasciato al suo posto una bellissima bicicletta gialla, uguale a quella di Santiago. Adesso pu´┐Ż ben dire anche lui di essere quasi grande! Arturo ´┐Ż agile, scattante, ha grandi occhi scuri e, almeno cos´┐Ż dice lui, non ha pi´┐Ż paura di niente, figuratevi, neanche del buio!
Come Santiago, Arturo nasconde i suoi tesori nelle tasche dei pantaloni. Ci tiene infatti un libricino con le illustrazioni delle piante carnivore che gli ha regalato il nonno e una torcia di metallo che fa la luce viola.
Inoltre, ci mette semi di piante che trova in giardino, sassi dalle forme strane e bastoncini di diverse misure che ruba ad Al´┐Ż quando scava le sue buche in cerca degli ossi nascosti.

Durante un giorno di vacanza, ventilato e caldo, i due fratelli e l´┐Żinseparabile cane si avviano alla scoperta di nuovi pianeti con le loro biciclette spaziali. Fanno un gran giro per i prati e per le vie intorno al paese. Pedala e pedala arrivano un poco stanchi ad un bivio e, indecisi se andare di qua o andare di l´┐Ż, seguono il cane che saltellando ha imboccato una stretta stradina di sassi che scrocchiano sonori sotto le ruote delle loro navicelle.
Non c´┐Ż´┐Ż cancello a chiudere il vialetto , solo un cartello di legno con su scritto ´┐Ż PAXTON´┐Ż . Ogni lettera che compone quello strano nome, ha un colore diverso. La P ´┐Ż rossa, la A ´┐Ż gialla, X in blu, T in verde , O in arancione per finire con un N viola.
Alla fine della strada un ombroso giardino di alti alberi secolari, in fondo al giardino una grande e vecchia costruzione. Ha la struttura di ferro e le pareti fatte solo di vetri.
- ´┐Ż E´┐Ż una serra ! ´┐Ż dice Arturo, che ne ha vista una uguale sul suo libro di piante carnivore.

Il cane Ali si ´┐Ż fermato proprio l´┐Ż davanti, intorno non c´┐Ż´┐Ż nessuno e la porta a vetri ´┐Ż socchiusa.
Sono incuriositi i ragazzi, ma anche un poco timorosi. E se dentro ci fosse qualcuno?
Non sanno che fare , hanno tanta voglia di entrare ma stanno l´┐Ż fermi a guardare quella porta aperta.
Ci pensa Al´┐Ż ad aiutarli, senza esitazioni muove il suo buffo naso nero nell´┐Żaria e si infila dentro.
I ragazzi si prendono per mano e lo seguono senza fare rumore. Fatti pochi passi dentro la serra vengono investiti da un forte odore. No, non ´┐Ż odore, ´┐Ż profumo, non uno solo, sono mille i profumi che ci sono l´┐Ż dentro. Mille profumi mescolati insieme che li avvolgono e si posano sulle loro narici. Profumi nuovi , che i ragazzi non hanno mai sentito, ma non c´┐Ż´┐Ż da spaventarsi, basta alzare un poco lo sguardo, fare ancora qualche passo per capire da dove arrivino quegli odori.
Ci sono centinaia di piante, con grosse foglie, verdissime, carnose e lucide, con lunghi tentacoli bianchi e contorti. Sono appese in aria, o sedute su strane sedie di ghiaino, e da l´┐Ż stanno a guardare i nuovi arrivati.

- ´┐ŻUna jungla! Esclama Santiago.
- ´┐ŻUna casa con una jungla dentro!´┐Ż aggiunge Arturo.
Che stupidi sono stati ad avere paura, si dicono, ´┐Żqui ci sono solo piante e fiori!´┐Ż.
Al´┐Ż intanto non si ferma, annusa e scodinzola, scodinzola e annusa, avanza sicuro e sembra abbia fiutato qualcosa di molto speciale.
Avanti allora, si dice Santiago, andiamo avanti. Ecco, ora Al´┐Ż si ´┐Ż fermato, guaisce contento, come quando fa festa ai padroncini che rientrano da scuola.

- ´┐ŻChe cosa avr´┐Ż visto mai? ´┐Ż si interrogano i ragazzi.

