Progetto Babele Rivista Letteraria
© 2002 - Progetto Babele Rivista Letteraria - fondata da Marco R. Capelli
Audiolibri BookShop SCARICA O COMPRA I NUMERI ARRETRATI DELLA RIVISTA
HomePage Contatta PB Il gruppo di Progetto Babele su Facebook Seguici su Youtube Linkedin
TeleScrivente:    Anobii lascia Mondadori (30/05/2019)    I libri di PB, saldi di fine stagione (28/12/2018)    Nasce FIAMMIFERI, la nuova collana della casa editrice Pagine d’Arte (08/11/2018)    Concorso Letterario Nazionale di Ostia “500 PAROLE”: annunciati i 18 finalisti (27/09/2018)    Versante Ripido è morto? (27/09/2018)    [17/06/2019] 8 concorsi letterari in scadenza nei prossimi quattordici giorni    Premio Internazionale di Letteratura Città di Como scadenza 2019-06-20    Good Morning my future scadenza 2019-06-20    Antonietta Rongone scadenza 2019-06-25    Lo Splendore Del Talento - Scintille D’Arte - 2019 scadenza 2019-06-28    Cenerentola con gli stivali scadenza 2019-06-30    Elena M. Coppa scadenza 2019-06-30    Aneddoti dal cuore 2019 scadenza 2019-06-30    VERSI IN VOLO scadenza 2019-07-01    EVENTI, PRESENTAZIONI, CORSI, SEMINARI, FIERE E SPETTACOLI    AUDIOLIBRI     La porta di Cesarina Bo letto da Alberto Morella (Realizzato da Riccardo Cerutti)     La Strega di Marco R. Capelli letto da C. Fratarcangeli e S.Ferrara     Carrozza n.6 di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Fino alla fine dell`alba di Matteo Bertone letto da Samuele Arena     Hannah di Beppe Calabretta letto da Sandra Tedeschi    RECENSIONI     8 e un quarto di Paquito Catanzaro     Ho gettato Dio in pattumiera di Bruno Previtali     Insabel di Vera Ambra    I paradossi dell’esistenza di Laura Rapicavoli     Consigli dalla punk caverna: A noi punk non ci resta che Al Bano di Fabio Izzo    Il Parere di PB     Sandino Il generale degli uomini liberi di Maurizio Campisi    La gallina volante di Paola Mastrocola    Il 1848 e le cinque giornate di Milano di Antonio Monti     Rapsodia su un solo tema - Colloqui con Rafail Dvoinikov di Claudio Morandini    La vigilia di Natale di Maurizio Bassani    Articoli e saggi     Ernest Hemingway e le Isole Borromee     Jack London (1876-1916), ovvero il mare sfidato     La scienza dell’impresa secondo Filippo Picinelli (1604-1679): indagine sulle fonti dell’Introduzione al “Mondo Simbolico”.     Alla mia terra di Agane, campi e acque sorgive     Joseph Conrad ovvero il mare professionale    Racconti     La Strega di Marco R. Capelli     I bossoli dei fratelli James di Massimo Martinelli     Ambrosia per due di Francesco Nucera     Compagni di scuola di Maria cristina Pazzini     La via uruguagia alla felicità di Frank Iodice    Biografie     Svevo, Italo (1861-1928)     Deledda,Grazia (1871-1936)     Némirovsky,Irene (1903-1942)     Walsh, Rodolfo (1927-1977)     Sturluson, Snorri (1176-1241)    Traduzioni     Der Panther / La Pantera di Rainer Maria Rilke trad. di Paolo Esposito     Maternità trad. di Maria giovanna Varasano     L'oscurità amica trad. di Nicoletta Isola     Strana contrada trad. di Nicoletta Isola     Il silenzio del mare trad. di Nicoletta Isola    Poesie     Francesco di Eva Rando     Occhi di Luna di Elisabetta Santirocchi     Poesie Nuove (silloge) di Alberto Accorsi     Istantanea di Natascia Secchi     Gemme rare di Elisabetta Santirocchi    Cinema     Forbidden Voices - How to start a revolution with a laptop (Svizzera 2012) regia di Barbara Miller     Hamlet (UK - USA con Kenneth Branagh: Amleto Julie Christie: Gertrude Derek Jacobi: Claudio Kate Winslet: Ofelia 1996) regia di Kenneth Branagh     Becoming Jane (Con Anne Hathaway, James McAvoy, Julie Walters, Maggie Smith, James Cromwell 2007) regia di Julian Jarrold    Musica     Scimpanzè (2015) - Loris Dalì     FIN (2014) - - Thomas -     Chimera (2014) - Ottodix    
Email
PSWD
AddsZone
Save the Children Italia Onlus
Seguici su YOUTUBE
La Rivista
Copertina
Scarica gratuitamente
l'ultimo numero della rivista
Cart ARRETRATI
BookShop
PB Interactive
>>Stazione di servizio
Consigli & indirizzi per aspiranti scrittori
>>Telescrivente
Le NEWS di PB - quasi un Blog
>>L'angolo di Simone
Dedicato ai più piccoli
>>Piccolo spazio pubblicità
Le vostre inserzioni su PB
PB consiglia
Concorsi e premi letterari
29 concorsi in archivio
Eventi Mostre Presentazioni Spettacoli
0 eventi in archivio
Novità in libreria
NOVITA' IN LIBRERIA
6 novità in archivio
Assaggi
Le Recensioni
     