Uno strano insetto ronza sulle loro teste, fa dei giri di ricognizione, i due lo seguono con gli occhi, e in cuor loro sperano che non abbia il pungiglione. Ecco che si ferma sospeso nell´┐Żaria muovendo le ali a ritmo veloce, in picchiata ora scende. Lo guardano sparire dentro la bocca di un grande fiore.
Emana un profumo intenso, dolce e non riescono i due a distogliere il naso dalla scia di miele e gli occhi dal lavoro dell´┐Żinsetto che sta perlustrando quella delicata caverna posandosi e rialzandosi, posandosi e rialzandosi . Sulle sottili zampette nere ed un poco sulle ali si attaccano piccoli granelli, come di sabbia finissima, che sono parte del fiore, ma che esso lascia andare con l´┐Żinsetto e non sembra soffrire per questo. L´┐Żinsetto, col suo carico di polvere d´┐Żoro si alza in volo e se ne va rapido e ronzante per infilarsi subito in un altro fiore che sta poco lontano.
Nel silenzio della jungla fiorita, un rumore, secco e improvviso. Zac! Zac! Rumore metallico di forbici che tagliano. Al´┐Ż adesso, abbaia.
- ´┐Ż C´┐Że qualcuno! ´┐Ż sussurra Santiago ad Arturo. Si guardano spaventati. Non sanno se stare fermi immobili o se scappare a gambe levate .
Da dietro un cespuglio di foglie folte, lunghe e sottili, esce un uomo, vecchio e bianco come Babbo Natale . Ha occhi piccoli, chiari e sorridenti.
Al´┐Ż gli si avvicina, annusa, scodinzola e i ragazzi, dapprima impietriti da quella apparizione inaspettata si fidano ancora una volta del cane che non ´┐Ż per nulla impaurito, e si avvedono che egli ha una faccia simpatica, pochi capelli e orecchie a punta come gli gnomi delle fiabe che racconta il nonno.
Il vecchio si avvicina e accarezza Al´┐Ż che si lascia coccolare.

- ´┐ŻDunque non ´┐Ż cattivo ! meno male,´┐Ż pensa Santiago, e quasi senza rendersene conto, sente la sua voce uscire dalla bocca :
- ´┐ŻChi ´┐Ż lei ? perch´┐Ż abita qui con tutti questi fiori ? ´┐Ż

Un largo sorriso si apr´┐Ż sul volto del vecchio, da molto tempo non riceveva visite, da molto tempo non rispondeva a domande. Ma quei ragazzi, cos´┐Ż curiosi e coraggiosi, gli ricordano la sua fanciullezza.
- ´┐ŻMi chiamo Paxton, bambini, questa ´┐Ż la mia casa e i fiori sono la mia famiglia ´┐Ż.

Aveva una voce profonda che usciva lenta, scandendo piano le parole, quasi le volesse misurare per non dirne qualcuna di troppo che potesse in qualche modo spaventarli.

- ´┐Ż Con i fiori io vivo, e loro vivono con me. Ci siamo solo noi qui. ´┐Ż

Santiago e Arturo immobili, pensano ora di essersi cacciati proprio in un bel guaio, ma quella voce profonda
sembrava una voce che uscisse dall´┐Żacqua, parole come le onde lunghe di un mare calmo e piatto, adatto per nuotare senza paura e tuffarci la testa in cerca di tanti tesori.

Sono un poco frastornati dal denso odore, dal calore umido e pesante della stanza, ma non c´┐Ż´┐Ż pi´┐Ż nessuna paura solo tanta voglia di sapere di lui e della sua grande famiglia, di tutto questi figli-fiori che sono uno diverso dall´┐Żaltro. E allora le domande arrivano alla lingua e trattenerle non ha senso, si dicono. Anche la mamma lo ripete spesso : ´┐Żle cose che non si conoscono, vanno chieste a chi te le pu´┐Ż spiegare.´┐Ż
Chi meglio di Paxton dunque, poteva svelare loro i segreti della jungla fiorita? Solo lui poteva, solo lui che viveva con le piante e con i fiori come fossero i figli suoi.

Cominci´┐Ż il piccolo Arturo, curioso e quasi irriverente come al suo solito.
´┐Ż Io mi chiamo Arturo e questo ´┐Ż mio fratello Santiago. Come si chiamano i suoi fiori? ´┐Ż
- ´┐Ż Questi fiori, attacc´┐Ż egli, fanno parte della grande famiglia delle orchidee. E´┐Ż una delle famiglie pi´┐Ż grandi del regno vegetale e ogni pianta che tu qui vedi ha un suo nome specifico. Purtroppo per voi, la loro pronuncia non ´┐Ż molto semplice perch´┐Ż dal loro nome si devono capire molte cose, chi sono i loro antenati per esempio, la forma delle foglie, il colore del loro fiore, se amano la luce o se preferiscono l´┐Żombra. E ancora, il terreno che bisogna preparare affinch´┐Ż crescano sane e rigogliose.´┐Ż
- ´┐ŻOgnuna di loro, continu´┐Ż, ´┐Żviene dai pi´┐Ż diversi angoli del mondo. Qualcuna arriva dalle alte montagne, qualcuna invece dalle foreste tropicali e altre ancora dalle isole pi´┐Ż lontane che l´┐Ż uomo conosca.
Dalle Americhe all´┐Ż Asia, passando per l´┐ŻEuropa e anche per l ´┐ŻItalia dove ne troviamo diverse specie, piccoline e molte belle.
Ognuna ha una sua temperatura preferita e per questo bisogna sistemarle in punti diversi della casa. Io poi, che le conosco bene so quando hanno fame o sete, se hanno sonno o se mi vogliono dire qualcosa di particolare. ´┐Ż

- ´┐Ż Vedi questo bel fiore bianco ? Sembra una coppa per bere vero? ´┐Ż Ha un nome molto difficile, si chiama Cattleya Eldorado Splendens, ´┐Ż molto rara e delicata e per lei ho preparato un cibo speciale di cui va ghiotta. Tieni, daglielo tu .´┐Ż
E consegn´┐Ż ad Arturo del terriccio scuro che lui mise con molta delicatezza nel vaso di quel bel fiore.

- ´┐Ż Hai visto ? E´┐Ż stato facile vero ? ora fai attenzione, il fiore ti ringrazier´┐Ż con un sorriso´┐Ż.

Arturo fissava quel fiore magnifico, contento di avergli dato da mangiare e cercava ora in quei petali un segno di qualche tipo, come aveva detto il vecchio. Ma non vedeva nulla. Si stropicci´┐Ż gli occhi , riguard´┐Ż ma ancora non vide nulla. Forse Paxton ´┐Ż pazzo, pens´┐Ż.

Questa faccenda del fiore sorridente, affamato e parlante incurios´┐Ż molto Santiago che voleva, a questo punto a tutti i costi vedere la faccia vera dei fiori. Nessuno gliene aveva parlato mai. Possibile? Si chiedeva, eppure in giardino abbiamo molti fiori, ma non li ho mai visti sorridere e tanto meno li ho sentiti parlare.
Il vecchio intu´┐Ż i pensieri del ragazzo, lo prese per mano. S fermarono al centro della serra, davanti ad un grande vaso.

- ´┐Ż Guarda ´┐Ż

Santiago fissava quella maestosa pianta, rigogliosa di foglie verdi e brillanti. Molti steli lunghi e sottili partivano di fra le foglie e si ergevano verso il sole che entrava dal tetto di vetri di quella insolita abitazione.
Alcuni steli andavano dritti dritti in alto, ed erano colmi di boccioli rosati pronti a schiudersi. Altri steli uscivano contorti direttamente dalla terra. Di un colore pi´┐Ż chiaro, pareva cercassero qualcosa nell´┐Żaria.

Arturo si avvicin´┐Ż, era molto attirato da quei fili contorti e subito chiese:

- ´┐ŻScusi signor Paxton, ma cosa sono questi tentacoli che escono da sotto ?´┐Ż

- ´┐Ż Radici,´┐Ż rispose egli. ´┐ŻAttraverso questi fili sottili la pianta prende il suo nutrimento. Un poco dalla terra, un poco dall´┐Żaria ed un poco dalla luce. Non dimenticarlo,´┐Ż aggiunse,´┐Żsi tratta di una ricetta ben dosata che io e pochi altri conosciamo. Se tu riuscirai a dare ad ogni pianta ci´┐Ż che vuole, ogni fiore ti sorrider´┐Ż e se sarai attento, bada, molto attento alle loro richieste potrai ben sentire i loro ringraziamenti.´┐Ż. Poi aggiunse: ´┐Żavvicinatevi bambini ho da mostrarvi ancora qualcosa.´┐Ż
Si avvicinarono di pi´┐Ż alla pianta. Il signor Paxton le si rivolse come ad una persona e piano le sussurr´┐Ż: Ciao mia piccola venere, come stai oggi ? ´┐Ż