Urla di culture in fermento
di Andrea Succi
Pubblicato su SITO


VOTA QUESTO TESTO
Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo

Votanti: 6319
Media 79.36 %





Rivedo nel suo sguardo la stessa ansia di farsi che avevo io fino a due anni fa, la stessa feroce angoscia di andar fuori il più presto possibile, la stessa glaciale indifferenza nei confronti di chi non può aiutarlo.
Mi ha appena chiesto una pastiglia.
C’è chi si fa di ecstasy, chi di coca, chi di altre droghe, chi di amore, chi di naturali endorfine.
Io molto più semplicemente mi facevo di alcool. Se ce lo si poteva sparare nelle vene, l’avrei fatto, cazzo se l’avrei fatto!
Ma, ehy, non si poteva!
Mi ha appena chiesto una pastiglia, non ce l’ho, ho chiuso con certi giri.
Lo guardo senza dire nulla.
Non sono seduto al mio solito posto, oggi no, oggi è diverso.
È la prima volta che torno da sobrio, e non so dire se l’effetto mi piaccia o meno.
L’unica cosa che sento è una pungente, a tratti, lancinante, solitudine.
Eppure sono con gli amici di sempre, o forse è proprio per questo.
Eppure questo posto è terribilmente pieno di gente, ogni minuto che passa ne arriva sempre di più.
Un uomo tiene in braccio una fatina bionda e un bimbo di colore.
L’avrà adottato, penso.
La bimba mi guarda e accenna un sorriso. Ricambio.
All’improvviso un fischio assordante invade l’aria e si infila nelle mie orecchie. Non sento più niente.
Sono accerchiato da migliaia di persone, forse qualcuno mi parla ma è come se fossi in una bolla d’aria.
Che qualcuno la buchi, cazzo!
Ma a queste cose bisogna che ognuno provveda da sé.
Mi giro verso sinistra, un folto gruppo di scalmanati si sbraccia e urla, migliaia di bocche si uniscono a formare una gigantesca, mastodontica, immensa bocca che urla all’unisono.
Sembra ce l’abbia con me, sembra voglia mangiarmi in un sol boccone.
Sto morendo di paura, mi tremano le gambe, cerco con gli occhi la fata di prima ma non c’è più.
Mi guardo intorno spaurito, dio mio non c’è più nessuno.
E i miei amici? Niente da fare.
Anche l’immensa bocca è scomparsa.
È rimasto soltanto un ragazzo della mia età, biondo, come me, poco robusto, come me, sembra divertirsi, al contrario di me.
Sembriamo due gocce d’acqua di due epoche diverse.
Io in bianco e nero, lui a colori. O forse l’esatto opposto.
È seduto su un muretto alto due metri, al di qua di una grande e alta vetrata che lo sovrasta.
La sua immagine è riflessa su tutta la vetrata, guarda me, guarda proprio me.
Mi sorride. Alza la mano sinistra, nella quale tiene una bottiglia di plastica da due litri, piena di liquido arancione, e fa il gesto di brindare. Beve. Si asciuga le labbra con la mano e ride, ride di gusto.
Ride di me?
Mi fa l’occhiolino e quando riapre l’occhio ci sento di nuovo bene.
Sento i discorsi dei miei amici, li vedo accanto a me, rivedo le migliaia di persone, rivedo la fatina.
Vedo tante donne, tutte bellissime, una in particolare cattura la mia attenzione.
Avrà più o meno trenta anni e sta gentilmente rifiutando le avances di un giovane e inesperto manager in giacca e cravatta.
Sul suo volto si allarga un sorriso da ingenua conquistatrice di uomini (e forse anche di donne, chi lo sa!) un sorriso fine, di una timida maliziosità.
Un sorriso che gli sorridono anche le orecchie, un sorriso che, da solo, basta a riempire una giornata vuota.
Sembra nata per sorridere.
Sfodera denti bianchissimi, ha labbra morbide e saporite come una morositas, e due occhi da gatta, una di quelle gatte dolci solo con il proprio amante.
Ricevo una botta sulla spalla che quasi mi sbilancia.
Una ragazza con i capelli cortissimi a spazzola mi è finita addosso.
Mi dice solo «Scusa amore!» e scorgo il suo piercing sulla lingua.
Per scusarsi, o almeno così credo, mi dà un bacio a stampo sulle labbra e ricomincia a correre e a farsi largo tra la folla.
Ha fretta e si vede. Oramai ci siamo quasi.
Tutti quegli scalmanati che stanno sulla mia sinistra si sono coperti con un enorme lenzuolo. Ma non fa freddo.
Il lenzuolo mostra un volto che urla pazzia.
L’Urlo di Munch.
È la prima volta che vedo una coreografia dal vivo, anche se una parte di me è ancora sotto quel lenzuolo.
Tra i tanti cori prepartita anche il “Noi odiamo la Juve, noi odiamo il Verona, noi odiamo la Roma, forza Magico Milan” sulle note di Pomp and Circumstance March n° 1 di Beethoven.
Fischio d’inizio. La Scala del Calcio milanese urla cultura.

© Andrea Succi



Recensioni ed articoli relativi a Andrea Succi

Nessun record trovato

Testi di Andrea Succi pubblicati su Progetto Babele

(1) Urla di culture in fermento di Andrea Succi - RACCONTO



>>ARCHIVIO RACCONTI
>>GLI AUDIOLIBRI DI PB



-

dal 2007-03-27
VISITE: 12937


© Copyright Note: Tutto il materiale qui pubblicato è proprietà intellettuale degli autori.
Come tale non può essere riprodotto, tutto o in parte, senza preventivo consenso degli autori stessi.