A sentire quelle parole Santiago sussult´┐Ż. Proprio la sera prima , prima di dormire aveva letto un libro preso a caso dalla biblioteca della scuola. La storia narrava dell´┐Żimmortale Dio Adone e della bellissima Dea Venere che, innamorati e felici, insieme vanno a caccia fra i monti dell´┐ŻOlimpo. Sorpresi da un forte temporale, scappano via e la bella Venere nella corsa, perde un calzare. Cessata la tempesta, un semplice mortale che ripercorre quegli stessi sentieri, trova la scarpa divina ma non fa in tempo a chinarsi per raccoglierla che quel cuoio e quei lacci si ancorano alla terra trasformandosi in una splendida orchidea. La ´┐Ż Scarpetta di Venere´┐Ż , appunto.
- ´┐Ż Eccola! ´┐Ż era lei, era la scarpa di venere, quella del suo libro !
Lo prese una grande emozione. Era la prima volta che trovava nel mondo reale un fatto letto nel mondo dei libri.
- ´┐Ż E´┐Ż tutto vero, dunque ! Paxton, non ´┐Ż pazzo! ´┐Ż
Intanto il signor Paxton continuava a sussurrare parole alla sua Venere in un dialogo segreto e intimo.
Santiago guardava quella bellissima forma di fiore, quel suo colore quasi di vetro trasparente, fragile apparentemente, che rivolgeva al cielo i suoi bracci contorti.
Ed ecco, il miracolo. Un bocciolo fra i tanti, gonfio e di un tenue rosa, si mosse. Dapprima pianissimo, e Santiago pens´┐Ż di avere le traveggole, ma poi, no si disse, si muove veramente! E la scarpetta di venere che fino a pochi minuti fa era bocciolo, gli apparve completamente dischiusa. Emanava un soave profumo e il suo colore ricordava la purezza della neve di dicembre appena caduta.

Rimasero i bimbi attoniti di fronte a tanta bellezza, e non riuscivano a distogliere lo sguardo da quel fiore, grande e immacolato che mostrava loro le sue parti pi´┐Ż belle.
Ad Arturo ora, immobile, gli occhi grandi spalancati, fissi sulla bocca del fiore, parve di sentire un suono. Guard´┐Ż subito il fratello, come a chiedergli se fosse stato lui a parlare. Ma no, Santiago aveva la bocca chiusa. ´┐ŻChi ha parlato dunque?´┐Ż pens´┐Ż ´┐Ż Possibile, veramente che sia stato questo splendido fiore? ´┐Ż
Non ne era del tutto convinto, ma cominciava a guardare quelle creature con occhi diversi.
Mosse qualche passo in avanti, ed ecco un altro fiore, un'altra figlia di Paxton, gli si par´┐Ż davanti al viso.

´┐Ż´┐Ż..Arturo, Arturo´┐Ż.Ciao Arturo, Riesci a sentirmi? ´┐Ż
- ´┐Ż chi mi chiama? ´┐Ż

´┐Ż ´┐Żsono io Arturo, sono il fiore, guardami´┐Ż, sono l´┐Żorchidea della Nuova Zelanda.´┐Ż

Arturo a quel punto non sapeva che fare. Paxton era sparito e anche Santiago non si vedeva.
Solo Al´┐Ż stava l´┐Ż con lui , tranquillo e scodinzolante puntava il suo naso nero e mobile, dritto al fiore parlante.
Le gambe non si muovevano, e allora decise di fidarsi ancora una volta del fedele amico a quattro zampe.
Si sedette a gambe incrociate sotto quella bella campana violacea, non disse nulla e fu il fiore a parlare:
- ´┐Ż Ti voglio raccontare la mia storia. ´┐Ż
- ´┐Ż Devi sapere caro Arturo, che nell´┐Żisola dove sono nata, dove abitarono i miei antenati, e dove ancora vivono i miei parenti, i Maori, l´┐Żantico popolo che in quella terra si ferm´┐Ż, raccontano che le orchidee non sarebbero affatto nate sulla terra, ma create direttamente dalle mani degli Dei.
All´┐Żinizio dei tempi, sul nostro pianeta, si scorgevano soltanto le vette delle alte montagne ricoperte di ghiacci.
Il calore del sole all´┐Żarrivo della primavera, sciolse la neve. Nacquero cos´┐Ż spettacolari cascate che scendendo a valle, formarono torrenti e fiumi che rapidi e gonfi raggiunsero il mare. Il mare pagava il suo tributo al dio Sole, lasciandosi evaporare e creando nuvole e nebbia.
Il sole, con il suo grande potere, decise di disperdere la foschia che gravava sul mondo e cre´┐Ż un grande arcobaleno che attravers´┐Ż il cielo con i suoi sette colori intensi e puri.
Le divinit´┐Ż del cielo, venute per vedere lo spettacolo, si sedettero su quell´┐Żarco delicato che per´┐Ż per il troppo peso si frantum´┐Ż. I sette colori si dispersero in una moltitudine di brillanti frammenti che danzando e cantando scesero sulla terra. Quei frammenti, catturati dagli alberi e deposti sulla terra, si trasformarono in orchidee. ´┐Ż

Arturo aveva delle domande da fare al fiore, ora che il racconto era finito, ma quello chiuse subito la sua coppa, gir´┐Ż la sua testa, e si ritir´┐Ż al riparo di una lunga foglia.
Il bimbo si alz´┐Ż, non aveva pi´┐Ż nessuna paura della voce del fiore, anzi, durante tutto quel racconto si era sentito come un Dio seduto sull´┐Żarcobaleno. Si allontan´┐Ż in cerca del fratello che da tempo non era con lui, e lo trov´┐Ż seduto in silenzio a gambe incrociate sotto alcune larghe foglie maculate.
Non lo disturb´┐Ż, fece ancora un giro nella grande serra in cerca di Paxton ma lui non c´┐Żera pi´┐Ż.
Il cane usc´┐Ż dalla porta di vetro e lui lo segu´┐Ż.
Fuori, le biciclette stavano dove le avevano lasciate, il sole stava calando ed era proprio ora di fare ritorno a casa.
Dopo pochi minuti infatti,arriva anche Santiago. Ha gli occhi che brillano ed un sorriso gioioso.
Insieme, seguiti dal barboncino riprendono in silenzio la via del ritorno. Il sole ´┐Ż una grande palla rosso fuoco e sta andando a dormire dietro la collina.
Non hanno bisogno di parole, nel cuore hanno un segreto, nella mente immagini colorate.

Il cancello di casa ´┐Ż aperto, la mamma ´┐Ż alla finestra e li aspetta.


- ´┐Ż Dove siete stati tutto il pomeriggio, bambini? Forza salite, ho preparato la cioccolata con la vaniglia.

Santiago sale di corsa, il suo fiore gli ha raccontato che la vaniglia ´┐Ż il frutto di una orchidea e che gli Atzechi che vivevano pi´┐Ż di mille anni fa nel Messico preparavano per il loro Re Montezuma la cioccolata con la vaniglia. Lui ne andava ghiotto e la voleva bere anche cinquanta volte al giorno. I suoi sudditi gliela servivano in tazze d´┐Żoro girandola con cucchiai di tartaruga.

Si leccano i baffi i bimbi, la cioccolata messicana di Montezuma ´┐Ż veramente ottima.
Anche Pietro ´┐Ż con loro, ed ´┐Ż contento di quella cioccolata profumata di fiore. Prima della merenda stava leggendo un libro che ´┐Ż ora al centro del tavolo.

-´┐Ż State attenti a non sporcarlo di cioccolata ´┐Ż raccomanda ai fratelli. ´┐Ż E´┐Ż un libro molto delicato´┐Ż .

Era un grosso volume ricco di minuziosi disegni di foglie e di fiori. Ogni pagina un disegno, ogni disegno un fiore, ogni fiore il suo nome scritto in caratteri colorati.
A lettere d´┐Żoro sulla copertina di cuoio ´┐Ż impresso il titolo e l´┐Żautore di quel libro: Paxton, ´┐ŻStoria delle orchidee´┐Ż.´┐Ż



La voce di Stella Marina si fa pi´┐Ż bassa, una carezza a destra sulla testa di Leonardo ed una a sinistra sulla testa di Isak.

´┐ŻVi ´┐Ż piaciuta bambini ? ´┐Ż

© Elio Zagami



Recensioni ed articoli relativi a Elio Zagami

Nessun record trovato

Testi di Elio Zagami pubblicati su Progetto Babele

(1) Il principe di Elio Zagami - RACCONTO
(2) Fiaba di Elio Zagami - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB

dal 2006-10-08
VISITE: 30654


Segnala un malfunzionamento in questa pagina
© Copyright Note:
Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.
GDPR 2018 - Privacy & Trattamento dati personali